mercoledì 23 gennaio 2013

paté di Speculoos


Occheioccheiocchei, sì, va bene, ce l'avevo un'altra ricetta franzosetta... ;-P
La settimana scorsa abbiamo parlato di Parigi. Attraverso le ricette di un libro.
O meglio, come vi raccontavo, appena arrivata ho trovato nella mia libreria parigina preferita, il nuovo libro di Katie Quinn Davies What Katie Ate, ma bello-bello tradotto in francese (così non devo storcere gli occhi ogni volta che leggo ;)).


Quindi ho pensato bene di spararmi qualche ricettuzza dal libro nuovo appena comprato, così, di collaudo, e di fotografarle per parlarne a voi, cosa che ho fatto la scorsa settimana.
Però si da il caso che la casa della mia amica Daniela, che è una persona che di cucina ci capisce e non poco, fosse di per sé fornita oltre che di cucina degna di tale nome, anche di libreria culinaria molto ben selezionata, e che dentro questa liberia ci fossero alcuni dei miai volumi di cucina preferiti.
Ovviamente la cosa ha contribuito a farmi sentire ancora di più a casa, e mi ha permesso di realizzare una delle tante ricette che avevo stampate in testa da tempo, senza mai trovare l'occasione giusta per mettermi a prepararla...
Però se sei in Francia, e quindi i biscotti Speculoos li trovi in ogni supermercato, e anzi devi pure sceglierli tra varie marche, non ti si pone il problema per cui, se te li prepari in casa, poi ti scoccia impiegarli in un uso che che sia diverso dallo sgranocchiarteli.
E allora ecco che il libro della mia amica Sigrid, di cui vi avevo parlato appena uscito, trovato anche (cometesbagli? ;)) a casa della mia amica Daniela, è stato aperto alla pagina della crema di speculoos che volevo provare da tanto tempo.
La ricetta (devo dirlo? ;-)) è perfetta, e la crema buonissima.
Provare per credere!

ingredienti per 2 vasetti medi
150 g di speculoos
60 g di miele
30 g di zucchero di canna
100 ml di latte
50 ml di olio vegetale
90 g di cioccolato bianco

Passare gli speculoos al forno a 150°C per 10 minuti, poi frullarli in modo da ridurli in polvere e versare quest'ultima in una ciotola insieme al cioccolato ridotto a piccoli pezzi.
Scaldare il latte con il miele e lo zucchero e versare il composto liquido sulla polvere di biscotti. Mescolate e aggiungere in ultimo l'olio.
Versare la crema nei vasetti puliti e lasciar raffreddare.





41 commenti:

  1. E ti credo che è buono!! L'altro giorno mi è sembrato di vederli al supermercato qui in Italia gli speculoos...quasi quasi ci provo! ;-)
    Un bacio

    RispondiElimina
  2. Eccola che c'era un'altra ricettina parigina!!!
    Grazie, stamattina ci voleva propio..
    sara

    RispondiElimina
  3. Follemente innamorata delle foto. Disperatamente. Desiserosa di un cucchiaino di questa delizia. Amore a prima vista.????

    RispondiElimina
  4. caspita che bonta' che deve essere!

    RispondiElimina
  5. *Valentina: sì! Ma tanto-tanto eh?

    *lukiz: .... :D

    *babs: anche a ne piacciono... E quella luce, così tremendamente parigina....

    *girlin: anche a me, in questo marcoledi freddo-freddo...

    *chiara: vai, vai, provala... Ci vuole un attimo! (pure a mangiarla!)

    RispondiElimina
  6. come dicevo in instagram ho giusto un pacchetto di speculoos comprati a bruxelles.... hihihi!!!!

    RispondiElimina
  7. E pensare che io gli speculoos non so nemmeno cosa sono ;-) devo andare in giro a cercarli, mi hai messo la curiosità di assaggiarli e, perchè no, provare anche questa ricetta!

