lunedì 25 luglio 2016

French Toast con gelato, mandorle e albicocche

Ok, buongiorno e buona settimana a tutti, piccolo cambio di programma rispetto a quanto promesso, ma tutto sommato manco tanto, dai :D...

Dicevamo infatti settimana scorsa che la prossima cose fresche e niente forno, vero?
Dai più o meno sì.
O meglio, la ricetta di oggi non riguarda esattamente la brioche che serve per farla, quanto il trattamento a cui viene sottoposta... ;-P

Sì perché il French Toast o Pain Perdu, nella loro versione dolce o salata che sia (fino ad arrivare al sudamericano Emparedado), è un modo di cucinare, immergendoli nel latte e/o uova, poi ripassandoli in padella in un "filino" di burro o olio, e servendo a piacere con miele, yogurt, frutta, ma anche verdura o cremine spalmabili varie, fette di brioche ma anche di pane, o pancarrè, o quello che preferite.

Quindi ecco, se non siete così fuori di testa da cucinarvi la solita brioche settimanale anche con 40 °C, usate pane, pancarrè o altri prodotti da forno che vi ispirano.
Se invece vi ve di farvi la brioche da voi, qui ne trovate una alla francese buona-buona (e con lievito di birra), e qui la versione integrale (e con lievito madre).

Io per la versione della foto ho invece usato la ricetta delle brioche al latte di mandorla di All'ombra dei mandorli in fiore (e adesso che ci penso, anche qui sul blog c'è una versione, magari meno evoluta ma buona uguale ;-P!), perché mi suonava davvero bene con le albicocche.
Queste ultime le ho macerate in un "sughino" si miele d'acacia , limone e vaniglia, e alla fine, tanto per starcene leggeri (ma rinfrescare, come promesso, l'insieme ;-)), ci ho schiaffato una pallina di gelato.
Poi niente, un richiamino di mandorle a lamelle, una spolverata di zucchero a velo a piacere, e andiamo, il French Toast è fatto!

Ecco a seguire la ricetta. Potete sostituire le albicocche con qualche fetta di pasca noce e la vaniglia del "sughino", con poco zenzero in polvere, per una versione più piccante e croccante..

French Toast alle mandorle, albicocche e vaniglia
ingredienti per 4 fette (4 persone, o abbondante per 2)
4 albicocche
2 cucchiai di succo di limone
2 cucchiai di miele d'acacia
i semini estratti da un baccello di vaniglia
1 uovo
40 ml di latte di mandorle (o altro latte a piacere)
4 fette di brioche alle mandorle (o altra brioche a piacere, o di pane)
burro q.b.
gelato al fiordilatte o alla panna q.b.
mandorle a lamelle q.b.

Mescolare il succo di limone, il miele, i semini della vaniglia. Tenere da parte.
Lavare, asciugare e tagliare a spicchi le albicocche, poi immergerle nello sciroppo di limone e miele.
Sbattere bene il latte con l'uovo.
Tostare leggermente le fette di brioche e poi immergerle nel composto di latte e uova, premendole bene da ambo i lati.
In una padella fondere il burro e cuocere le fette di brioche fino a che non diventano dorate da entrambi i lati.
Trasferirle ancora tiepide su un piatto, aggiungere le albicocche, il gelato, il restante sciroppo di miele limone e vaniglia.
Finire con le mandorle a lamelle e servire immediatamente.







13 commenti:

