lunedì 20 maggio 2013

crostoni con purea di fave, piselli... e burrata!

Amo le ricette semplici-semplici. Che ci vuole più a scriverle e che a realizzarle. Che a dirle infatti sembra una cretinata, ma poi a mangiarle una genialata.
Mi piace il momento in cui le assaggia per la prima volta la persona per cui le hai preparate, sgranando leggermente gli occhi, guardandoti.
Adoro questi sapori crudi. Netti.
Alcuni di queste poi calzano a pennello agli odori e ai colori.
Il pane abbrustolito sa di giallo e della luce calda delle sere d'estate all'aperto.
La frutta secca tostata sa di quei campi arati e poi bruciati in Basilicata, ed è marrone.
Il rosso, il rosso è il sapore di un sacco di cose. Di una ciliegia. Di un pomodoro. Ma anche di carne e sangue. E di qualcosa che scalda, o che scotta.


E poi c'è il verde.
Il verde sa di erba appena tagliata. Non c'è dubbio. E' un sapore che senti già dalla punta della lingua. Ma col naso ancora prima. Ed è un sapore "crudo".
Uno di quelli di cui vorrei sempre nutrirmi in questo periodo dell'anno.
Verde, crudo e croccante. Perchè a primavera mi sembra di non avere mai fame, e quindi una cosetta cruda e verde è perfetta per questi giorni qui, ti fa sentire seduta su un prato con in bocca un filo di erba, o un fiore...
La ricetta è di quelle geniali di Jamie Oliver, tutta colori sapori e odori.
Un po' me la sono arrangiata con le proporzioni, ma esattamente come avrebbe fatto lui, assaggiando, aggiustando, aggiungendo, ed il risultato finale è strabiliante (per lo meno per come la vedo io), e con l'aggiunta della burrata pure abbastanza nutriente (Jamie Oliver parlava di mozzarella di bufala.... Io, che ho un debole per la burrata (che, non ve lo avevo mai detto????), ci ho messo quella)).
Io lo metterei insieme al caviar de carotte e all'amato hummus in mezzo alle pates à tartiner da dedicare a questa primavera-estate 2013, perfetti per un aperitivo tra amici in compagnia, in riva al mare, in campagna, in giardino o in un fortunato terrazzo di città... ;)



crostoni con purea di fave, piselli e burrata
ingredienti
100 g di piselli sgusciati (circa 400 non sgusciati)
200 g di fave sgusciate (circa 700 no sgusciati)
1 ciuffo di menta fresca (le foglie)
40-50 g di pecorino romano grattugiato
succo di un limone
fette di pane
1 spicchio d'aglio tagliato a metà
1 burrata
Olio extravergine d'oliva, sale, pepe

Sgusciare fave e piselli tenendoli separati, e tenendo da parte i più piccoli e teneri da aggiungere interi alla fine.
Tritare grossolanemente o pestare al mortaio i piselli con metà della menta e un pizzico di sale.
Aggiungere manmano le fave e continuando a tritare, poi metà abbondante del succo di limone.
A questo punto aggiungere due cucchiai di olio d'oliva e il pecorino, e mescolare. Assaggiare ed aggiustere di sale, o di olio, o di pecorino.
I sapori intensi del pecorino e dell'olio devono bilanciare quelli frescho dei piselli e le fave con la menta. Pepare a piacere.
Tostare le fette di pane e sfregarvi sopra lo spicchio di aglio. Aggiungervi la purea verde e uno spicchio di burrata.
Condire con il restane limone, un goccio di olio, le foglie di menta e i piselli e le fave rimaste, sale pepe e a piacere ancora un po' di pecorino.








29 commenti:

  1. Anche io adoro i sapori crudi. E adoro le tue descrizioni. E le tue foto..
    Buona settimana :)

    RispondiElimina
  2. Virginia: anche queste, così "tremendine"???? Ma tu mi mi fai felice oggi, cara, perchè ieri ho fatto a cazzotti tutto il giorno proprio con queste foto... :)

    RispondiElimina
  3. qualcuno ha parlato di aperitivo in terrazzaaaaaa????

    RispondiElimina
  4. oh, mi è venuta un'(altra) idea!!!! ;)

    RispondiElimina
  5. adoro le ricette semplici...
    mi fanno sentire una chef

    RispondiElimina
  6. sai che non ho mai fatto le fave???? Devo rimediare!

