lunedì 8 aprile 2013

aprile dolce dormire: i miei biscottini alla segale

Quante volte vi avrò detto negli ultimi post che in questo periodo sono particolarmente stanca?
Sicuramente tante, troppe!
E siccome sono veramente tanto stanca, ma non posso di fatto dormire come vorrei (ovvero per una settimana intera, notte e giorno, alzandomi per lo più solo per cucinare qualcosa), ho pensato di usare un escamotage: il blog come terapia: una settimana concettualmente detox, tutta dedicata ai cibi che mi rilassano. Così me li guardo, me li leggo, e mi pare di riposarmi pure un po' (ma tu guarda a che punto siamo arrivati, all'autoipnosi via foodblog... ;-))
Una settimana in cui postare alcune delle mie "ricette relax", ovvero quelle "tipologie" di ricette che vengono piuttosto spontanee da pensare, da preparare, da mangiare, anzi, in alcuni casi (come questo a seguire!) da mangiucchiare, davanti ad un libro, ad un progetto, ad una sessione di lavoro alle foto sul pc...




Si tratta di biscottini alla segale, che solo a pensarci mi viene troppo da ridere.
Sì perchè questi biscotti hanno una storia.
Anzi, ci sono varie ricette di questo blog che hanno una storia, o, meglio, alcune delle ricette di questo blog possono far parte di due grandi tipologie di storie:
 - tipologia 1: la ricetta senza foto. La ricetta storica, o la ricetta così buona che prima ancora d scattare già pensi che vorresti fare una foto veramente degna del suo sapore e succede sempre che l'immagine finale ai tuoi occhi non lo è mai e quindi rimandi (anche x anni!!!) di postare. Esempi? Le frittelle di riso, oppure la torta di formaggio di pochi post fa! L'ho fotografata 4 (e dico quattro) volte in tre anni. Per fortuna je l'abbiamo fatta a scriverla finalmente per la scorsa Pasqua... ;)
 - tipologia 2: la foto senza ricetta. Ecco. Posso confessare? Ci sono delle ricette che io non vi ho mai potuto postare perchè, nonostante le mie infinite agendine e quadernini, io a volte le perdo. E allora le cose sono due: o le rifaccio, e quindi verifico la ricetta e poi la posto, oppure il mio umore, le mie idee sempre un po' variabili, la mia testolina matta, mi fanno aver voglia di cucinare altro e ciao.

Però questi biscottini mi piacevano troppo. Mi piacevano e mi piaceva pensare di poterli mangiare di nuovo  io stessa (e scusate l'egoismo eh?). Quindi (saranno difficili da ricreare dei biscotti?) mi sono rimessa e li ho rifatti. Una volta, due volte. Niente. Cioè, venivano dei biscotti buonissimi (dei quali peraltro ho anche promesso la ricetta a mia sorella), ma non erano quelli. Non tenevano la forma. Eppure io ricordavo le dosi, non potevo sbagliare così tanto!

Alla fine mi sono accorta che mi ostinavo a chiamare "biscotti all'avena" dei biscottini che invece avrebbero dovuto essere alla segale, e me ne sono accorta sapete quando? Accendendo il pc per far vedere a mia sorella la forma che invece avrebbero dovuto avere i biscotti che a lei piacevano tanto...

Insomma la scena era questa: lei con in mano un biscotto all'avena, largo, spampanato e a forma di cookie, per capirci, io che nel pc vado ad aprire la cartelletta "biscottini alla segale", io che guardo lei, il biscotto, il pc come se avessi trovato la chiave di volta. Ed in effetti di chiave di volta si trattava, tanto più che che adesso abbiamo scoperto che la farina di segale "tiene" di più nell'impasto, mentre quella d'avena "sbraca" (con risultato tipo cookie di cui sopra)...

biscottini alla segale
ingredienti
150 gr di farina di segale
50 gr di farina 00
50 gr di maizena
50 gr di fiocchi di farro
110 gr di burro
70 gr di zucchero
70 gr di latte
2 cucchiai di fiocchi di farro per decorare

Mescolare tutti gli ingredienti insieme (a parte i due cucchiai di fiocchi di farro per decorare) e formare con l'impasto delle palline dal diametro di 1,5 o 2 cm.
Disporre le palline sulla placca del forno rivestita di carta da forno, spargervi sopra i fiocchi di farro e schiacciare le palline di pasta premendole leggermente con i rebbi di una forchetta.
Cuocere in forno già caldo per circa 12' a 180°C.

