mercoledì 11 febbraio 2015

Zuppa calda di grano saraceno e porri

Dicevamo qualche tempo fa che alcune zuppe o vellutate su questo blog sono solo accidentalmente detox, dato che alla fine la sottoscritta sta sempre a frullare e scaldare e vellutare e bere robe sane e calde, e insomma non è che faccia notizia una brodaglia da'ste parti ;-P...
Solo che questa, sarà il grano saraceno, saranno questi graziosi spettinatissimi germogli di porro n'coppa, è proprio una di quelle zuppe un po' sul radical o vegano o salutista che tra l'altro a farle ci vuole un nanosecondo e poi quando la mangi ti senti bravo bravo bravo.

La ricetta viene da un numero della scorsa primavera di Elle à Table, di quelli che guardi la rivista e poi la dispensa e pensi "c'ho tutto, pure il cucchiaio", tanto che in effetti pure la foto è visibilmente ispirata all'originale, solo che in quel caso dubito che come fondo abbiano usato il campione della copertura di tela di una tensostruttura... (architetti???? ;-)), inoltre ho anche il vago dubbio che in quel caso il grano saraceno non fosse esattamente cotto, dato galleggiava un po' troppo allegramente in superficie, mentre il mio manco a cannonate (e non sono una che stracuoce ;)).

Insomma, foto a parte (che è stata scattata schiena a pezzi e ormai buio alla fine di un servizio fotografico che mi aveva massacrata, e che col servizio non c'entrava nulla, ed erano le 16,30, ed era il mio pranzetto :D), la zuppa è di quelle che ti fanno sentire brava, e danno così tanta soddisfazione che credo che qualche altra cosetta al grano saraceno ve la propinerò a breve, su questi schermi, oltre alla quiche di lunedì e il superdolcino di dopodomani... :))

Ma insomma, per ora, ecco questa...

zuppa calda di grano saraceno e porri
ingredienti per 4 persone
2 carote
1 porro
60 g di grano saraceno
1 litro di brodo di verdura
olio extravergine d'oliva
germogli di porro

Lavare e sbucciare le carote, lavare i porri, poi affettare entrambi a pezzi piccoli e farli ammorbidire in un ampio tegame in un filo di olio extravergine d'oliva.
a questo punto aggiungere il grano saraceno, far insaporire un paio di minuti mescolando, e poi aggiungere il brodo.
Far cuocere una ventina di minuti o il tempo indicato nella confezione del grano saraceno.

Servire calda impiattando con qualche ciuffetto di germogli di porro.


9 commenti:

  1. ahahah, no ma guarda: io con le bordaglie vado a nozze <3 Un abbraccio Ross

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti con questa ti ci vedo proprio tanto saiiiii???? ;-)
      Un abbraccio forte anche a te..

      Elimina
  2. uh!!! scommetto che questa la so fare anche io :-)

    RispondiElimina
  3. Sìì, ma non solo questa! ;-)

    RispondiElimina
  4. Che bontà questa zuppa, la rifarò al più presto, tanto... ho tutto!

    RispondiElimina
  5. Tela di una tensostruttura...tu sei diabolica :-))

    RispondiElimina
  6. mmmm ma che buona sa proprio di una dolce coccola!!!
    a presto cara

    RispondiElimina
  7. Che bella questa ricetta! Anche io di questi periodi vado di brodini e zuppe! Ciao!

    RispondiElimina
  8. Buongiorno ragazze!
    Scusate ero rimasta un po' indietro coi commenti (e col mio post, arrivato solo poco fa), ma ieri è stata una giornata bella piena ;-)
    *elenuccia: ehehehhh
    *azzurra: a presto anche a te!!
    *livia: il grano saraceno è diventato uno dei miei ingredienti preferiti, ho appena postato delle tartellette al cioccolato e kasha di grano saraceno caramellato, e continuerei ancora per giorni a postare a tema... :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...