giovedì 14 gennaio 2016

vellutata di (gambi di) cime di rapa e mandorle

Ci dev'essere senz'altro qualcosina che non va, nel mio bel cervellino.. :)
No, per quanto riguarda il fatto che qui ci sia una vellutata oggi, tutto regolare. Anzi, a gennaio, in quella pausetta tra i panettoni e i fritti carnascialeschi, che, non vuoi farti quelle sane e regolari taniche di beverone caldo e verde????
Il fatto che contenga mandorle, conoscendo il soggetto (il soggetto me), tutto regolare.
L'ingrediente cime di rapa ci sta benissimo con la mia metà mediterranea, ovvero lucana.
L'idea di realizzarla con la parte di scarto delle suddette cime di rapa pure, è nelle mie corde come credo in quelle dei miei lettori affezionati che mi conoscono e che spesso condividono con me il mio modo di sentire in cucina, ed è ormai in uso da un po' (un po' per la crisi, un po' per una maggiore coscienza ecologica del cibo e della cucina, e anzi per chi fosse interessato qualche altra ricettuzza la trovate qui, qui e qui).
Ma il fatto che ormai la sottoscritta compri un mazzo di verdura, di qualsiasi genere, e come prima cosa inizi a togliere gli scarti e cucinare direttamente con quelli, questo mi comincia a dare da pensare.
No perchè poi uno fa la vellutata e tiene da parte tutte le foglie "buone", poi cucina coi gambi, e infine, dopo due gg, deve pure darsi una mossa perchè le foglie "buone" cominciano ad ingiallirsi!!!
Quindi voi che pure siete virtuosi, o semplicemente curiosi, ma al tempo stesso ancora sani di mente, e avete voglia di provare questa vellutata buona, sana, detox, verde, molto à la page e politically correct, magari usate come tutti prima le foglie, e poi tutto il resto (tra l'altro i gambi, a rigore, durano pure di più, no?

Quindi, procedendo con ordine:
  1. se volete fare una cosa buona, ma proprio buona buona e (e annzi perchè non ci ho pensato io stessa?): andate di "borek", ma Vaniglia-style ;). La ricetta qui.
  2. Se invece volete stare sul semplice (anche troppo?), ve le ripassate al forno con le arachidi.
  3. Infine, con quello che rimane, ovvero quello che a volte si scarta, per una cenetta senza pretese, ma calda, accogliente, sana e gustosa come a gennaio ci stanno tanto bene, la vellutata qua sotto
  4. (ci sarebbe un 3.bis tenendo da parte qualche foglia per realizzare un pesto di mandorle e cime di rapa molto interessante e che vedete nella coppetta in foto e che avevo usato per condire delle orecchiette integrali buonissime ma che, ehm, credo di non aver fotografato, ma magari ve lo posto uguale, un domani, in qualche modo :))
Ad ogni modo, per la vellutata, ecco la ricetta.
Unico accorgimento, non preparatela in anticipo, o meglio non un giorno per il successivo.
Ho notato infatti (avendone cotta un quintale per due) che mentre la stragrande maggioranza delle vellutate il giorno dopo è più buona, questa tira fuori un po' di amaro, cosa che alla sottoscritta per esempio non dispiace molto, ma che non a tutti può andare a genio..

vellutata di gambi di cime di rapa e mandorle
ingredienti per 4
un mazzo di cime di rapa (700-800 gr)
2 carote
1 costa di sedano
1 carota
1 lt abbondante di brodo vegetale leggero, caldo.
100 gr di mandorle con la pellicina
pecorino romano o parmigiano reggiano a piacere
olio extravergine d'olive
sale
pepe

Lavare bene e tagliare a rondelle i gambi delle cime di rapa.
In una pentola capiente fare un soffritto leggere con un filo di olio d'oliva e un trito sottile di cipolla carote e sedano, poi aggiungere i gambi delle cime di rapa e far insaporire rimestando con un cucchiaio di legno.
Aggiungere poco sale e mescolare, poi versare il brodo caldo fino a coprire la verdure e lasciar sobbollire "semicoperto" (cioè col coperchio un po' scostato con il cucchiaio "a tenere") per una mezz'oretta.
Mescolare di tanto in tanto e aggiungere brodo caldo se la verdura si asciuga troppo.
Dopo mezz'ora controllare la cottura e se le cime di rapa sono morbide frullare con il frullatore ad immersione. Aggiustare di sale e aggiungere le mandorle grossolanamente tritate, poi continuare a frullare con il frullatore ad immersione, aggiungendo ancora poco brodo se occorre.
Se invece la vellutata si presenta ancora liquida, rimettere sul fornello ancora 5 minuti...


8 commenti:

  1. Ah ah ah ^^ allora non sono l'unica che inizia a cucinare dagli scarti! Mi consoli!
    Buonissima la vellutata, deve essere anche molto dolce!

    RispondiElimina
  2. Rossssssssss
    che bello di giovediiiiiiiii!!!!!!!!!!
    in realtà ehm,... io son come te, (se seppò di!!!!)e quindi... mo me la faccio diretta., altrochè se me la faccio.. con o senza scarti!!!!!!!!!! tuuuuuuuuuuutttaaaaaaaaaaa!
    troppo bello averti oggiiiiii!
    trnata dal mercato ho comprato il pesciolino ma,per scaldar un po' il pancino ci vuol proprio sto bel brodinoooo!!!!!!!!!!!!!
    ;)

    RispondiElimina
  3. Eccoci!!!!!

    Arianna, ma TU consoli ME!!!! (una gabbia di pazze???)
    Manu, infatti secondo me si può fare anche mettendo dentro sia foglie che gambi! ciao ciao piccoletta

    RispondiElimina
  4. bene bene bene... amica mia super rossella oggi ho fatto tre e dico tre infornate di specuooooooooloooooooooooooossss! ahahahaaaaa!
    io ho mi son già persa tra tutti i vari collegamenti ipertestuali che hai fatto mannaggia a me... fortuna che cime di rapa e cavlolfiori son di stagione perché le vorrei far tutteeeeeeeeeeee!
    io sta sera mi son pappata na sugliolina dai.. na volta un pcohin de pescin!!!
    ti adoro super roooossss! tu, gli speculooooss e gli scarti! aaaaaaahhhh anche io ho fatto il pesto coi broccoletti l'altro giorno!
    baci baciiii
    ,Manu

    RispondiElimina
  5. è sempre bello entrare in questo mondo e leggere di te. e guardarti attraverso i tuoi occhi - perchè le tue foto sono per noi i tuoi occhi. Buon 2016 Ross, un bacio da Olivia. Sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena mia bella!
      Buon 2016 anche a voi..!
      Un buon anno per vedersi ;-)

      Elimina
  6. Il percorso all'incontrario della verdura... solo tu! :)
    Buon fine settimana amica mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehiiiii.
      Di nuovo avevo perso il commento!
      Ehm. Tutta al rovescio sì! ;-)
      Anche a te. Buona domenica. Un abbraccio.
      :-*

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...