23 commenti:

  1. Ma belli che sono! *__*
    Ross, tranquilla, riposati pure quanto vuoi, se riposarti significa postare certe meraviglie ;)

    Buon lunedì cara :*

    RispondiElimina
  2. aprile o no.. io so che mi sento così spossata, con poche forze.. è che , ahimè, ci metto del mio dormendo poco la notte (no..senza fare bagordi, ma guardando il soffitto della camera da letto) e di giorno si corre..
    vabbeh.. mi consolo con una colazione con i tuoi biscottini ricchi e gustosi
    baci

    RispondiElimina
  3. Agnese ok, ricevuto... Poi quando guadagnerò il letto magari anche una settimanella di blog-vacanza... O forse si tratta solo di questo periodo dell'anno... È che agosto è così lontano ancora!!! ;)

    Luisa: anche io niente bagordi... E fisso il computer, mane e sera!!! Guarda auguro a noi due gran belle meritate dormite!!! ;)

    RispondiElimina
  4. belli sono belli ma troppo sani per il mio mangiatore seriale di biscotti. mi sa che ci aggiungerò le gocce di cioccolato che fanno un po' meno sano

    RispondiElimina
  5. solo chi ha la pressione bassa come noi può capire tutto ciò...
    ...
    ...
    ...
    ...
    zzz
    zzz
    zzz
    scusate, mi era preso un momento di abbiocco...
    bellini questi biscotti ritrovati! sembrano molto croccanti a vederli, proverolli!

    RispondiElimina
  6. Bellissima questa idea! Autoipnosi da blog! Mi aggrego all'ipnosi...!
    Bellissimi i biscotti, davvero genuini e sfiziosi!

    RispondiElimina
  7. L'autoipnosi via foodblog è la nuova frontiera nella ricerca del benessere mentale ;o)
    Visitare il tuo blog ad esempio è sempre una buona terapia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina, mi fai morire!!! Anche il tuo sai funziona molto vene come terapia? ;)

      Elimina
  8. Belli da vedere...
    ed indubbiamente squisiti da assaggiare!

    RispondiElimina
  9. Una bella alternativa il blog per l'insonnia! poi a noi piace leggerti ;-)
    Buonissimi questi biscottini con i fiocchi di farro con la segale, in più sono anche leggeri!
    croccanti e perfetti da soli e da inzuppo

    RispondiElimina
  10. Stanchezza da primavera. L'anno scorso colpì me, hai tutto il mio sostegno morale. Se serve arrivo con una birra :)
    Adorabili i biscotti legati alla tua bella storia tra ricette, fotografie e sorelle.

    RispondiElimina
  11. beh guarda questi sono bellissimi e mi fanno una voglia pazzesca!!!

    RispondiElimina
  12. Anche a me capita di perdere le ricette e quando quel che ho fatto mi piace mi mangio le mani per non averla appuntata. Comunque è interessante come scoperta, vuol dire che non sempre si può sostituire la farina in pari peso come capita (come mi ostino a fare io!).
    Buona giornata e riposati!

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marikaaaaa!!! Ti pensavo oggi sai? E pensavo pure al freddo e alla provvidenziale sciarpa... Ma io so aspettare, e intanto ti mando un abbraccio!

      Elimina
  14. Parole sante!mi sa che capita a tutte sta cosa quì! Sono curiosa del sapore della segale in un biscotto,mai provato.
    abbracci...Marika

    P.S. Mi sto ancora stragodendo la sciarpa, unico vantaggio di questa primavera insolente e ritardataria...tipo stamane, 10°....
    ma non ho ancora la foto giusta...ci arriverò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, ho fatto il mio solito casino, ti ho risposto ad un commento sparito!!! (che però è uguale a quello rimasto, mi sa! ;))

      Elimina
  15. si tranquilla anzi scusa ...pasticcio da frettolosa distrazione ;-P

    RispondiElimina
  16. ma io la farina di segale non la trovo da nessuna parte, uffissimi...
    vengo a prenderne uno dei tuoi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lise, ma nemmeno un negozietto bio a portata di mano???? Guarda col pensiero uno anzi più di questi sono tutti tuoi!!! ;)

      Elimina
  17. Mi piacciono le due teorie... mi ci rivedo alla perfezione.
    E anche nel sonno. Non me ne parlare, in queste settimane ho un solo è unico pensiero: dormire. Sarà questa pioggia continua, ma invece di uscire ho solo voglia di stendermi, coprirmi con un bel plaid e fare un riposino.
    E per allietare questa mia continua sonnolenza, ma soprattutto per tenermi sveglia, questi biscotti sono una vera tentazione. Uno tira l'altro... e in questo modo si allontano il momento dell'ennesino sonnellino... :-)

    RispondiElimina
  18. ciao, colgo l'occasione per farti i complimenti per il blog. Mi sono aggiunto ai tuoi sostenitori e se ti va di passare da me, ti ho dato un premio =)
    ciao
    a presto

    RispondiElimina
  19. *ilaria: oggi sono un po' più sveglia... Forse grazie alle canoniche 8 ore di sonno di questa notte... Chissà quanto durerà l'effetto... Nulla, se non bisso il sonno ;)
    *Marco ciao, piacere di conoscerti! E complimenti anche a te per il tuo blog!!! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...