martedì 26 novembre 2013

Torta di farro e mele con composta di Mela Rosa dei Monti Sibillini e mosto d'uva

La settimana della Mela Rosa dei Monti Sibillini #2

Ve l'avevo detto no, che partivamo piano e poi ci scaldavamo?
Che avevo tante cose e tante foto da dirvi e da darvi?
Ecco. Ieri era lunedì, ed avevamo bisogno di rodarci un po'.
Abbiamo iniziato con una preparazione basica.
Con le mele.
Ma non con delle mele qualsiasi. Con le Mele Rosa dei Monti Sibillini, ovvero con delle mele che sono le mele perfette, secondo me. Sono piccole, croccanti, succose. Sono asimmetriche, perché le infiorescenze di questi ecotipi sono costipate ed i frutti si formano molto vicini ai rami e tra loro.
Il peduncolo è inoltre corto, e questo contribuisce alla vicinanza del frutto al ramo, tanto che a volte si possono riconoscere nel colore, che oscilla tra il verde, il giallo aranciato, il rosso vinoso e il rosa, il segno (l'ombra!) del ramo a cui la mela era attaccata.
La loro caratteristica principale, o meglio la prima che mi ha colpita, sentendone parlare, è la serbevolezza: vengono infatti raccolte ad ottobre e rimangono buone (naturalmente e senza interventi umani di sorta) fino ad aprile. Storicamente si conservavano sotto la paglia.
Sono piccole, come dicevo. Piccole ed asimmetriche. Questo le rende ai miei occhi meravigliose e giuro, le guarderei e fotograferei per ore (ma forse l'ho già fatto? ;)).
Sono tutte, ma tutte, assolutamente diverse l'una dall'altra. Questo aspetto me ne ha proprio fatto innamorare.
Crescono nelle aree pedecollinari fino alle valli appenniniche e ai versanti dei Monti Sibillini, tra i 450 e i 900 metri di altitudine: le peculiari condizioni climatiche, in particolare l’escursione termica giornaliera e stagionale, interferiscono positivamente sulle caratteristiche organolettiche di questo frutto straordinario.

Sono compatte. Ed hanno una buccia abbastanza spessa. Al morso così danno subito l'idea di qualcosa di rustico, e poi arriva il sapore, che è netto e zuccherino ma al tempo stesso acidulo. Sono succose. E' bella quest'idea di mela che sa difendersi da sé, rustica fuori e dolce dentro, che resiste naturalmente agli attacchi dei parassiti e che è quindi "buona" in molti sensi.

E quando io penso mela, alla mela in cucina intendo, ovvero non solo quella fragrante da tenere nelle tasche del cappotto e da sgranocchiare in un picnic nel bosco, qual'è la primissima cosa che mi viene in mente se non la torta di mele?
LA torta di mele, quella che profuma casa.

LA Torta di mele, per come la vedo io, deve essere soffice, ma anche sufficientemente compatta, morbida ma non alveolata insomma. Ed è importante che il suo odore sia anche dolce. Di quella dolcezza che ti fa respirare a pieni polmoni e che ti avvicineresti fino a metterci il naso dentro, a quella fetta...

A Montedinove (provincia di Ascoli Piceno, Marche! <3<3<3 ;)), dove sono stata in occasione della IV Edizione della manifestazione Sibillini in Rosa, oltre ad aver finalmente assaggiato questo frutto strepitoso (non esagero, ed ora ho anche qualche piccolo problema a mangiare altre mele... ehm.. ;)), ho scoperto l'esistenza della composta di Mela Rosa dei Monti Sibillini e di Mosto d'uva.
E' buonissima, si chiama Nova Rosa, ed è il frutto di un progetto sperimentale del Comune: si tratta in sostanza di una composta fatta con la Mela Rosa dei Sibillini ed il mosto d'uva, ed io, io che ho nel codice genetico l'impasto dolce e che serbo nella memoria come primo ricordo culinario me in cucina con un cucchiaio di legno a mescolare uova zucchero burro e farina, non ho potuto fare a meno di immaginare di mettere anche questa composta perfetta nell'impasto, per renderlo ancora più profumato, e per fare sì che questa torta di mele diventasse una "torta di mele alla seconda", perchè lo fosse insomma fino alla singola, ultima piccola morbida mollica.

