lunedì 26 novembre 2012

io cucino le bucce: pane di arancia e olio d'oliva


C'è questa ricetta che l'anno scorso ho cucinato un sacco di volte, ma mai postata...
E' una dei miei cavalli di battaglia, di quelle "associate al cassettone di frutta e verdura bio", che ne so, tipo la minestra al cavolo nero, la zuppa di patate e porri (che quando voglio essere chic la chiamo "Vichyssoise" (che è il suo nome eh?), la zuppa di cipolle in crosta, o quella di orzo e rape rosse.
Insomma, una di quelle che se hai una vagonata di frutta e verdura buona della quale non puoi (non vuoi) sprecare neanche un grammo, allora oltre alle ricettine sfiziose e sperimentali, devi avere anche una buona dose di ricette pronte all'uso per processare (parallelamente) tutto quel bendidio in tempo utile prima che si avvii autonomamente sulla strada del compost (che magari si potesse cucinare con calma tutti i giorni della settimana... mentre il più delle volte il grosso del lavoro in cucina si fa il week end, quindi ben venga cassettone e tutte le trasformazioni,  il forno acceso, i fumi e i profumi di cucina che ne risultano...)

Poi c'è la questione rifiuti, e la questione bucce. Sì perchè a pensarci bene (roba che negli anni 80 avrebbe fatto rizzare i capelli in testa ad ogni brava massaia) una grandissima parte dei rifiuti "umidi" sono anche rifiuti "commestibili", come i gambi del cavolfiore, o gli scarti del finocchio.
Ne avevamo cominciato a parlare l'anno scorso... ;) e dall'anno scorso infatti sono iniziate le sperimentazioni della sottoscritta in tema "buccia di arance bio".
Insomma la procedura seguita nel corso del'inverno 2011 era questa: 
- spazzolare ben bene sotto l'acqua corrente le arance con una spugna di fibra naturale
- spremere le arance per la dose mattutina di vitamina
- tagliare le bucce con un coltello affilato a pezzetti piccoli
- frullare le bucce con il minipimer e riporre in frigo in un contenitore di vetro chiuso con un tappo

La "purea" che risulta da questo trattamento è stata così spesso usata da Vaniglia per varie preparazioni, tutte di grande soddisfazione per la sottoscritta e che se riesco a fotografare pian piano ve le posto tutte.


Una, intanto, è questa qui, quella del mio pane preferito per le colazioni a base di marmellatine di agrumi (mandarino, arancialimone... ;)).

Sì, in effetti siamo in fase di "ricette strane", 'sti giorni.
Ma io non vedevo l'ora che tornassero il freddo e i preziosi agrumi per potervela propinare....



Pane all'olio d'oliva e buccia di arancia
ingredienti
500 gr farina*
200 gr pasta madre a temperatura ambiente
120 gr latte
20 gr olio extravergine d'oliva
240gr di purea di bucce d'arancia (preparata come descritta sopra)
2 cucchiai di zucchero
1 uovo


Sciogliere la pasta madre nel latte appena tiepido, poi mescolare il composto alla farina, impastando, aggiungendo manmano lo zucchero e poi il l'olio.
Mescolare a lungo, aggiungendo manmano la purea di bucce di arancia biologica e l'uovo.
Impastare finchè l'impasto non è amalgamato aggiungendo poca farina in caso il tutto risultasse troppo appiccicoso (viceversa aggiungendo poco latte nel caso l'impasto risultasse troppo "tosto"): mantenere comunque l'impasto leggermente umido e lasciar lievitare in un luogo tiepido per 4 o 5 ore (deve più o meno raddoppiare di volume - io metto l'impasto nel forno spento, al limite accendo la lucina).
Lavorare di nuovo l'impasto e stenderlo in una sfoglia rettangolare 30x50 cm, poi arrotolarla dal lato + corto e porre in uno stampo a cassetta imburrato e infarinato. 
Far lievitare ancora almeno per un paio di ore (anche in questo caso deve più o meno raddoppiare).
Cuocere in forno già caldo a 200°C per una mezz'ora circa.


