mercoledì 10 settembre 2014

porridge all'avena integrale, mirtilli e mandorle

Ci sono quelle due tre volte l'anno che realizzo che l'avena si può usare anche per fare un dolce al cucchiaio, insieme ad altre millecinquecento cose, come i pani, i crumbles, le torte.
Mi rendo conto anche che tendo ad associarla, verso la fine dell'estate e all'inizio dell'autunno, ai mirtilli o alle mandorle, e sempre in questo periodo dell'anno, magico momento in cui il caldo si mescola al fresco, l'esterno all'interno, il mare al bosco, e la voglia di aperitivi a quella dei cibi coccola mi ritrovo a voler mangiare ancora una volta, con il ritmo periodico rassicurante del susseguirsi delle stagioni, un cibo semplice ma anche tanto completo, di quelli che sai che fanno bene e che proprio per questo non ti sogneresti mai di consumare in piedi, o di corsa, o senza nemmeno pensare un po' al buono che stai mangiando.
A me è successo così.
Ho scattato, poi ho preso tra le mani la coppetta che vedete qui, ancora leggermente tiepida (come piace a me mangiare il porridge), e mi sono seduta sul gradino di muratura che forma il mobile su cui mi arrampico (? ;-P !!!) per fotografare.
E ho mangiato.
In silenzio, ad occhi chiusi, col gatto che faceva le fusa perché intuiva quella mia pausa.


Il mio porridge preferito è fatto con l'avene integrale, senza acqua e col latte intero, quindi cremoso, non troppo cotto, senza aggiunta di zucchero (poi lo sciroppo d'acero farà il suo quando si mescolerà, insieme alla frutta, al resto), con la frutta di stagione leggermente caramellata sopra, e con qualcosa di croccante (frutta secca magari un po' tostata a sottolineare bene il sapore) per compensare la morbidezza dell'insieme.
Eccolo qui.

porridge all'avena integrale, mirtilli e mandorle
ingredienti per due
150 g di fiocchi d'avena integrali
520 g di latte fresco intero*
125 g di mirilli freschi
1 cucchiaio di zucchero di canna in cristalli
30 g di mandorle a lamelle leggermente tostate
sciroppo d'acero

*più un po' d'acqua per diluire alla fine se occorre

In un pentolino far cuocere per circa 5 minuti l'avena con il latte, e nel frattempo caramellare in un padellino antiaderente i mirtilli con un cucchiaio di zucchero di canna.
Una volta pronto il porridge lasciar intiepidire leggermente, aggiungere poca acqua per diluire se si è asciugato troppo, versare in due coppette e finire con i mirtilli, le mandorle tostate e un cucchiaio di sciroppo d'acero...

Ciao!!!

14 commenti:

  1. Adoro anch'io questo momento dell'anno, per le ragioni da te elencate meravigliosamente :) Davanti al tuo porridge sto facendo le fusa anch'io, le senti? ;)

    RispondiElimina
  2. Stra-buono !! Poi con l'aggiunta di quei mirtilli cosi lucidi deve essere un vero spettacolo!

    RispondiElimina
  3. Ciao! particolarissimo il tuo porridge! Si tratta di un tipo di ricetta che non abbiamo mai avuto occasione di provare...curioso, anche se sicuramente è molto molto buono!

    RispondiElimina
  4. con me il porridge vince facile: amo immensamente <3

    RispondiElimina
  5. Che romantica chiccheria è mai questa? Mi sento a casa spiritualmente!! :)

    RispondiElimina
  6. Anch'io in questi giorni mangio i fiocchi d'avena la mattina, con i lamponi raccolti in campagna dal nonno. I mirtilli e le mandorle sono ottimi e proverò dunque con immenso piacere la versione made in Rossella! Buon pomeriggio 💐

    RispondiElimina
  7. E' che avena e mirtilli vanno troppo d'accordo ^^ quindi tornano in mente in questo periodo!

    RispondiElimina
  8. Ciao bellezze buongiornooooo!
    (cioè buonasera, ma possibile che io oggi arrivi qui solo oraaaa????)

    Eccomi qua, e intanto grazie x i vostri commenti, nutrimento-coccola per questo blog (e per me) e per me esattamente come il porridge di oggi!

    *An, auguriiii! (si può dure qui?)
    Bello davvero nascere a settembre, per le poetiche ragioni di cui dicevamo??? ;)

    *chiara io ho davvero un debole x quel lucidino lì... Sarebbe meravigliosamente sano in un piatto come questo aggiungere zero zuccheri e non un granello di più, si potrebbe fare davvero senza sforzo in una ricetta così, affidando al limite allo sciroppo d'acero la (non necessaria secondo me) dolcificazione, solo che.. Chi può resistere a tale "rotondità" di aspetto e di sapore finale?

    RispondiElimina
  9. *manuela e silvia: provate, provate, e poi fatemi sapere!!

    *fra: io ti aspettavo al varco, ti aspettavo... <3

    *lys: è perché SEI a casa...

    *the daydreamer: molte affinità che si susseguono, e che bello, ogni volta, leggere un tuo commento, o trovare una tua stellina, o un tuo retweet...

    *arianna: è vero! È decisamente così...

    Baci baci care amiche.
    A domani, alla prossima!

    RispondiElimina
  10. Mai fatto il porridge... sarà ora di darsi una mossa? :)
    Tu mi convinci sempre e sono sicura, ma proprio sicura che questo porridge piacerà anche a me!

    RispondiElimina
  11. Cara... Vengo qui e vedo un commento. Cioè vedo solo che c'è un commento in più. Mentalmente penso "E' Marina, è lei".
    Avevo acceso il computer per venirti a scrivere...
    :)

    RispondiElimina
  12. :) le magie di Ross... ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  13. Ci sono quelli che davanti al porridge storcono il naso e pensano "che è 'sta pappetta?", io invece lo adoro, per me è la colazione ideale. Sarà anche che a Londra l'ho mangiato ogni santo giorno... :)

    RispondiElimina
  14. Seasonal timing of top seeding is a key to success.


    my blog post; top dressing lawn in autumn

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...