E quindi eccola, la torta che sa così tanto di mela da farti venire voglia di farla alle sorelle, alle amiche, alle cugine perchè a colazione ti pensino un po'... :)


Torta di farro e mele con composta di Mela Rosa dei Monti Sibillini e mosto d'uva
ingredienti
360 g farina di farro
1 bustina di lievito
4 uova
120 g di zucchero di canna in cristalli + un paio di cucchiai
100 g di burro morbido
120 g di latte
100 g di Composta di Mele Rosa dei Monti Sibillini e mosto d'uva*
1 o 2 melette rosa dei Monti Sibillini

Lavorare burro e zucchero a pomata, poi sempre battendo aggiungere le uova ad una ad una.
a questo punto aggiungere la farina ed il lievito (meglio mescolarli insieme a parte, prima), poi il latte ed infine la composta di mele*.
versare il composto così ottenuto un una teglia imburrata e cosparsa di pangrattato, e disporvi sopra, come più vi piacciono, le melette tagliate a fettine sottili sottili, e uno o due cucchiai di zucchero di canna.
Infornare a 180 °C per circa 40' (importante la prova coltello: io ho tenuto il dolce in forno fino a che la lama di un coltello infilata al suo interno non ne usciva pulita)


*se (come è possibile), non avete la composta di Mele Rosa dei Sibillini, potete usare un'altra composta di mele (si trovano facilmente nei negozi bio), oppure, che so, fra qualche giorno vi posto pure quella! ;)




28 commenti:

  1. Ross, Ross...le tue foto sono sempre un incanto. Se poi l'incanto si accompagna all'incanto della torta di mele <3 ecco..... Un bacio enorme

    RispondiElimina
  2. Fraaaaa, che bello vederti! Grazie (e anche le tue, sono sempre un incanto, per non parlare delle ricette, che sempre di più mi catturano... però sempre più di corsa, sono, prometto visitine "parlanti" presto!)!!!
    Baciuzzi.

    RispondiElimina
  3. Tesoro.. ma per me puoi pure fare un post al mese se poi ci tiri fuori queste meraviglie! io ho gli occhi a cuoricino.... *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mo' metti sempre di buonumore, tu, oh barbarella... <3

      Elimina
  4. leggere i tuoi post è come farsi un bagno caldo quando la sera tardi torni a casa stanca dal lavoro.
    pace. profumi buoni. la sensazione di essere tornata finalmente a casa.
    e non è solo merito della torta alle mele eh!!!
    per questo non temo l' attesa del libro... so che ne varrà la pena.
    ciao cruschella mia! : ))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena. Anche i tuoi commenti sono così. Sono sempre Come una carezza per me. Secondo me dobbiamo istituire una tag "post x ragazze sensibili"... Per gli articoli "che piacciono a noi"! ;)

      Elimina
  5. Ross, perchè non c'era ad attendermi una torta così questa mattina, perchè? :-) Tutto bellissimo... e la foto con il cestino, uh, quella foto...
    Con questo post hai catturato proprio l'autunno che mi piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mani, le mele. Il rosso, il bosco. Sì, è l'autunno che piace a noi...

      Elimina
  6. Che piacere ascoltare le tue piccole e preziose "lezioncine"!!! :) Io che adoro la torta di mele e ne sperimento le varianti la proverò di sicuro! ;)

    RispondiElimina
  7. Che piacere ascoltare le tue piccole e preziose "lezioncine"!!! :) Io che adoro la torta di mele e ne sperimento le varianti la proverò di sicuro! ;)

    RispondiElimina
  8. E' una mela rosa...non sarà mica la Pink Lady? Elena

    RispondiElimina
  9. Ieri ho letto che avresti dedicato una settimana alle mele. E mi sono detta che non dovevo perdere neanche una ricetta. Cosi faro', perche passare da te anche solo per guardare le foto, e' un ricostituente. Ed in questo sono entrata nella favola di Cappuccetto Rosso...vero eh!
    Sei troppo brava! Un forte abbraccio. pat

    RispondiElimina
  10. che meraviglia e complimenti per queste foto beliissime!

    RispondiElimina
  11. Non ci crederai, ebbene sìììì! io e la"mia bambina a quattro zampe" apprezziamo tantissimo le mele rosa dei sibillini , quindi provvederò a farci la torta anche se non sarà mai come la tua!!!

    RispondiElimina
  12. Non ci crederai, ebbene sìììì! io e la"mia bambina a quattro zampe" apprezziamo tantissimo le mele rosa dei sibillini , quindi provvederò a farci la torta anche se non sarà mai come la tua!!!

