mercoledì 20 novembre 2013

spritz, ancoooora biscooooottiiiiii?????

:D

Buongiorno!
Il post di oggi è figlio della caparbietà.
Direte voi, quale post, in assoluto, non lo è?
Ne convengo.
Ce li difendiamo con le unghie e coi denti, noi, i nostri articoli scritti di notte, cucinati il finesettimana e fotografati la mattina presto prima di scappare in ufficio.
Questo no, questo è stato cucinato con tutti i crismi e fotografato con calma in quel di Parigi quest'estate, perché sai com'è, meglio farne di più del necessario, di biscotti per il libro, che non si sa mai bene, magari all'ultimo, quanti possano servirne, e quali sceglieremo...
Poi però la cucina e la foto, sì, sono la base, ma poi mettere nero su bianco sui nostri blog è un'altra cosa, e stasera (cioè ieri rispetto a stamattina! ;)) manco avrei potuto scriverla, questa ricetta, perchè il genio che alberga in me aveva lasciato in ufficio computer e hard disk, salvo poi accorgersene in autobus a metà tragitto. In mezzo al traffico feroce di Roma.
Dopo aver aspettato mezz'ora che passasse, il suddetto.
E a quel punto scendi, aspetta altri 20' l'autobus dall'altro verso, desisti (senza cambiare idea, giammai, desistere ad aspettare sennò l'ufficio poi ti chiude e ciao pc e hard disk, quindi prosegui a piedi), comincia a camminare di nuovo verso l'ufficio, traffico, rumore.

Cammina-cammina, corri anzi.
Tu Vaniglia coi tuoi tacchi e la tua sportina di stoffa contenente anche una teglia ormai vuota in ceramica (che quando porti le torte in ufficio spostandoti coi mezzi, è noto che la ceramica sia proprio il materiale più leggero, no? ;)).
Corri dietro all'autobus che non ti aspetta, corri a passo veloce fino all'ufficio, fino al tuo pc, fino al tuo hard disk.
Chissà dove avevi la testa, cara Vaniglia di nuovo fuori quasi 2 ore dopo l'orario di uscita ufficiale, dopo aver fatto avanti e dietro nel traffico romano, di nuovo allegra per aver recuperato il malloppo, perchè lo sai che devi scrivere stasera, e una volta fuori sei tornata l'adorabile essere che eri prima di trasformarti in una furia all'idea di lasciare il pc solo di notte e il blog all'asciutto ancora per un giorno... ;-P
E quindi ecco, la caparbietà fa il suo, in questi casi, e questo post è figlio della caparbietà, non c'è dubbio... ;)
E, dicevamo, il menù oggi prevede biscotti.
Sembro una matta, lo so.
Com'è che non sono stanca di propinavi biscotti?
Mi domano: com'è possibile????
Voi siate buoni, siate pazienti, che a me 'sti biscottini burrosi qua fanno impazzire e non potevo non raccontarveli!
Si chiamano spritz, sì, proprio come l'aperitivo veneto, solo che si tratta di tutt'altro, nella fattispecie biscottini di origine alsaziana friabili e perfetti per il tè.

Vi metto la ricetta. Facile-facile. Perfetta per iniziare a d usare il sac à poche... Io ho cominciato praticamente così... ;)

spritz con crema al cioccolato bianco

ingredienti
220 g di farina
180 g di burro
70 g di zucchero a velo
30 g di albumi (1 albume, nel mio caso)
i semini raschiati da un baccello di vaniglia
1 pizzico di sale

per la crema al cioccolato bianco
100 g di cioccolato bianco
100 ml di panna fresca liquida
10 g di burro

Lavorare a crema il burro con lo zucchero, il sale, ed i semini di vaniglia.
Aggiungere l'albume e mescolare fino ad ottenere una crema, poi aggiungere la farina ed incorporare al resto mescolando velocemente.
Mettere il composto nel sac à poche con una punta a stella e formare delle "chiocciole" (o delle "s" strette-strette) mettendole ben distanziate direttamente sulla carta da forno su una teglia da forno.
Cuocere a 180°C per circa 10' o fino a doratura.