* io faccio metà farina = e metà farina di forza


30 commenti:

  1. Anche noi siamo molto sensibili al problema bucce, ma poichè la maggior parte delle volte utilizziamo frutta e verdura comprata al mercato, non ci fidiamo della commestibilità delle bucce. Per questo abbiamo iniziato a compostarle sul balcone di casa in maniera artigianale ma efficace.
    Ogni tanto invece ci regalano delle ottime arance non trattate e allora anche noi ci sbizzarriamo in varie preparazioni. L'idea della purea di bucce mi piace molto e la prossima volta che avrò a disposizione un po' di arance "sane" proverò la tua ricetta. Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. That's why I love Vaniglia! :D

    RispondiElimina
  3. ok dopo la torta con i mandarini interi questo con le bucce di arancia è favoloso...
    Quando dico che se troppo avanti Rossella, è vero e continuo ad averne conferme!

    RispondiElimina
  4. Ti ho adorata l'anno scorso quando eri in fase riciclo.... Ti adoro ancor di più adesso che ci "conosciamo" via mail e adesso mi obblighi anche a risvegliare la pasta madre figlia dal freezer per preparare questa meraviglia di pane!!
    F

    RispondiElimina
  5. Ross, mi piace la tua idea di riciclo, ma mi in questo periodo sono nella fase down e l'idea di mettermi ai fornelli mi pesa. Segno le tue magnifiche ricette per i momenti migliori. Bacioni

    RispondiElimina
  6. Oh, mi salvi la vita, mi piange il cuore ogni volta che butto la scorza delle arance provenienti dall'arancio fuori casa che ogni anno ci regala quegli splendidi frutti!!

    RispondiElimina
  7. ciao rossella :)

    beh questa ricetta del pane con l'arancia la proverò di sicuro al prossimo impasto :)

    poi ti dirò!


    eiiii ma se vieni in Ancona mandami una mail che ci incontriamo ;)

    baci Carla

    RispondiElimina
  8. io cucino le bucce...è un titolo strepitoso, di quelli che nella mia fantasia apre porte infinite...e questo pane è da mettere subito sul post it delle cose da fare URGENTI! p.s.ho visto la torta ai fagioli di pigna che hai postato venerdì: tu sei troppo avanti! :))

    RispondiElimina
  9. Ed io vorrei venire a cucinare con te... Posso solo immaginare il profumo, una bellissima idea
    Baci

    RispondiElimina
  10. Buongiorno, ohddonne.
    Oggi sono un po' stanca e scombussolata (andiamo bene, è solo lunedì!), ma devo dire che i vostri commenti mi turano molto su di morale... ;)

    *eddinama che dai tra natale e capodanno, "scendi"? Perché se la risposta è no io ti inviterei per il nostro solito café/jus de pomme natalizio on zona tua... ;) poi ti scrivo, presto! ;)

    *vale e Elisa-Kitty: macché avanti!!! (diciamo più "de coccio")

    *carla:fammi sapere eh? Io ho sempre l'impressione che vengano solo a me, le mie ricette di pane!!!

    *silvia: *_* sìì, oddìo che belli, l'albero...

    *Roberta: noooo, che storia è questa? Però se può consolari non è forse vero che dalle fasi down escono sempre cose meravigliose poi???

    *franci: ricorda che tu hai un clone della mia pasta madre, se succede qualcosa a Roma io mi rivolgo a te (tanto per non metterti responsabilità, eh? ;))

    *agnese: <3

    *clara: sì, con gli agrumi bisogna assolutamente andare sul sicuro...

    RispondiElimina
  11. Che idea magnifica. Peccato che in casa mia tutti odino gli agrumi (se non sottoforma di semplice frutto). Ma me la segno e la farò per gli amici.
    Continua pure con le "ricette strane"!

