sabato 14 febbraio 2015

Amore, grano saraceno e cioccolato

(e la sciccheria della Kasha di grano saraceno pralinata... ;-))

Buongiorno e buon sabato a tutti!!!

Ecco, io avrei voluto postarvela ieri, questa strepitosa e al tempo stesso semplicissima ricettina qui...
Almeno per darvi il tempo di accattare quei picchi interessanti (e perfetti) ingredienti di base e far trovare queste tartellette al vostro amore per la colazione di stamattina.

In verità questo è un dolce che io personalmente vedrei molto bene per l'ora del tè o come dessert per una cena (anche di soli due coperti ;) <3 ), quindi, dato che so che qualcuno di voi ha già fatto la torta salata di lunedì, vi giuro che a fare e cuocere questi gusci e poi a fondere poco cioccolato con la panna non ci vuole proprio nulla, quindi ecco, vi saltasse in testa all'ultimo (cosa tipica mia) di preparere oggi stesso un dolcino per la persona a cui volete bene (e qui metto anche una mamma un babbo una sorella o un fratello, un'amica speciale, i cugini, le colleghe, insomma che sia un San Valentino allargato, che l'Amore è generoso... ;))

Ah, la sciccheria del grano saraceno!

Vi avevo raccontato, no, lo scorso lunedì della Kasha di grano saraceno?
Una volta tostata in forno e sgranata io l'ho messa in un barattolino, e la sera stessa mi domandavo "cosa posso farci cosa posso farci". Sempre la sera stessa, incaponitami di farne una "versione dolce", ho avuto la geniale pensata: la caramello con poco zucchero in un padellino e la schiaffo in delle tartellette anche loro fatte di grano saraceno, con il cioccolato, che è d'obbligo co'sto fredde  di questi tempi di feste di innamorati.

E insomma eccole qui, le tartellette.
Mi ricordavo che la mia amica Barbara le aveva postate tempo fa, ispirandosi ad una ricetta di Saveurs, e mi ricordavo di avere anche io quel numero (vabè la country girl che alberga in me di quel numero era rimasta colpita da muffin alla crusca ;)), e sono andata a riprendermi la ricetta della rivista, salvo poi scoprire che a pensare di caramellare la kasha non ero stata io la prima persona al mondo ( ;-P ), e che proprio questo anche gli illustri signori avevano pensato...

Ehvabè, voi tanto prendete lo stesso per buona la mia genialata di qualche giorno fa, e magari riuscite anche al volo a cucinare queste tartellette.
Sono certa che non ve ne pentirete... :)

Tartellette di grano saraceno, con ganache al cioccolato e Kasha caramellata.
per la pasta per 4 tartellette
150 g di farina di grano saraceno
75 g di burro + poco per le teglie
1 pizzico abbondante di sale (facoltativo)
30 grammi di zucchero di canna in cristalli
1 uovo
per la ganache al cioccolato
300 g di cioccolato fondente
20 cl di panna
50 g di kasha di grano saraceno (la ricetta qui)
20 g di zucchero di canna in cristalli

La ganache è molto buona, e ci sta un gran bene, ma io avrei molta voglia di riprovare questi fantastici gusci croccanti, con quella che è per le il top delle ganaches al cioccolato, cioè questa.

Per la pasta, mescolare in una ciotola la farina, il sale e il burro, "pizzicando" velocemente con la punta delle dita fino ad ottenere un composto bricioloso. A questo punto aggiungere l'uovo ed impastare velocemente e cercando di non scaldare troppo l'impasto. Ottenere una palla un po' schiacciata, coprire e far riposare in frigo almeno un'ora.

Trascorso questo tempo preriscaldare il forno a 180 °C, imburrare e infarinare gli stampini, poi stendere la frolla ad uno spessore di circa 3-4 mm e foderarvi gli stampi preparati.

Cuocere nel giorno già caldo rivestiti di carta da forno e cosparsi di pesi da cottura o legumi secchi. Cuocere per 8-10', poi togliere carta e legumi e proseguire la cottura per altri 5'.