Per la crema fondere insieme tutti gli ingredienti, poi lasciarli raffreddare e montarli con l'aiuto di uno sbattitore elettrico.

uff, mi è già venuta voglia di rifarli! ;-P


32 commenti:

  1. Buongiorno Vaniglia cara,
    sono sul bus e mi hai regalato una bella risata con questo post! ;)
    Spero che tu questa mattina sia bella riposata dopo la corsa + sollevamento pesi di ieri!!! :D
    un caro saluto

    p.s. questa ricetta con foto la stampo e la inserisco nel libro, tié! :D

    RispondiElimina
  2. Grande Valeeeee!
    Mi hai dato un'idea.... scrivere una specie di "allegati virtuali" al libro! (la pazzia... ;))

    RispondiElimina
  3. Ross, dopo aver letto tuttodicorsacolfiatosospeso, dopo essermi quasi commossa per la luce meravigliosa della foto, i biscotti e la loro friabilità, il burro, cheilburroèilburro (loveit), scopro pure che la cremina è al cioccolato bianco; dico: tu ci vuoi troppo bene, e si vede nella corsa, nella caparbietà e nella tua bravura! Grazie davvero e buonagiornataArch.!
    Lys

    RispondiElimina
  4. Lys, è che te sei speciale... ;)
    Buona giornata a te, arch! :*

    RispondiElimina
  5. oggi sono invitata col bimbo da un'amica per un te: si fanno...grazie!

    RispondiElimina
  6. Uhhh, fammi sapere poi!
    E se riesci, salvane qualcuno, più passa il tempo più diventano buoni!!! ;)

    RispondiElimina
  7. ahhhhhaaaahhhhh!
    per una frazione di secondo ho avuto l'illusione di essere riuscita a trascinarti finalmente sulla via della perdizione e dell'alcol....
    e vabbè, però sono bellini assai questi biscottini.. chissà se si possono fare degli spritz allo spritz? O_o
    magari degli spritz salati da sgranocchiare con lo spritz si però... che m'hai fatto venire in mente! lo vedi? sei una fonte di ispirazione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahhh (io e te aperitivo come un paio di venerdì fa... Presto, ok? ;)).

      Elimina
  8. quando ho letto "spritz" non ho potuto fare a meno di pensare al mitico pirlone bresciano...
    ...invece...

    RispondiElimina
  9. Mi ricordi una certa signorina bionda che scrive i post alle due del mattino, dopo le giornate di lavoro, le serate in redazione con quelli della rivista, il dopo serata con gli amici ed essersi preparata una tazza di tè [perché senza i tè i post non si scrivono, no?].
    Certo, se col tè ci fossero anche dei biscottini di questo genere... ;)

    RispondiElimina
  10. fare tutto questo a Roma per il tuo post è straordinario, ti stimo ancora di più ;) ... cmq si vede e si legge tanta passione e impegno in quello che fai.
    buona giornata
    Carla

    RispondiElimina
  11. *Patalice: hai visto? ;) è che io, non c'è niente da fa', propendo per i biscotti...

    *agnese, cara signorina bionda, si, tu mi ricordi tanto una signorina bruna qui presente....

    *carla, buona giornata a te! E grazie per quello che hai scritto. Se la passione "trapela", buon segno!!!

    RispondiElimina
  12. Corro a pinnare la foto! :D E ho messo stellina alla ricetta, già vedo un bianco, bianchissimo tè di Natale...

    RispondiElimina
  13. Per fortuna che sei caparbia..! Quindi questi poverini sono rimasti fuori dal libro eh... Pensa gli altri cosa saranno!
    Un abbraccio bella

    RispondiElimina
  14. Non vedo l'ora che mi arrivi il tuo libro... Troppo curiosa :-)

    RispondiElimina
  15. I tuoi post mi fanno impazzire!! E questi biscottini burrosi devono essere una goduria, non ti preoccupare che non ci stanchiamo dei biscotti, anzi!! Propinacene pure finché vuoi!! Carinissima l'idea di farli a chioocciolina con il sac a poche!!Bravissima come sempre! Camilla dolci creazioni

    RispondiElimina
  16. Che caparbietà, complimenti! Io avrei desistito!!! Ma il post vale tutta la tua fatica, grazie per aver fatto questo per tutte noi.

    RispondiElimina
  17. *Francesca: ma io lo sapevo che questi erano per il TUO tè. Azzeccatissimo, non ne avevo dubbi... ;)

    *Benedetta: mi fai morire, mi fai...

    *Jessica mi fai sapere quando arriva????

