martedì 12 febbraio 2013

Dal menù d'amour di Aurèlie: Ragoût d’agneau, il ragù d'agnello!

Certo, stavo pensando giusto ieri, presentarsi al marito di una vostra nuova amica, la prima volta che vi conoscete e dopo avergli messo a ferro e fuoco casa riempendola di props, un cavalletto poi manco tanto usato (dalla impaziente sottoscritta), una pentola di ghisa, e un paio di obiettivi depositati sul divano manco fossero la Numero Uno di Zio Paperone, con un "Ciao, io sono l'altra delle 50 sfumature di grigio, e tu devi essere uno dei fortunati che mangiano piatti potenzialmente meravigliosi assaggiati per lo più sempre freddi..." non è proprio il migliore degli incipit.
Però che vogliamo fa', ormai la casa pullulava di foodblogger (due, e pure piccolette, ma mooolto molto espandibili, con macchina fotografica in mano), e le 50 sfumature di grigio erano tutte lì, spaparanzate sul tavolo, e quindi dopo le strampalate presentazioni, sono andate avanti le foto del seguito, e dunque eccolo, il ragù d'agnello che va servito insieme al gratin di patate di ieri,
In realtà io e Barbara, assaggiando diligentemente, osservavamo che anche con due tagliatelline non ci andrebbe affatto male...
Nel farlo avevamo convenuto di non mettere la melanzana, che insieme alla melagrana ci faceva un po' effetto, a livello di stagionalità... Poi non so per quale motivo la melagrana non è stata più messa e quindi è uscito un buonissimo, tradizionalissimo, meraviglioso classico e succulento ragù di agnello, che voi potete scegliere di usare a vostro piacimento come accompagnamento ad un gratin o come condimento per un primo piatto ...



Ragoût d’agneau alla melagrana con gratin di patate
Ingredienti (per due persone abbondante)
400 g di coscia d’agnello
200 g di pomodori
2 carote
2 gambi di sedano
1 cipolla rossa
1 melanzana (facoltativa)
2 melagrane (facoltative)
2 spicchi d’aglio
1 mazzetto di timo
1 cucchiaio di farina
250 ml di vino bianco secco
30 g di burro
olio extravergine di oliva

Eliminare il grasso dalla carne e tagliarla a piccoli pezzi, lavare e pelare le carote, lavare la melanzana e il sedano e tagliare tutto a dadini; sbucciare l’aglio e la cipolla e tritarli.
Tagliare a metà le melagrane ed estrarre i semi con un cucchiaino, sbollentare i pomodori, passateli sotto l’acqua fredda, eliminare la buccia e tagliare la polpa a dadini.
Far soffriggere l’aglio e la cipolla in una padella con il burro, saltare brevemente le carote, il sedano e la melanzana, poi insaporire con sale, pepe e le foglie di timo.
Far rosolare a fuoco vivo la carne in una casseruola con l’olio, salare e pepare, spolverizzare con la farina, mescolate con cura e versate il vino. Unire le verdure saltate e i pomodori e lasciar cuocere con un coperchio nel forno preriscaldato a 150 °C per circa 2 ore, eventualmente bagnando con altro vino.
A fine cottura aggiungete i semi di melagrana.


________________________________________

Le ricette del menù d'amour di Aurélie
Ragù di agnello, da servire con il Gratin di patate

24 commenti:

  1. *valentina: è DA provare, ti assicuro!!! ;)

    RispondiElimina
  2. hahaha... ma guarda che il marito di cui sopra ormai è abituato a questo e altro!
    quanto al nostro ragoût d’agneau, confermo e sottoscrivo in pieno il nostro pensiero, visto che domenica a pranzo è finito a condire giusto giusto quei 3 etti di rigatoni.. che te lo dico a fare!!!! una meraviglia, da rifare solo per questo..
    ringrazio anche di qua tutti quelli che da qui ieri sono venuti a curiosare da me.. you made my day!

    RispondiElimina
  3. Già il piattino di ieri non era niente male, se ci accostiamo anche questo.. ecco, che meraviglia! Complimenti ragazze.. siete eccezionali!! Buon martedì!

    RispondiElimina
  4. Sai che ho parlato di questo libro (da cui ho tratto ispirazione per una ricetta) proprio pochi giorni fa sul mio blog? :)
    Stupendo il ragout d'agneau e bellissimo il lavoro di squadra :)

    RispondiElimina
  5. *Elisa, corro subito a sbirciare!!!

