giovedì 5 marzo 2015

fougasse à l'eau de fleur d'oranger

Questa ricetta è pronta da tanto.
O meglio voglio postarvi questa ricetta più o meno da quando sono stata a Nizza, quindi a occhio e croce un paio di mesi buoni...
Solo che a Nizza di foto io ne ho fatte tante tante, e aspettavo sempre di avere il tempo di sistemarle e postarvele insieme alla ricetta in questione.
Dunque, dato che il tempo a disposizione in questo periodo è pressoché nullo, e che prima o poi (tanto non scampate!) le foto di Nizza ve le propinerò tutte, la ricetta poso "mandarla avanti", in modo che possiate cominciare ad assaggiarla con la bocca, ancora prima che con gol occhi, questa città bella che sa di Francia anche se sembra di stare in Italia. O viceversa.

Si tratta di una focaccia dolce tipica della cucina nizzarda e della quale ho assaggiato (rimanendone letteralmente fulminata ;-)) la versione del boulanger sotto casa, nel centro della Vecchia Nizza.

E' un "dolce" da colazione di quelli che fanno perdere la testa a me, fatto di "pane" con poco zucchero, olio extravergine d'oliva e l'impareggiabile acqua di fiori d'arancio di cui vi avevo parlato anche qui..

E' deliziosa. Soffice senza essere troppo penosa. Perfetta per essere accompagnata con la marmellata ma maledettamente buona appena tiepida e senza nulla.

A me ricorda quel sole caldo e quel mare azzurrissimo...

Buona giornata e buona colazione a tutti!




ingredienti per un paio di focacce
240 g de farina di forza (più uno o due cucchiai)
60 g di pasta madre
40 g de zucchero di canna in cristalli
40 g di olio extravergine d’oliva
100 g di latte
1 cucchiaio di acqua di fiori d’arancio

Sciogliere la pasta madre nel latte tiepido ed usare il liquido così ottenuto per impastare la farina, aggiungendo prima lo zucchero, poi l’acqua di fiori d’arancio, infine, dopo aver impastato già qualche minuto, l’olio d’oliva poco per volta. Aggiungere poca farina se occorre ed impastare bene.
Formare una palla e far riposare al riparo da correnti per 4 ore, poi dividere l’impasto in du e parti uguali e stenderlo a circa 1 cm su una teglia rivestita di carta da forno. Praticare qualche taglio nelle focacce e lasciar lievitare ancora circa un’ora.
Cuocere in forno già caldo per 15-20 minuti a 180 °C.

Un consiglio: siate parchi di acqua di fiori d'arancio se state utilizzando un'acqua diciamo più commerciale di quella che ho citato, per evitare l'effetto "focaccia inzuppata nella boccetta di profumo" ;-)

13 commenti:

  1. Buongiornissimo Rossella!!!
    Meraviglia delle meraviglie questa fotografia (e pure quel che c'è dentro) :) con quella luce un po'ombrosa che adoro... Che bello iniziare la giornata così! Un bacio carissima :* :)

    RispondiElimina
  2. Buongiornissimo Rossella!!!
    Meraviglia delle meraviglie questa fotografia (e pure quel che c'è dentro) :) con quella luce un po'ombrosa che adoro... Che bello iniziare la giornata così! Un bacio carissima :* :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaaaaoooo!
      :)
      Sì, questa È una focaccia buona da morire... Si è chiamata la sua foto! ;-) (a volte succede, vero???)

      Elimina
  3. Eccola finalmente la tua fougasse! al momento non ho l'acqua di fiori d'arancia, ma potrei azzardarmi a replicarla con l'essenza di vaniglia fatta in casa, quasi quasi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì. Vai! Approvatissima. Anzi non vedo l'ora che tu la faccia!!!
      :*

      Elimina
  4. Non avendo pasta madre come posso compensare?

    RispondiElimina
  5. Ciao cynthia!
    Puoi usare 6 grammi di lievito di birra e accorciare di molto le lievitazioni.
    A questo punto non è nemmeno necessaria tutta farina di forza. Puoi tagliarla o sostituirla con una farina di media forza usando però meno latte (non so, 80 grammi mettendolo manmano e regolandoti, che le farine meno sono forti meno assorbono i liquidi..).
    Poi mi dici come viene???

    RispondiElimina
  6. Non l'ho mai assaggiata ma pensavo che la fougasse fosse salata non dolce. Deve essere molto profumata con l'acqua di fiori d'arancio

    RispondiElimina
  7. Adoro le fougasse nizzarde, ma mai ne ho assaggiata una versione dolce.. subito in to-do-list!!

    RispondiElimina
  8. conosco la versione classica con le noci ma non questa, assolutamente da provarla|

    RispondiElimina
  9. L'acqua di fior d'arancio è una mia grande debolezza! Racchiude tutto un mondo nel suo delicato profumo, un mondo tutto mediterraneo, come piace a me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È perfetto quello che dici. E parli di quella "vera", oh come si sente... ;-)

      Elimina
  10. Giulietta, Elenuccia, Lucy, io invece conosco solo questa! Dovrò darmi da fare con le altre versioni! ;-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...