  1. Ma Buon giornoooooooo! cavoloooo che super ricetta....! io biscotti col cioccolato e tu vara che mi propini... una cosa chiccosissimaa! ehm.. una volta mi ci son cimentata con le briochine del liberrimo, ma lasciamo perdere.. devo prendere la mano.. i son venute delle robe.. forse posso iniziare col pane... eheheee quindi pancarrè e poi brioche.. direi che se vado a gradi è meno traumatico.. però vado a vedere se quelle di qui blogghino son più facili....
    sai, le paste di Anne adesso mi vengono bene, quindi potrei azzardare quelle con le nocciole! ;) però sta ricetta per una colazione coccolosa della domenica è fantastica.....
    io le ho trovate ancora le albicocche... al mercatino produttori coldiretti... quinid posso pure provare.. eheheheee....qui oggi è nuvoloso e tuona.. quindi ci sta di poter cucinare... :)
    zi zi zi... ieri pasta friggitelli e mandorle liberrimooooo! tooppppp! baci baci.. manu manu,...
    comunque daje de forno che non stanca mai.. poi io ho trovato sta furbata de fa le cose la sera.. che guarda... mi piace assaiiii!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooooo!!!!
      Allora punto 1 friarielli tutta la vita <3 <3 <3
      Buoni ve'?
      Quella pasta è nata al mare, in Puglia... Come fai a non mettere mandorle e peperoni verdi??? ;-)
      Punto 2. E per le briochine???
      Come mai? È una questione di pasta madre o altro? Magari provi prima con quelle al lievito di birra del blog... Ma quelle del libro sono a prova di bomba! :) (me devi racconta' ;))
      Punto 3. Io il libro dei biscotti fatto tutto d'estate è tutto di notte, la cucina... ;-)

      Elimina
    2. ahahahahaaaa!!! non buoni, Ross.. buonerrimiiii!!!!! aaaahhh poi li avevo piccccoliiiiii che me li aveva dati una mia amicaaaa... che goduriaaaaaaa!
      per le briochine.. era la prima volta.. si forse anche la pasta madre.... più io impedita magari che subito a vole fare le trecce... mo' forse è meglio che prima inizi con una cosa più semplice....
      ma oddio quanto son buoni quei biscotti col ciocco e caffè ... e anche al vincotto... Diiiiiiiiooo Rossiiiiiiiiiiii quanto ti amooo!!!!
      ha iniziato a piovere ed ho impastato un pane giusto per rimanere in allenamento.. ;) era da un pochinino...ehhh.. ho usato il lievito madre quello essicato della Mulino Rossetto.. quando non ho la bimba e nemmeno la birra (cioè il lievto di birra) con quello mi ci trovo bene... :)
      mi immagino che le brioche liberrime con una bomba so firmate Rossella...
      cacchio! devo smanovrareeee!

      Elimina
    3. ahahhaha, ma quanto mi fai morire (e ti adoro?)?
      sì, smanovra, va'... e anzi, come vedi la versione di oggi delle brioches alle mandorle del liberrimo è semplificata, se la questione è la forma. Ho infatti usato quella ricetta, poi diviso l'impasto in 4 pallette e le ho disposte a fare la seconda lievitazione in fila in uno stampo da plum cake! ;)

      Elimina
  2. Buongiorno! Anche io mi riprometto di non accendere il forno nei mesi più caldi, ma poi puntualmente mi viene voglia di biscotti e torte fatte in casa e mi ritrovo con 40° in cucina :0)! Le brioche al latte di mandorla sul tuo libro hanno un aspetto davvero invitante, mi sa che fra non molto accenderò di nuovo il forno, d'altra parte la pasta madre mica può andare in vacanza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, che bello, mi pare che tutte le matte che accendono indiscriminatamente il forno anche con queste temperature si riuniscano qui a raccolta!!! (noi hai idea la felicità)
      Questa di oggi è una versione "formalmente" semplificata, come accennavo a Manu qua sopra, delle brioches alle mandorle. Magari per via del caldo, così, ci risparmiamo la fatica di intrecciare... ;)

      Elimina
  3. Ciao Ros,
    che belle queste idee estive...soprattutto sono veloci...bravissima come sempre.
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh Chiara che bello quando passi di qua <3
      Grazie... :)

      Elimina
  4. Ma la bellezza di queste foto, Ross? vogliamo parlarne? cioè, mi fanno immaginare il sapore di questo french toast, e anche il profumo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca... Che cosa stupenda che mi hai detto "mi fanno immaginare il sapore di questo french toast"...Pensa io ero da te come zoombie incapace di intendere e di volere davanti a sciroppo d'acero e mirtilli <3

      Elimina
  5. oh...io il forno lo accendo tutta l'estate un giorno sì e uno no per fare il tortone da colazione :)
    quindi, perchè no una brioche? un bacio :*

    RispondiElimina
  6. Wow veramente bella ricetta la farò come colazione questo inverno che si riinizia palestra, infatti sembra molto la colazione americana veramente buona

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...