lunedì 5 novembre 2012

torta pere, cioccolato, amaretti Moscato d'Asti...

My perfect chocolate and pear cake

Pere e cioccolato.
Forse oggi potrei scrivere semplicemente queste due parole, e già staremmo bene.
Perchè è freddo e uggioso, e allora per trovare il lato bello di un tempo brutto, ti arriva subito l'ingrediente salvifico, quello che con il caldo ti senti sempre un filino in colpa. Il cioccolato.
Poi, accanto all'ingrediente passepartout per l'umore, ci si mette un bel frutto di inizio autunno, la pera (ed io sono anni che mi sogno di fare LA torta cioccolato e pere, ronzandoci intorno senza avere il coraggio di affrontare veramente la cosa...).
Poi, non contenti, si aggiunge un vino (ma non un vino qualunque!), per ubriacare, ma solo dolcemente ed impercettibilmente, le pere.
Ed infine, giusto perchè siamo "fini", si aggiungono gli amaretti sbriciolati, per dare quel quid in più al sapore, ma anche alla texture di questa torta superlativa.
E non pensate che la ricetta sia mia eh?
Viene dalla raffinata cucina di zia Milla*** (come questa meraviglia chic a base di fondi di caffè, di cui si era parlato tempo fa ed è diventata così "famosa" da finire in un minivideo di google chrome), che non sbaglia un colpo che sia uno, giunta fino a me tramandata dalla mia momy... <3



ingredienti
100 gr zucchero
100 gr amaretti
200 gr cioccolato fondente
1/2 bustina lievito
4 uova
200 gr farina
700gr pere abate mature (già pulite)*
moscato** buono (250 ml circa)
170 gr burro
zucchero a velo, o cacao o amaretti sbriciolati  a piacere per guarnire

Sbucciare e tagliare a quarti le pere, poi in una padella antiaderente un po' alta farle cuocere con circa 250 ml di moscato a fuco vivo e finchè le pere non sono cotte (ma non sfaldate, una volta evaporato il moscato).
Sciogliere il cioccolato a bagnomaria con 90 gr di burro.
In una ciotola battere i tuorli, con 50 gr di zucchero e il restante burro, poi aggiungere il cioccolato sciolto e gli amaretti sbriciolati molto finemente, poi la farina e il lievito, mescolando continuamente.
In ultimo unire le chiare montate e a neve con i rimanenti 50 gr di zucchero.
Versare metà impasto in una tortiera (va bene da 24 cm) foderata con la carta da forno, adagiarvi sopra le pere, infine il rimanente impasto.
In forno a 180°C a 40-45 minuti.
Una volta fredda, spolverare con zucchero a velo  apiacere, o con poco cacao amaro, oppure con qualche amaretto sbriciolato (come potete ben vedere dalle foto qua sotto io ho provato tutte e tre le opzioni! ;)).




* io non le ho trovate ed ho usato quelle che vedete in foto qua sopra
** finalmente ho capito, cimentandomi in questa ricetta  e da brava ingnorantella quale sono in fatto di vini, che il moscato non è solo uno spumante, ma può essere anche un vino tranquillo o vivace. Io ho scelto, ragionando come dovessi berlo (cosa che poi ho fatto scoprendo che mi piace un sacco ;)), e non amando alla follìa gli spumanti un bel vino moscato leggermene vivace e super-buono...

*** aggiornamento del 7 novembre 2012: telefonata mommy-zia Milla di questa sera: abbiamo reperito la fonte!!!! Se volete approfondire, e magari vedere anche le foto passo-passo, guardate qui! ;)

29 commenti:

  1. Questa è esattamente la mia idea di comfort food! :-)

    RispondiElimina
  2. oh ma quanto è bella e buona mi piace assai!!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao! ottimo gioco di sapori questa tortina! cioccolato, pere, amaretti ed il tocco di moscato...insomma, non le manca nulla!
    bellissimo modo di passare una domenica di pioggia :)
    un bacione

    RispondiElimina
  4. cara la mia ross! ottima scelta... prima o poi mi lancerò anche io! ... ma dimmi, ma quante cose buone ci sono al mondo??? ;) un bacino, sere

    RispondiElimina
  5. ha. eccola la tua torta al moscato! Oh mamma mia com'è bella, mia cara, decisamente merita la fama dell'altra. Che si sa, pere e cioccolato van già bene, ma se messi a bagno nel moscato, non possono che diventar divini.

    RispondiElimina
  6. Deliziosa! Concordo: pere e cioccolato è un abbinamento divino e perfetto per questa stagione. Foto incantevoli. Complimenti!

    RispondiElimina
  7. tu mi incanti cara Ross, puoi scrivere anche di colla e chiodi o di amo e lenze che io ti leggo con attenzione senza perdermi una parola.
    Pere e cioccolato? Classicissimo (talmente classico che io non l'ho mai fatto).
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Ah, che delirio la torta di pere e cioccolato Ros!
    non amo moltissimo gli amaretti tradizioneli, ma dalle mie parti si usano molto quelli al cacao e allora si che li amo :)
    Le tue foto sono una meraviglia... l'ho forse già detto? ;)

    RispondiElimina
  9. Come sempre davanti a questi capolavori non so che dire sono una meraviglia.