    RispondiElimina
  8. Io questi speculoos li avevo solo sentiti nominare in qualche blog qua e là, ma mi ero scoraggiata subito perché non li avevo mai visti in giro. Poi qualche tempo fa li ho visti all'Auchan e mi sono tornati in mente, oggi mi sa che faccio un salto a comprarmeli! =)

    RispondiElimina
  9. Eccomi presente all'appello davanti a una bontà che già conosco e che so per certo creare dipendenza.
    Mi mancava una buona ricetta per farla home-made. La proverò di sicuro.
    Così per dire, suggerisco di spalmarla - con moderazione ed estrema cautela - su una fetta di banana bread. Non aggiungo altro che a quest'ora è pericolosissimo! :-P

    RispondiElimina
  10. Foto stupende, cara.. e non solo! Sono davvero ammirata e curiosa di provare questa francesissima ricetta! :D Un assaggino ci starebbe giusto una meraviglia, eh? Un abbraccio con tanto affetto! :D

    RispondiElimina
  11. uuuuuu quanti complimenti e che onore di nuovo!!! in tutti i modi provo a farla anch'io!

    ps: non so se hai notato che i libri di Sigrid erano tutti forniti di dedicace!

    Daniela

    RispondiElimina
  12. mammamia che bontà!!!! io li adoro

    RispondiElimina
  13. Mi ha sempre incuriosito l'idea della "pasta" di speculoos... però hai ragione, scoccia utilizzarli in questo modo quando non possiamo comprarli già pronti ma siamo costrette a farceli in casa... uff! aspetterò di tornare in Francia!!

    RispondiElimina
  14. hai visto che gratta gratta ci è uscito fuori un altro post parisien?
    eh già, la cremina cremosa di sigrid faceva gola anche a me, ma qui a roma gli speculoos non li ho trovati nemmeno da castroni.. e ho detto tutto!!!
    mi sa che l'unica è infornarne il doppio, metà li sgranocchi e metà li cremizzi, eh?
    devo tirare fuori la ricetta che avevo su un vecchio numero di saveurs che era semplicemente perfetta... già..
    <3

    RispondiElimina
  15. vani non ho mai mangiato gli speculos, non sono mai stata a parigi, non ho le stoffine a fiori così belle...uffiiii!!!

    RispondiElimina
  16. Nella valigia del ritorno da Parigi oltre a chili di libri c'erano (e ci sono ancora) 3 pacchi di speculoos pronti per essere usati... ihihihih!

    RispondiElimina
  17. Marina mi fai morire!!! Sai volevo prenderli anche io? Una discreta riserva... Ma poi, tra una cosa e l'altra... Cmq io se non sbaglio li ho visti al Todis, qualche tempo fa... ;)

    Vale, ma allora te li faccio, e ci prendiamo un tè nelle meravigliose razze che tu sai e ci apparecchiamo con una stoffetta carina!!!

    Barbara, io aspetto pure la versione saveurs... Per i biscotti, come dicevo a marina, non vorrei sbagliarmi ma mi pare di averli visti al Todis...

    *carlotta: come dicevo anche alle altre, prova a vedere al Todis....

    *sweetie: mi hai fatto proprio sorridere cara, proverò, proverò... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al Todis?? Urge sopralluogo.. Quella di saveurs è buonissima.. Te la cerco, non mi ricordo su quale numero ma te la trovo di sicuro!!

      Elimina
  18. Quando d'estate vado in Francia, tra le scorte di squisitezze che faccio ogni volta negli ipermercati, c'è anche la crema di speculos, nel vasetto rosso, che vendono vicino alla nostra cremina di nocciole e cacao.
    E' molto buona, ma forse un filino stucchevole: voglio proprio provare la tua ricetta; fait maison sarà sicuramente ottima!
    Ma perchè i francesi sono sempre così goduriosi?
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  19. *francesca... ehehh, stucchevole, dipende. x esempio che chi odia il dulce de leche e chi lo adora. si tratta di un "sapore". diciamo che il bello di farlo a casa è che puoi un po' calibrartelo a tuo piacimento! ;)

    *barbara sìssì, tempo fa pensa che stavo sul loro sito a pensare di accattarmi qualche numerello "arretrato"!!!!

    RispondiElimina
  20. Oh, Ross, con questo ti adoro proprio tanto. Gli Speculoos, che biscotti divini. Foto splendide, ma che te lo dico affa' ;P

    RispondiElimina
  21. queste foto mi piacciono tantotantotantotantotanto!
    la crema dev'essere eccezionale... mi tocca andare a parigi a comprare un po' di speculoos...

    RispondiElimina
  22. *agnese: ok, fondiamo il 'fancleb'!!! ;)

    *lizzy: io potrei, per esempio, accompagnarti... :)

    RispondiElimina
  23. correggetemi se sbaglio ma questi biscotti non sono originari della grecia?

