lunedì 10 agosto 2015

Clafoutis (franco-italiano ;-P) alla Caprese

Beh, ecco, pensavo che per ogni insalata che riesco a postare, potrei subito dopo (bonus acquisito! ;)) spararmi un bel piatto di forno!

Che, ok, ormai lo sapete, io senza forno non ci so stare.
e poi pensavo, cucinando questa, che volete dirmi che luglio-agosto voi non lo accendete proprio mai-mai-mai??? neanche una volta piccola? Manco per fare una bella teglia di verdure dell'orto o due pomodori ripieni al forno?
Neanche una pizza!?

No perché se qualcuno a casa si sacrifica per il resto della famiglia che boccheggia fuori in giardino, o dentro in soggiorno, e si cimenta in cucina con uno di questi piatti da cuocere al forno appena citati, o anche altri (una pie ai mirtilli selvatici, una focaccia da farcire con prosciutto o erbe, un bel pescetto arrosto), beh son sicura che quel qualcuno siete voi.
E penso anche che, una volta infornata la focaccia, a quel punto buttare su e cuocere al volo anche un clafoutis salato allora il passo è breve!

Dunque facciamo che io la ricetta ve la metto, che poi in questa stagione che i pomodori sanno dare il meglio di sé, è d'obbligo usarli in tutte le salse, e che poi magari voi se proprio non ce la fate, ve la segnate per settembre, mentre se il forno vi tocca accenderlo comunque, sbattere du'ova al volo e infilarci dentro qualche bocconcino di scamorza, una presa di origano secco e due rametti di pomodori Pachino (con ramo e tutto eh... (benedetta deformazione professionale con velleità fotografiche annesse... ;-))), dai che non ci vuole nulla!

Il Clafoutis è un dessert di origine francese (della regione Limousin) tradizionalmente realizzato con ciliegie cotte in forno in una pastella simile a quella delle crepes, o delle frittate.

Secondo la tradizione il clafoutis veniva preparato con ciliege selvatiche intere, dal nocciolo molto profumato ed era il pasto dei contadini, che lo portavano con sé nelle giornate di lavoro, mentre tagliavano e raccoglievano il fieno. Può essere realizzato con frutta diversa dalle ciliegie, e in quel caso prende il nome di “flognarde”.

E' di fatto un modo piuttosto elegante di riciclare avanzi. Ed io ne ho preparata una versione salata (non è la prima volta, su questo blog ;-P), proprio mettendo insieme, più che avanzi, qualche rimasuglio culinario... Mi piaceva l'idea di farne una versione "alla Caprese", con pomodorini, origano, e ovoline di scamorza. Questa fusione franco-italiana ce piace, non c'è e verso, e il risultato non ha affatto deluso le aspettative...

Ne esistono delle versioni anche con pane raffermo senza crosta bagnato di latte o succo di frutta al posto della farina.
Non vi nascondo che queste versioni ancora più rustiche mi affascinano assai e non escludo che prima o poi, su questi teleschermi...

Clafoutis salato ai pomodori Pachiono, ovoline di scamorza e origano
ingredienti per una teglia da 20 cm di diametro

2 rametti di pomodorini pachino (circa 16 pomodorini in tutto)
6 ovoline di scamorza
2 uova
30 g di farina
20 g di maizena (amido di mais)
100 g di latte
100 g di yogurt
1 pizzico di sale
olio extravergine d'oliva
una manciata di origano

Lavare bene i pomodorini (voi che siete sani di mente potete togliere loro i rametti) e tenere da parte.
sbattere le uova con il latte e lo yogurt, poi condirle con poco sale, poi aggiungere la farina e la maizena, sempre sbattendo in modo da non formare grumi.
Disporre sul fondo di una teglia leggermente oliata i pomodorini interi, poi versare all'interno della teglia il composto a base di uova, che è piuttosto fluido e si distribuirà facilmente tra un pomodorino e l'altro. Aggiungere le ovoline di scamorza e condire con l'origano.
Cuocere in forno già caldo a 180 °C per circa 30 minuti


9 commenti:

  1. Ho giusto una bella pagnottina che sta dormendo quindi si, il forno si accende anche ad agosto! Non possiamo mica giustiziare la pasta madre solo per qualche grado in più in cucina, noooo?!? ;-) il clafoutis coi pomodori "celo", con sapori tra la Provenza e la mia Liguria, ma manca la versione caprese style! Occorre rimediare, of course ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Virginia lasciatelo dire, te sei una sicurezza! ;-)

      Elimina
  2. ottima soluzione e alternativa alle classiche torte salate, assolutamente gradita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucy sì!!! E poi ancora più veloce, quasi una frittata "nobilitata", no?

      Elimina
  3. eehhh....io il forno lo uso tutta l'estate :D
    i miei senza torta per la colazione non sanno stare. e quindi, già che il forno è acceso, si possono cuocere anche le verdure ripiene, le tortine salate, le melanzane pizzaiole...no?
    BACIO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto!!!!
      Vedi che non sono sola???

      Elimina
  4. Ciao! assolutamente...anche noi non siamo proprio in grado di rinunciare al forno! Ok, lo ammettiamo, dove possibile utilizziamo più spesso il microonde...ma non c'è storia, alcune preparazioni per forza devono essere fatte in forno!!
    Buonissimo questo tuo clafoutis! semplice e ci torna utilissimo per utilizzare tutti i pomodorini del nostro orto!!
    Bellissima idea!!

    RispondiElimina
  5. Io, ci credete? mai avuto o usato forno a microonde in vita mia... Antica, sono! ;-)

    RispondiElimina
  6. E dire che ieri sono passata davanti ad una bella bancarella che vendeva "mirabelles" a volontà e stave per comprarle per fare un...clafoutis ;-) Questa versione salata mi affascina ed ora che sono tornata a nord (ahimé), il forno lo posso accendere, altro che!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...