    Alice
    operazionefrittomisto.blogspot.it

    RispondiElimina
  12. L'ansia Ross ti prego non mettermi ansia!!!!
    Giuro che settimana prox la risveglio

    RispondiElimina
  13. sono molto 'agrumosa' anch'io di stì tempi...per i pupi clementine a go go....
    Ed essendo in 5 in casa, non disdegno, anzi, utilizzare anche le parti meno nobili di frutti e ortaggi,della serie non sprecgiamo nulla.... quindi appena provo questa ti dico...
    Unica nota dolente sempre al solita: la PM....mi toccherà il cubetto di lievito!
    buona settimana
    Marika

    RispondiElimina
  14. *Alice: ok!!! ;)

    *franci: eheheh, confesso, l'ho fatto apposta! ;-P

    *marika: io adiro le ricette da famiglia. E il modo sano e intelligente che le mamme hanno di intendere il cibo...

    RispondiElimina
  15. eccomi non potevo mancare al tuo post del lunedì e sono anche contento di ritrovare da te un lievitato mucho buonoooooo un bacio vaniglia ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro ma vogliamo parlare del tuo di ieri? Solo che ero (anzi sono) molto introversa questi giorni... Quindi latito un po'. Però che immagini meravigliose... ;)

      Elimina
  16. Mia cara, con queste ricette strane e agrumose con la sottoscritta caschi in piedi! Le adoro è dire poco! ;)
    E pure io uso quella bella pappetta che rimane dopo una sana spremuta, ma solitamente in un cake con il ripieno di melograno... ora proverò anche la tua versione di pane!! grazie della bella idea!
    un bacio grande!!!

    RispondiElimina
  17. mmm, che meraviglia! e in assenza di pasta madre?

    RispondiElimina
  18. *Benedetta: sì, esiste anche un "uso-torta": ci credi che nonostante l'abbia fatta una marea di volte, non sono ancora riuscita a fotografarla? cake ripieno di melograno... caschi dritta dritta in piedi pure tu!!! :)

    *Isaetta: uhm, hai ragione... mai provata però con il lievito di birra... dovrei provare efarti sapere... qui in casa latita da un po', ma dato che viaggio spesso per raggiungere parenti disseminati per il centroitalia, dove ancora non ho diffuso la pasta madre mania... presto o tardi aggiungerò anche una versione "fast" .... ;)

    RispondiElimina
  19. Ma questi post riservano una sorpresa continua!Brava!questa me la segno!un bacio!

    RispondiElimina
  20. *laura: oh, vi piacciono tutte quelle che io invece temo! ;)

    RispondiElimina
  21. Mi stupisci sempre!! E poi che buono dev'essere questo pane?? Davvero complimenti! Un bacione.
    Fede

    RispondiElimina
  22. Anche a me piace molto trovare degli usi per i pezzi di scarto, che tuttavia sono commestibili. Di solito cerco di ridurre gli scarti al minimo, pensa che cuocio e mangio anche i gambi dei cavoli! Vanno cotti un po' di più, ma sono deliziosi! La tua ricetta mi ispira moltissimo, me la segno! ^_^

    RispondiElimina
  23. Risposte
    1. Laura ciao!!!! I "lavori" vanno avanti sai? E la lana, lavorata, è ancora più bella che "raggomitolata"!
      Baci

      Elimina
  24. Bene!!!! Allora buon lavoro e attendo nuove quando sarà!

    RispondiElimina
  25. proprio una bella idea rossella ... e decisamente più veloce delle bucce d'arance caramellate ;)

    RispondiElimina
  26. Ho preso spunto dalla tua purea di bucce d'arancia (idea geniale) per una torta...e il ristultato è stato molto soddisfacente. Prima o poi proverò anche questo pane...

    RispondiElimina
  27. Nadia anche io faccio una torta così (forse l'ho scritto..): è stato il dolce dell'anno dell'anno scorso!!! Bella vero la sensazione di non buttare nulla ma proprio nulla? ;)

    RispondiElimina
  28. Sì è vero è una bellissima sensazione...vedere poi le facce di chi la mangia di gusto e non sa che ci sono le bucce d'arancia è ancora più bello! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...