    RispondiElimina
  10. ross, se ti piace il moscato, allora al nostro prossimo incontro ci sarà un regaluccio dalla mia città, che produce uno dei migliori moscati italiani...diciamo come premio speciale per le cose meravigliose che ci doni su queste pagine! :*

    RispondiElimina
  11. Che descrizione poetica della tua torta! Mi hai convinta che anche io devo fare una torta pere e cioccolato, è una vita che non ne sforno una! :)

    RispondiElimina
  12. Qualcosa mi dice che diventerà anche la "mia" perfect chocolate and pear cake... ;)
    Buona serata tesoro.

    RispondiElimina
  13. *serena: ma lo sai che sei troppo carina???? Le cose buone al mondo sono un sacco, poi quando ce le cuciniamo da sole sono ancora più buone!!! ;)

    *Valeria: tu non gai idea di quanto ti ho pensata mentre la preparavo!

    *Roberta, tu mi fai morire dalle risate ad ogni commento, e mi hai convinto, il prossimo post sarà sul bricolage!!!! (no, meglio non scherzare che qui attecchiscono troppo facilmente le passioni!!!)

    *claudia: anche a me non piacciono da impazzire gli amaretti, ma tu da' retta a vaniglia, qui ci stanno bene da morire!!!

    *Vale: no sono io che dovrei fare regali a te, hai capitoooo???? ;)

    *zucchero e zenzero: io sto solo alla prima e già sono un'addicted!!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao rossella,sono anna,volevo kiederti,ma se nn dovessi avere il moscato,esiste un valido sostituto? anke io nn capisco niente di vini,quindi nn conoscendo il moscato nn saprei con ke sostituirlo...fammi sapere,grazie :)

      Elimina
  14. ...la zia Milla... ancora devo rifarla la torta dei fondi ma è sempre lì che mi tormenta per la voglia di assaggiarla :) Vaniglia cara, è sempre un piacere passare di qui e trovare dei dolci speciali (e anche un po' ubriachelli) Bacio

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia Ross, è troppo troppo fascinosa...e la presenza degli amaretti, poi, che delizia..io ne sono folgorata! Grazie davvero....=) ottimo martedì e un abbraccio. Lys

    RispondiElimina
  16. Bellissima! Forse ci potresti citare il moscato? Non sono molto esperta, e dato che tu l'hai già testato ...
    Grazie! Laura

    RispondiElimina
  17. Dopo non ti rompo più! Ho fatto i dolcini di zucca, perfetti. Morbidi, leggeri. Ho perso lo stampino da muffins ma questo non mi ha fermato assolutamente, son venuti bene anche negli stampi di ceramica, sarà che non li ho stracotti..
    Non vedo l'ora di fare colazione!! (:

    RispondiElimina
  18. eh! bèh ma questa è una SIGNORAtorta di pere e cioccolato!

    RispondiElimina
  19. tu mi delizi la serata... e mi vine voglia di mettermi ai fornelli! Sento il profumo da qui ed è inebriante!
    Sulle tue torte poi, ci si può metter la firma, quindi si, la proverò sicuramente!
    Foto stupende.. ma ormai che te lo dico a fà! ;)

    RispondiElimina
  20. Ross, quanto hai ragione, basterebbero quelle due parole, "pere e cioccolato", a fare il post. Ma è bello leggere anche il resto, della cerca e dell'aver trovato, infine, La Ricetta.
    Questa la provo, prima o poi... [sempre prima o poi, ma perché :( ]

    RispondiElimina
  21. da svenire questo cake, mi fa davvero autunno e the' delle 5 da prendere in compagnia

    RispondiElimina
  22. E ti dirò di più: il moscato più buono viene dalle Langhe, in particolare Santo Stefano Belbo (provincia di Cuneo). Elena
    P.S. Questa è l'opinione di mio papà, che prima del matrimonio di mio fratello ha insistito a farsi un pò di chilometri per andare a Santo Stefano a fare un carico di moscato. Sembrava quasi che brindare con un altro moscato fosse impossibile.

    RispondiElimina
  23. io sono 1 amante della torta pere e cioccolato...la tua aggiunta degli amaretti mi ispira molto, prossima volta che la faccio me lo ricordo! ;-)

    RispondiElimina
  24. Fatta!
    E, come succede ogni volta che adotto una vaniglia-ricetta, e' stata un successo.
    Delicata, inaspettata e con tutti che cercano di capire da dove arriva quel certo non so che ... Grazie! Chantal

    RispondiElimina
  25. Fatta!
    E, come succede ogni volta che adotto una vaniglia-ricetta, e' stata un successo.
    Delicata, inaspettata e con tutti che cercano di capire da dove arriva quel certo non so che ... Grazie! Chantal

    RispondiElimina
  26. *Chantal, se sei la Chantal che io conosco ;-P, devo troppo dirti una cosa.... io oggi ho fatto la tua caprese al limoncello!!!!! Stasera la porto in gita ;) poi ti racconto... se invece sei un'altra Chantal, allora mi avvarrò del tuo commento per convincere la tua omonima a provarla! ;)

    RispondiElimina
  27. Caro/a, scusami davvero per la risposta molto in ritardo!
    purtroppo non ricevo notifiche efficaci via posta quando i commenti non sono loggati e quindi risultano come "anonimi"...
    Spero che anche se in ritardo la risposta in qualche modo ti arrivi! Io, per non sbagliare, metterei un amaretto di Saronno o qualcosa del genere... che dici? ;) Fammi sapere se leggi e se il commento ritardatario ti è stato utile!!!
    Ciao!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...