    *

    RispondiElimina
  18. Rossella più ti leggo più mi piaci, più trovo una sintonia sottile in cui mi ritrovo... i tacchi, la testa tra le nuvole, la borsa piena di ceramiche e props, il traffico romano, la "caparbietà" e la passione per i biscotti... Io dei biscotti non mi stanco mai. E mentre ti scrivo sto inzuppando un biscotto nel mio latte e orzo. Poi vogliamo parlare della foto? bellissima, piena di luce che racconta serenità, un ora del te ideale, un momento magico che sarebbe stato proprio un peccato non regalarci. Un caro abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona cara... Come ti ho già scritto altrove (;-)) i tuoi commenti (mi veniva da dire "messaggi", tanto arrivano diretti!) mi mettono tanto di buon umore! Grazie, un abbraccio, buona giornata! ;)

      Elimina
  19. sono veramente contenta di averti scoperto mi piacciono le tue ricette e i tuoi racconti.foto luminose e chiare e poi...io che sono un po' ostica con i biscotti ho trovato il mio terreno fertile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucy ma guarda secondo me è una questione "di testa". Io ho trovato il mio trucchetto personale. Devo sedermi. Da seduta cucinare i biscotti è un gioco da ragazzi! Prova dai, e fammi sapere! ;)

      Elimina
  20. Rossella!!
    Gli Spritz, gli spritz...
    Mi hai aperto il cuore con questa ricetta! Sai che non me li ricordavo?
    Quando ero piccola e passavo le estati e il Natale in Francia, gli spritz facevano parte integrante della merenda con il thé. In Italia non esistevano, li adoravo, ne mangiavo un pacchetto al giorno e quando era il momento di tornare in patria mettevo più pacchetti possibile nella valigia!
    Grazie Rossella, so a cosa dedicarmi questo weekend :)!
    Un abbraccione

    Miriam

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miriam sei davvero troppo cara! Hai indovinato esattamente il mio stato d'animo un Francia al super! Pur sapendoli cucinare infatti, mi incanto davanti agli scaffali degli spritz industriali.... ;)

      Elimina
  21. Rossella!!
    Gli Spritz, gli spritz...
    Mi hai aperto il cuore con questa ricetta! Sai che non me li ricordavo?
    Quando ero piccola e passavo le estati e il Natale in Francia, gli spritz facevano parte integrante della merenda con il thé. In Italia non esistevano, li adoravo, ne mangiavo un pacchetto al giorno e quando era il momento di tornare in patria mettevo più pacchetti possibile nella valigia!
    Grazie Rossella, so a cosa dedicarmi questo weekend :)!
    Un abbraccione

    Miriam

    RispondiElimina
  22. Carini e sicuramente buonissimi...da rifare!

    RispondiElimina
  23. li adoro gli spritz mi ci abbuffavo in costa azzurra ma di quelli confezionati che comunque non erano malissimo…non oso pensare a come saranno i tuoi!!!! stomaco mio fatti capanna :)

    RispondiElimina
  24. ma che bel libro e che belle foto!...Ne ho regalato uno a Serena che lo ha molto apprezzato e ti fa tanti complimenti.
    Bravissima!!!!

    RispondiElimina
  25. tu sei adorabile, lo sai vero che io t'adoro? e pure i tuoi buscotti...oops, volevo dire biscotti, giuro che mi è scappato così!
    p.s. l'altra mattina mi sono svegliata e chissà perché pensavo al tuo post all'hotel di rimini, quando mi sembra che dicevi di non saper usare la sac à poche...oddio, a volte sono un po' streghetta, ed eccoti qua con questa prova di bravura! :D

    RispondiElimina
  26. Opuntia, maddai???? Che bello ne sono super orgogliosa! Grazie, e a presto (issimo! ;))

    Vale, no, TU, sei adorabile! ;)
    Sai che penso a volte? Che è bello scoprire cose che non sappiamo fare, per poterle poi imparare! (mi manchi, bacetti tanti)

    RispondiElimina
  27. Sembrano deliziosi :)
    Ci proverò!

    RispondiElimina
  28. Buono il cioccolato bianco!!
    Ho preparato un paio di giorni fa la tua ricetta dei frollini al caffè e cardamomo! Grazie! Ne posto ora la ricetta sul mio blog..con metà dell'impasto ne ho preparato una versione diversa, spero non ti dispiaccia! Passa a trovarmi se vuoi :)
    http://kioskodifruttidibosco.blogspot.it/2014/02/frollini-al-caffe-e-cardamomo-di.html

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...