Sfornare e lasciar freddare completamente su una griglia.

Nel frattempo tagliare il cioccolato in pezzi e scaldare la panna, poi versare quest'ultima sul cioccolato e mescolare fino ad ottenere una ganache omogenea.
Far intiepidire e versare nelle tartellette.

In un pentolino far sciogliere a fuoco dolce lo zucchero, poi versare la kasha do grano saraceno grossolanamente tritata al coltello. Aggiungere uno o due cucchiaini d'acqua se occorre. Lasciar caramellare qualche minuto e poi trasferire, ben distanziati gli in dagli altri, su un foglio di carta da forno. Utilizzare la kasha così ottenuta per finire le tartellette.





21 commenti:

  1. Che golosità! Mi hai proprio tentata con queste tartellette e la loro (tua) genialità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahhhh, Arianna, allora vuol dire che funzionano!!! :D

      Elimina
  2. Rossella! Che meraviglia di dolce:) appena ho visto la foto su Instagram sono corsa sul blog a leggere la ricetta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È "semplice e assoluta", come piace a me... ;-)
      Grazie. E un sacco di baci di buon finesettimana cara... <3

      Elimina
  3. Eleganza, golosità, amore: ingredienti per una cena di San Valentino perfetta. Come queste tue meravigliose tartellette. Sai sempre come stupire nella semplicità. Bravissima! :*

    RispondiElimina
  4. Eleganza, golosità, amore: ingredienti per una cena di San Valentino perfetta. Come queste tue meravigliose tartellette. Sai sempre come stupire nella semplicità. Bravissima! :*

    RispondiElimina
  5. Uh Valentina grazie!!!
    Grazie per le tue parole e il commento...
    Come mi fanno felice sempre i tuoi commenti!
    ;) <3

    RispondiElimina
  6. Creativa chiccosa e fantasticamente buona questa ricetta.. Foto da svenimento !!

    RispondiElimina
  7. Luisa!!!!
    Sai di quelle foto che vengono solo per questo "parla" cosa stai fotografando? ;-)

    RispondiElimina
  8. Proverò una versione senza lattosio :-) vediamo che combino!!!!! Sono deliziose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura avevo in mente di farla anche io nel finesettimana... Se ho tempo di addivenire a qualche risultato ti aggiorno nei commenti a questo post.. Per la ganache puoi provare quella di cui ho messo il link togliendo o sostituendo il burro..

      Elimina
  9. infatti mi parevano quelle! io personalmente le ho trovate del genere "gnapozzofà", veramente troppo orgia ciccolatosa per i miei gusti, ma molti hanno apprezzato invece :-*

    RispondiElimina
  10. maccome???? (vabè tu non vali, tu hai l'allergia al cioccolato ;))
    Ganache bella amara che sa SOLO di cioccolato, e frolla bella asciuttina e croccante che sa SOLO di grano saraceno, più la cosa croccantina sopra... <3

    RispondiElimina
  11. ahhhh, vedi che scritto ieri notte in preda alla fatichezza che non messo link né di te né di saveurs... mo' provvedo

    RispondiElimina
  12. mamma mia che meraviglia!!!!quella ganache dev'essere strepitosa!!!
    buona domenica cara

    RispondiElimina
  13. Sì, ma anche QUELLALTRA (quella linciata nel post ;-)). Provale entrambe, una meglio dell'altra!

    RispondiElimina
  14. sono in un periodo in cui amo alla follia il grano saraceno, e....mi appunto queste piccole delizie! ;)
    Bacione e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  15. Simo ma lo sai che anche io????
    Allora vengo subito a trovarti...

    RispondiElimina
  16. Mamma che libidine queste tartellette, subito da fare! Amo il grano saraceno per non parlare della ganache al cioccolato...

    RispondiElimina
  17. Chiara allora queste tartellette sono per te!
    Io trovo che l'accostamente di sapori, o meglio ancora di consistenze, rustico-fondente sia meraviglioso..

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...