    RispondiElimina
  24. scusate mi sono sbagliata sono di origine belga. buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, uhm, decisamente troppo burro per una cosa greca, no? ;)

      Elimina
  25. ross, accetto con molto piacere questo invito speciale...avrei da darti una notizia speciale...:)

    RispondiElimina
  26. Adoro gli speculos, Parigi e tutto ciò che mi ricorda la Francia ma......cosa intendi esattamente per olio vegetale? Olio di oliva? Olio di arachidi? Help!!! Grazie per l'eventuale risposta....

    RispondiElimina
  27. *Anonimo: di semi? di semi vari? io per queste cose uso un olio di semi e frutta. Come componente "grassa" ma forse un po' meno come sapore(magari al limite usi un olio delicato) va bene anche quello d'oliva. Però molto dipende dai gusti, e poi gli speculoos così "mediterraneizzati" non ci la vedo.
    Guarda, credo cha anche lo stesso peso di burro fuso possa andare, anzi, alla prossima lo provo!

    *Vale: Ma sei matta a buttarmi là sta cosa così... senza "rete di protezione"... E adesso? Io sono in partenza porcavacca... ;) Quando lo saprò?

    RispondiElimina
  28. @Rossella: grazie mille! Comunque mi chiamo Sara, avevo semplicemente sbagliato a cliccare su "anonimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, non temere, distinguo dal tono "partecipato" o meno gli anonimi veri da quelli accidentali... Anzi, devo dire che su questo blog per mia fortuna il più delle volte sono tutti accidentali! Solo che quando rispondo ai commenti, nel rivolgermi al mio interlocutore e per distinguerne l'uno dall'altro soprattutto nel caso di "risposte multiple", mi tocca di conseguenza "nominarvi" così... Anche se fa un po' effetto anche a me!!!
      Fammi sapere se provi eh? ;)

      Elimina
  29. ciccina, buon viaggio! abbiamo tutto il tempo che vogliamo per rilassarci e chiacchierare di questa novità. e...no, ecco, stavo per cedere e darti qualche indizio, ma stavolta devo proprio resistere...;)
    p.s. giuro che mi farò perdonare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, non sai quanto mi sto trattenendo! ;)
      Allora farò la brava! ;)
      Non vedo l'ora di rivederti!
      :*

      Elimina
  30. ma questa crema è veramente una delizia, per me una novità assoluta, grazie della ricetta mi piace davvero!! ciao ciao

    RispondiElimina
  31. eccola la ricettina di cui mi avevi parlato! :) sai che ho ancora un pò di impasto di biscottini in freezer... che gli faccio fare questa fine?? mò ci medito. anche io sono uscita (finalmente... lo so ci metto tanto, ma con le foto dei viaggi ho sempre un rapporto lungo...) con NewYork. Ma la differenza rispetto a te e alla tua Parigi è che io a NewYork alla fine non ho cucinato un'emerita cippa! non so come mai, ma alla fine ci siamo persi per quella meravigliosa città, per 15 giorni di fila, senza mai stancarcene... un bacino cara Ross, e buona domenica!

    RispondiElimina
  32. Ciao e complimenti per il tuo blog!
    Non me lo faccio di certo sfuggire ;)
    Sarei felice se tu venissi a farmi visita.. mi chiamo Anna e mi trovi qui:
    http://ildiariodellamiacucina.blogspot.it/
    e qui:
    http://letortedianna.blogspot.it/
    Spero di vederti presto tra i miei follower!
    Un abbraccio e continua così!!

    RispondiElimina
  33. Quel patè ha un aspetto incredibile. Se lo faccio quanto si conserva in frigo? L'olio fa da conservante? Elena

    RispondiElimina
  34. Ciao Elena! Scusa il ritardo con cui rispondo al tuo commento... Sai che non lo so? Noi lo abbiamo spazzolato in un battibaleno! Però posso controllare nel libro di Sigrid da cui viene... Solo devi darmi ancora un paio di giorni... Sono fuori e non ho a portata di mano la mia amata biblioteca... ;)

    RispondiElimina
  35. Complimenti per questa ricetta! Mi ispira tantissimo e vorrei provarla. Ho solo una domanda: quanto tempo posso conservare questa crema prima di consumarla?
    Grazie!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...