mercoledì 13 novembre 2013

le olive pasole...

La verità è che le "olive pasole" io non le conoscevo nemmeno, fino a qualche giorno fa.
Fino a che, per la precisione, non ho avuto la fortuna di fotografare un oliveto. E le sue olive, ed il suo olio. Di fotografarlo per lavoro, per essere precisi.
Di quella parte del mio lavoro che a volte vorrebbe essere il tutto, e che mentre sto mezza storta a sistemare l'ultima oliva, o l'ultimo biscotto, o l'ultimo ciuffo di panna o l'ultima fettina di arrosto, mi fa pensare a "quanto sono fortunata".
Insomma prima di allora non ne sapevo nulla, nonostante le mie origini lucane, di questa varietà, conosciuta più esattamente come varietà  "Maiatica" (detta anche "Pasola", appunto), diffusa in Basilicata, specialmente nella valle del Basento.
Si tratta di un'oliva sia da olio che da tavola, che dalle mie parti (cioè dalle mie parti Lucane ;)) viene servita a tavola semplicemente, leggermente "sfritta" in poco olio, e consumata subito con il pane buono del sud, e con poco sale.

La ricetta sta tutta qui.
E' insomma una non-ricetta: si prendono e si lavano le olive. Si asciugano bene, poi si "friggono velocemente" (davvero per poco, fino a che non iniziano a "scoppiettare") in una padella antiaderente in cui è stato precedentemente fatto scaldare poco olio d'oliva. 

Poco sale, pane buono. 
L'aperitivo perfetto. 
Quello del mio lato meridionale. ;-)








29 commenti:

  1. Buongiorno Rossella, leggo il tuo post appena un attimo prima di iniziare a lavorare... grazie per questo piccolo momento di poesia. Perché il tuo messaggio e le tue foto sono proprio questo: un dolce poetico momento!
    Una buona giornata per te. :)

    RispondiElimina
  2. adoro queste ricette !!

    buona giornata

    RispondiElimina
  3. Imparare e scoprire piccole cose. Questo per me è importante e mi rende davvero felice; quindi grazie di avermi arricchito di questo prezioso frammento culinario ... a cui ora darò la caccia :)
    Ps: l'altro giorno in una nota grande libreria ho cercato invano il tuo libro, ma niente. Dici che sarò costretta a prenderlo su Amazon o posso aspettare ancora un pochino (sai sono ancora un po' vintage nell'acquisto ...)?
    Buona giornata e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Martina, non so ancora dirti bene ma pensavo di fare un post di "istruzioni per l'uso" su dove trovarlo... Il libro sta manmano occupando gli scaffali delle librerie, ma per quella grande e nota (se inizia con la effe ;)) ci vorrà ancora un po'... Tu dove abiti?

      Elimina
    2. Perdona l'intrusione...a proposito del libro: ieri ero da Eataly a Roma, ho chiesto e mi hanno detto che é nelle ordinazioni :))) perciò arriverà con il prossimo rifornimento ma non sapeva dirmi il giorno preciso.
      Ciao :)

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. Fotografare un uliveto...la poesia già comincia tutta da qui.
    Fotografie meravigliose, suggestive. Ho iniziato a leggere delle olive pasole e mi sono persa tra sogni e bontà.
    Grazie del post!

    RispondiElimina
  5. Non sono una brava cuoca, ma senz'altro provero' la tua ricetta!

    RispondiElimina
  6. Quelle non ricette che alla fine riempiono una tavola. Serve poco e niente. Sono come il pane e il pomodoro. Volendo ci potresti campare!
    Questo tuo post è una serenata.
    Un bacio grande, Pat

    RispondiElimina
  7. io sono di matera, e questa è una di quelle cose semplice che fa impazzire il mio adorato babbo...
    gabriella

    RispondiElimina
  8. Sembrano mirtilli e pure un pò acini di uva fragola... non possono non piacermi! ;-) Ecco un esempio di come non c'è bisogno di tanto per assaporare bontà e bellezza: prodotti semplici della terra, olio che sfrigola, luce e grigio... c'è tutto.

    RispondiElimina
  9. Care.
    Ci sono dei post che amo tanto. Per una serie di motivi. Uno dei principali, forse IL principale, sono i vostri commenti.
    Esattamente come oggi. :)

    RispondiElimina
  10. Ebbene sì, inizia proprio con la "effe" ... come la città in cui mi trovo ... Firenze.
    In attesa di istruzioni :)

    RispondiElimina
  11. Non conoscevo questa tipologia di olive: chiederò anche alla mia amica lucana.
    Mi piace la semplicità di questa non-ricetta.
    Che paesaggi quello del Sud!!

    RispondiElimina
  12. me le prepara in questa stagione un caro amico
    sono fantastiche, dolci amare salate... con il pane buono, poi
    f
    PS viene voglia di allungare la mano verso lo schermo per prenderne una... che gran foto amica!

    RispondiElimina
  13. neanche io le conoscevo le olive pasole : ) ma son od' accordo con te sul potere delle non-ricette. delle cose buone come il pane e l' olio (o le olive nel tuo caso), che ti fanno spuntare il sorriso sulla faccia e pensare che sì, sei fortunata..
    bacino

    RispondiElimina
  14. Cara Rossella,
    Questa tua non-ricetta la dice lunga sul ruolo essenziale dei prodotti di qualità. Una caratteristica questa tipica secondo me della cucina italiana, no? Non avevo mai sentito parlare delle olive pasole e sono felice di scoprirle oggi grazie al tuo dolcissimo post e alle tue foto così' invitanti. Grazie di cuore,

    RispondiElimina
  15. mi scaldi il cuore. tanto tanto.

    RispondiElimina
  16. Sono giorni che le vedo al mercato e, da amante furiosa delle olive, mi chiedo "le prendo o non le prendo?"
    Ecco, domani le prendo, e me le pappo!

    RispondiElimina
  17. Certo che sei davvero un'artista con le foto!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  18. Ciao ti scopro grazie a Simona di Journeycake .......Che meraviglia di blog, foto e ricette!! Ora non mi sfuggirai più ;-)
    A. Presto Ilaria

    RispondiElimina
  19. Cara Ross, gli spunti della tradizione sono le ricette-coccole come questa, semplice ed irrinunciabile così com'è!
    Le foto sono meravigliose, il paesaggio un sogno dai colori della pece e l'ultima foto è diventata lo sfondo del mio smartphone ... grazie dolcezza, ti abbraccio ;) Lys

    RispondiElimina
  20. Non conoscevo le olive pasole, a volte le cose più semplici sono davvero le più buone. Che foto meravigliose! Ciao s

    RispondiElimina
  21. Sarà pure una "non-ricetta", ma non manca nulla: qui c'è tutto il profumo della terra, c'è la ricchezza mediterranea, c'è la luce perfetta, è tutto perfetto!
    Ciao, Tatiana

    RispondiElimina
  22. Vuoi avere le olive a disposizione per lungo tempo? Conservale in freezer, le utilizzerai quando vorrai.Anna

    RispondiElimina
  23. Anna grazie per la dritta! Delle ultime rimaste un po' ne "cucinerò" (;-P) oggi, un po' le congelerò...

    Lys, tu mi fai sempre un po' emozionare...

    RispondiElimina
  24. MA la tua ricetta mi piace da impazzire. Se riesco a provarla ti faccio sapere..
    Un Abbraccio

    RispondiElimina
  25. Da qualche anno imbottiglio olio di olive pasole, che è più "dolce" e meno "forte" rispetto all'olio di "cima di corato"....lo vedo più indicato anche nella preparazione dei dolci....

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...