    RispondiElimina
  13. Ma perché non sono venuta prima a sbirciare nel tuo blog??? Sono marchigiana di nascita trapiantata da qualche anno a Faenza...
    Le meline rosa dei Sibillini mi hanno attratto come una calamita!!!! Sono le mie meline...quelle che i suoceri raccolgono ogni anno ( quest'anno non tantissime in realtà) e conservano come hai scritto tu intatte fino ad aprile.
    Me ne è appena arrivata una cassettina...pronta per l'abbuffata e per qualche ricetta rustica e sorprendente come la tua torta!!!!
    Ciao
    Silvia

    RispondiElimina
  14. Ohi cara mia, ma che belle queste foto e poi sai in questi giorni mi coccolo spesso con la torta di mele e pensa che anche io opto per la farina di farro che secondo me nell'impasto ci sta benissimo soprattutto se ci sono le mele!:-)
    ps anche oggi ho cercato il tuo libro, anche ieri e l'altro ieri: ho deciso di percorrere la strada più lunga che è quella di entrare in libreria e 'trovarti' per avere quel colpo al cuore che adoro provare quando sono felice all'improvviso!:-)

    RispondiElimina
  15. Un'altra coccola e un altro giorno e io mi rilasso solo quando ti leggo. Bellissime le mele, così diverse le une dalle altre, e bellissima la torta, mi fa pensare a nonna Papera!

    RispondiElimina
  16. Belissima questa foto!
    Rossella, complimenti per il libro! Non vedo l'ora di averlo tra le mie mani! Baci!!

    RispondiElimina
  17. oltre al fatto che la torta di mele è molto confortante e ideale in questo periodo sembra proprio di immedesimarmi nel posto e nelal stagione nelle tue foto

    RispondiElimina
  18. Ciao pupe!

    Che belli ed entusiastici i vostri commenti, grazie!

    *Patty, come hai fatto a capire che avevo anche un cappuccio rosso??? ;)

    *lagreg, che bello! Viva le marchigiane, viva le meline!

    *laura: come dicevamo ieri, a Roma da 'Gusto e da Eataly (magari chiami prima... ;)), e credo a questo punto anche da IBS (ma nessuno mi ha ancora fatto rapporto). Su Feltrinelli presto Emilia Romagna, Marche e Abruzzo, poi pian piano ci allarghiamo. Nelle librerie di fiducia ovunque, basta ordinare!

    RispondiElimina
  19. Dopo questa descrizione non so, mi è venuta voglia di mele rosa dei Sibillini! Che poi non ci sto tanto distante da Ascoli, potrei anche sguinzagliare qualche amico per farmi comprare questa composta!
    A parte questo, magnifiche foto alle magnifiche mele e alla magnifica torta! :)

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Ma che bella la settimana delle mele, io le adoro in qualsiasi forma e in qualsiasi piatto...qualche settimana fa ho fatto un pollo al curry con le mele che era una meraviglia!!!
    Per non parlare delle torte di mele, non se ne conoscono mai abbastanza, e questa sembra buonissima!!

    P.S: dopo tanto che ti seguo ho avuto il coraggio di scriverti perché ho da poco comprato il tuo libro ma, per motivi di spedizione, è a casa di mia mamma a Venezia che mi aspetta al ritorno per le feste...sarà un Natale ancora più dolce con le tue ricette e le tue foto...grazie!!!

    a presto,
    Lucia

    RispondiElimina
  22. Luciaaaa, che bello!!!!
    Che bello che hai rotto il ghiaccio grazie al libro!
    Facciamo che adesso commenti sempre??? ;) Anche perchè ora aspetto il tuo parere... E comunque, magari, tra qui e natale un altro commentino me lo fai, no? ;)

    RispondiElimina
  23. se me lo dici così non posso proprio più stare zitta...e non vedo l'ora di stringere quel librino fra le mani, i libri sono terapeutici, anche nel rompere il silenzio ;))!!

    RispondiElimina
  24. *Lù: alèèèèèè!!! Che bello, un'altra compagna di chiacchiere! (e di letture, e di cucina! ;))

    RispondiElimina
  25. Sono sempre io,Lucia detta Lù...scusami ancora non sono praticissima nei commenti ;))!!
    Cercherò però di valere come due!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...