    *Ely: sì, lo confermo. Me ne fare un piattino ora-ora!

    *Barbara: sì ma pover'uomo, torna e si trova due puffi grigi al prezzo di uno, entrambi camera-muniti, teglietta-muniti, stoffetta-muniti... non lo so, è da medaglia!

    RispondiElimina
  6. Povero marito che si è trovato a fare i conti con delle foodblogger! Ma d'altronde se l'è cercata, no? E poi che avrai mai detto...!
    Buonissimo il ragù, anche freddo ^^

    RispondiElimina
  7. Vorrei proprio essere al posto del marito, anche se freddi questi piatti devono essere stati meravigliosi... poi vuoi mettere la compagnia di alto livello?! :)

    RispondiElimina
  8. *Arianna: Il mio sopporta pazientemente <3
    E cmq, questi stoici compagni, come diceva anche *Lizzy, hanno un grande rovescio della medaglia! ;)

    RispondiElimina
  9. Adoro questa unione tra due blogger che seguo e mi piacciono molto! Sono affascinata dall'idea, dall'amicizia, dai vostri post, dal libro... Insomma, da tutto! ^_^

    RispondiElimina
  10. Deve essere buonissimo, anche se io non amo tantissimo i sapori troppo forti della carne.
    baci
    Elli

    RispondiElimina
  11. ross, ma la vogliamo dire tutta? il bello è che il marito di cui sopra (il mio, per inteso) mentre noi si stava lì ad armeggiare con ogni bendiddio, preannuncia con una telefonata il suo imminente (e del tutto imprevisto) rientro per pranzo e ha avuto il coraggio di chiedere "mi faresti un piatto di pasta all'olio che devo andare in palestre".. cioè capite che anche noi food blogger dobbiamo spesso scendere a dei compromessi al limite dell'inaccettabile! (che poi alla fine si è dovuto "accontentare" di una ciotola di riso accompagnata da "giusto un assaggino" di una delle altre leccornie del menu di cui non abbiamo ancora parlato.. eh, dura la vita del marito di una foodblogger, già.. ;-P

    RispondiElimina
  12. *Cristina, che cara che sei! Sono contenta che ti piaccia l'idea, anche perchè in questa settimana non si parlerà d'altro!

    *Elli, allora per te va benissimo l'accostamento col gratin di patate! :)

    *barbara, essì alle volte so' strani, LORO... ;)

    RispondiElimina
  13. Ecco ammetto che io on riesco a mangiare l'agnello...credo che l'unica cosa che passa siano gli arrostici in abruzzo...quindi non ce l'avrei fatta...! Nonostante ciò l'aspetto è molto invitante...
    a presto...Marika

    RispondiElimina
  14. Io ho adorato questo romanzo!L'ho letto tutto d'un fiato, carinissimo :)
    E anche le ricette, mica male! A Natale ho fatto l'insalata..fantastica! :)
    Un bacio, Marta

    RispondiElimina
  15. che bella questa amicizia collaborativa, e bella la ricetta, questo ragù ha un aspetto magnifico!!

    RispondiElimina
  16. *marika: guarda, può valere la pena, la patata "spezza" bene il sapore forte...

    *marta: sììì, allora adesso devi provarne qualcun'altra!

    *tiziana: guarda, ci è piaciuto così tanto che già vorremmo riprovare! :)

    RispondiElimina
  17. (no, quello qua sopra è stato gatò che voleva a tutti costi stare in braccio!)

    RispondiElimina
  18. No va beh, questo ragoût d’agneau mi mancava!! Fantastico!!

    RispondiElimina
  19. Scusatemi probabilmente sto per dire una mostruosità... La dico... Lo posso cuocere nella pentola a pressione??
    Grazie e complimenti!
    Maddalena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah... Forse sì???!
      Io non sono un'esperta della pentola a pressione, ma se è per limitare il tempo di cottura, salvaguardando il soffritto, la rosolatura, l'aggiunta di farina, di vino insomma tutta la parte a pentola scoperta, e poi chiudendo tutto per accorciare i tempi forse sì...
      Poi, ribadisco, non essendo un'esperta non so dirti bene come regolare la questione umidità pressione etc... Io penso sempre che debba esplodere da un momento all'altro ;)
      Ma sicuro in questo tu sai fare meglio! ;-P
      fammi sapere eh???? :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...