    RispondiElimina
  7. Colpo di fulmine per questo post! Per ciò che hai scritto e... per il dettaglio - bellissimo e romantico - del trifoglio! Sei davvero piena di idee! :-)

    RispondiElimina
  8. Ciao Rossella..
    adoro i pisellini e le fave fresche... i miei suoceri ogni anno (e questo non ha fatto eccezione..) ne raccolgono talmente tanti dal loro orto che ne congelano una parte... dunque ho tutto l'occorrente per ripreparare questa prelibatezza che ci hai donato... ha un colore vivace e straordinario... e poi con la burrata... MI PIACE PROPRIO!!!
    bACI

    RispondiElimina
  9. Care, questa ricetta verde-verde è assolutamente da provare..
    e *francesca, come sei cara, ho sudato sette camice ieri su queste foto, le ho anche rifatte all'aperto... ed oggi non volevo nemmeno postare! ;)

    RispondiElimina
  10. Amo già quei bei crostoni. Così come tutto ciò che è "made in Vaniglia". Che bello passare di qua con un po' di calma e gustarsi un post in ogni singola parola, immagine, sensazione,...
    Buona settimana cara Ross.

    RispondiElimina
  11. W-O-W
    e rimanere senza parole a bocca aperta per la meraviglia
    f

    RispondiElimina
  12. Carolina, sei un angelo, ed io lo sapevo che ti sarebbero piacituti. Sì, sono perfetti per te (per noi! ;)).
    Buonissima settimana a te. Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  13. *Franci: ma allora vi piacciono davveeeero!!!!!? ;)

    RispondiElimina
  14. Ma che bellezza questi crostoni! Una purea leggera e semplice e sopra gustosissima burrata! Un aidea da riciclare per primavera ed estate!
    bacioni

    RispondiElimina
  15. Quando vedo queste ricette mi dico proprio "oh, la Ross", con gli occhi un po' lucenti. Sono quelle che ti si addicono di più, credo, le trovo schiette e carismatiche proprio come te :)

    RispondiElimina
  16. I sapori semplici e le ricette che li evocano sono sempre una garanzia. Sia a tavola sia nella vita la semplicità sta nelle piccole cose.

    RispondiElimina
  17. che dirti... qui ste cose verdoline, col tempaccio che ci ritroviamo, sembrano appartenere ad una bella stagione che non vuole proprio fare (nemmeno!) capolino dietro qui nuvoloni. Spero che a luglio l'estate sia degna di questo nome.... ;)

    Daniela

    RispondiElimina
  18. Uh guarda adesso, proprio adesso sai come ci stanno bene i tuoi crostoni qui sul a deliziare il mio momento di tregua sul divano... sarebbe una degna ricopensa a tanto correre. come sono belli i tuoi colori!

    RispondiElimina
  19. Adoro il verde, l'odore dell'erba appena tagliata, quell'odore che ti rimane dentro e che riconosci immediatamente. Adoro le ricette semplici, sempre più belle da fotografare..e perfette da mangiare.
    Questi crostoni sono stupendi. :)

    RispondiElimina
  20. Daniela, a luglio avremo la migliore luce di sempre, prometto! ;-)

    RispondiElimina
  21. Ciao Rossella, che meraviglia questa ricetta dei crostoni con purea di fave e piselli!!!
    Ti avevo scritto una mail sulla Parmigiano Reggiano Chef, la prima gara online di ricette online (https://apps.parmigianoreggiano.it/prchef/), vuoi partecipare?
    Il tema è lo smartcooking, ossia il riciclo/riutilizzo degli avanzi/la riscoperta di ingredienti dimenticati... dai, partecipa!
    se vuoi info, scrivimi su cattaneo@tribecommunication.it
    ciao
    Letizia

    RispondiElimina
  22. Ho letteralmente l'acquolina ! Da provare al 100%
    un abbraccione, Marika

    RispondiElimina
  23. piacciono tanto anche a me questo tipo di ricette, pochi ingredienti, che quando sono buoni è giusto sentirli tutti.
    stasera mando Piero a comprare la burrata e provo i tuoi crostoni! :O)

    RispondiElimina
  24. Mi è piaciuto davvero leggere le tue personali sinestesie. In molte mi rivedo, e sogno, e ricordo. I sensi sono qualcosa di davvero potente, e ce ne scordiamo troppo spesso.
    Avrai visto come amo le fave sui crostini...Io ero andata ancora di più sul banale, sul pigro direi...Ma mi cimento, oh sì. In attesa degli aperitivi in terrazo (o, in mancanza, di un picnic al parco :D). x

    RispondiElimina
  25. Ciao Rossella,questa purea è assolutamente da provare, con la burrata poi dev'essere una meraviglia! simo

    RispondiElimina
  26. Purtroppo leggere la parola "burrata" non è piacevole quando si vive all'estero, e si tratta il pezzo di fontina sottovuoto in frigo come un gioiello da custodire in cassaforte. Però la ricetta è bella! Elena

    RispondiElimina
  27. il punto di vista del post è una piacevole sorpresa, la foto imprevista e simmetrica, la burrata così desiderabile... e poi quel piatto, così casa tua :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...