mercoledì 26 novembre 2014

Banana bread ai semi (con mela!)

Buongiorno a tutti!

Sono in super-ritardo oggi, ma non mi tengo di postare.
Un banana bread, tipica ricetta di metà settimana, no? ;-)
Quella che poi ce la portiamo dietro per merenda in ufficio, oppure ci facciamo la colazione del campione la mattina a casa.
La colazione, sì...
Questa versione dell'amato dolce alle banane rispecchia una mia "fissa" degli ultimi tempi: i semi.
Sto "a rota" (come si dice a Roma) coi semi ;-)
La merenda o in generale il pasto di quando sono di corsa sta diventando uno yogurt bianco intero e molto bio, con miele e noci, tempestato di semi di lini, girasole, zucca e sesamo (o quello che uno ha a disposizione al momento), magari accompagnato da un succhino di mela limpido.
Nella versione banana bread, questi ingredienti diventano un dolce morbido e compatto, molto nutriente e autunnale.

Banana bread con mela e semi
ingredienti
150 g di burro morbido
160 g di zucchero di canna in cristalli
280 g di banana schiacciata
3 uova
1 mela grattugiata
125 g di yogurt alla banana
5 cucchiai di latte
8 g di bicarbonato di sodio
un pizzico di sale
200 g di farina integrale
150 g di farina 0
2 cucchiaio di semi di lino
1 cucchiaio di semi di zucca
1 cucchiaio di semi di sesamo
1 cucchiaio di semi di girasole
per la copertura
2 cucchiaio di semi di lino
1 cucchiaio di semi di zucca
1 cucchiaio di semi di sesamo
1 cucchiaio di semi di girasole

Preriscaldare il forno a 180 °C.
Mescolare le banane schiacciate con lo yogurt e il latte.
Lavorare il burro morbido con lo zucchero, poi aggiungervi le uova precedentemente sbattute, mescolare bene fino ad ottenere un insieme omogeneo.
Aggiungere le banane con il latte e lo yogurt e la mela tritata. Tritare ulteriormente con l'aiuto di un frullatore ad immersione.
Aggiungere le farine mescolate al sale e al lievito e ai semi, mescolare bene.
Trasferire questo impasto in una teglia da 26-28 circa cm di diametro rivestita di carta da forno o imburrata ed infarinata, distribuirvi in superficie i restanti semi, poi cuocere in forno già caldo per circa un'ora.
Coprire a metà cottura con un foglio di alluminio se "colora" troppo in superficie.



12 commenti:

  1. Io ai semi non resisto, come te.
    Non solo per decorazione, ma anche come sapore sanno veramente dare quel non so che...sono come i ricami sulla tovaglia della nonna: ti fanno sentire bene subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rossella è esattamente così!!
      Ti danno quell'idea che ti stai prendendo cura di te.. ;-)

      Elimina
  2. Che spettacolo ^^ mi piace questa versione con i semi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arianna secondo me anche una bancaria di noci tritate male non ci stanno, ve'?

      Elimina
  3. una versione di banana bread molto interessante

    RispondiElimina
  4. alle prossime banane sul viale del tramonto si fa!

    RispondiElimina
  5. peccato che a casa nostra finiscano subito.ultimamente mi sono innamorata dei semini per cui gradisco moltissimo questa copertura

    RispondiElimina
  6. mi fai lacrimare gli occhi da quanto è bella....w il banana bread e w i semi :) <3 p.s. viva te, ovviamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca bella mia, ma lo sai che tu mi metti sempre molto di buon umore??? :)

      Elimina
  7. Ecco. Che lo yogurt a pranzo con i semi mi ricorda che solo una settimana fa, in una location da sogno e con cibo da orgasmo, c'eravamo noi due a parlare di questi pasti lampo. Che sono sani, leggeri forse si, ma che lasciano lo spazio a cene del cuore. E io sto tifando a gran voce "16 dicembre" vi prego. È la data ideale per un meeting. ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena mia!!!
      Incrocio tutto anche io!
      Segna, intanto segna: "presentazione Ross lunedì 15 dicembre ore 18,30" (ma ce la faresti, in caso, per quell'ora? La strada tanto la sai... ;-))

      Elimina
  8. Gunther e Barbara: provare, provare!!

    Lucy: e anche dentro, sono!! (fanno bene e questo ce li fa piacere ancora di più! ;))

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...