martedì 4 settembre 2012

la cheesecake perfetta: more e ricotta

(per mio papà :))



Ci sono due modi sublimi, secondo me, di mangiare le more: uno di questi è con la crema, in qualunque forma essa sia, gelato (magari anche allo zabaione, ma della migliore qualità! ;-)) o crema inglese o pasticcera o quello che volete; mentre il secondo è con la ricotta, anche qui nella forma che preferite, pura o sotto forma di torta o del dolcetto che più vi aggrada.

Questa cheesecake nasce proprio dal connubio tra due sapori che io amo tanto insieme, ed è stata ideata, ormai qualche giorno fa, in occasione del compleanno del mio papà.
Volevo a tutti i costi una cheesecake bianca, quindi senza uova e praticamente a base di sola ricotta, panna e pochissimo zucchero.
Ho deciso che per "far tenere" la parte di formaggio senza l'aiuto delle uova avrei potuto usare della gelatina in fogli, e quindi il giorno prima del compleanno del mio papà, mi sono messa ad armeggiare montando la base sbriciolando e mescolando al burro i biscotti, e poi ho provato, appellandomi a tutti i miei protettori celesti (che ovviamente avranno di meglio da fare che badare alla riuscita culinaria di una mia torta ;-P) a mescolare secondo le mie solite proporzioni, ipotetico-geometrico-simmetriche ricotta, panna, zucchero e colla di pesce.
Mentre riflettevo prima di ogni minima azione (situazione alquanto rara, dato che io in cucina faccio sempre mille cose insieme che sembro un'invasata), e chiedevo senza posa a mia madre che nel frattempo stava rassettando "ma sarà giusto?", lei ad un certo punto mi ha detto una frase che mi ha infuso veramente un sacco di fiducia.
Mi ha detto esattamente queste parole: "non ci stare a pensare troppo, tu ormai tanto sai fare", per dire una cosa tipo che avevo il senso delle proporzioni, l'occhio, o l'istinto, non so come spiegare.
Allora io ho cominciato a ripetermelo: tanto so fare, tanto so fare, tanto so fare.
Devo aver convinto anche la ricotta, la gelatina, le more i biscotti e tutto il resto, tanto che questa torta, che è stata già bissata da me medesima a Roma (ovviamente a Fabriano non ero riuscita a fotografarla, ma devo dire che ripeterla non mi è dispiaciuto affatto), è entrata all'istante nella top ten (o addirittura five??? ;)) delle mie torte da dessert.

Perchè è semplicissima, leggera, esteticamente accattivante e superbuona.
E' anche estremamente versatile: l'ho preparata nel primo caso in una teglia da 24 cm e nel secondo in una teglia da 18 cm (cambiano solo gli spessori, e di conseguenza le dimensioni delle fette di torta che dovrete fare!). Può essere un'idea carina anche servirla in monoporzioni riempendo con il composto dei bicchierini. La cosa bella è che non servono contenitori di vetro resistente alle alte temperature, perchè questa cheesecake non va cotta, ma bastano dei normalissimi bicchieri nazionalpopolari, tiponutella, esattamente come i miei (quelli della foto in fondo).



Per i maniaci della geometria (non quella degli ingredienti ma quella della forma, vabè io lo sono di entrambe,  posso mica esse' perfetta? ;-)), sappiate che il taglio di questa torta dà una soddisfazione infinita...
Non fate caso alla foto qua sopra (io quando taglio per fotografare mi emoziono sempre un po', ecco dovrei mangiare e basta!), e sappiate che la prima volta che l'ho fatta, mentre tutta la famiglia mangiava soddisfatta (soprattutto il mio papino <3), io me ne stavo con il boccone in punta di forchetta a rimirarne i bordi...

Fatela il prima possibile, è la tipica torta da portare ad una cena tra amici. Magari ci mettete dei fichi settembrini con sopra un filino di miele... altri due ingredienti che con la ricotta ci cantano! :D

cheesecake senza cottura con ricotta e more
ingredienti (per 8-12 persone o 8-12 bicchierini)
300 g di frollini o biscotti tipo digestive
80 g di burro morbido
500 g di ricotta di mucca
250 ml di panna fresca liquida
3 fogli di gelatina (o colla di pesce)
5 cucchiai abbondanti di zucchero semolato
250 g di more

Preparare la base sbriciolando finemente i biscotti e mescolandoli con il burro morbido, poi trasferire il composto in una teglia a fondo mobile (io ho usato questa) foderata di carta da forno (diametro minimo 18 cm, fino ad un massimo di 24 cm), appiattendolo e compattandolo con la parte convessa di un cucchiaio.
Riporre in frigo.
Preparare il composto alla ricotta: immergere per qualche minuto la gelatina in una ciotola piena di acqua fredda, e scaldare la panna in un pentolino.
Togliere la panna dal fuoco ed aggiungervi i fogli di gelatina ben strizzati, poi mescolare fino a che la gelatina non si è sciolta bene.
Aggiungere lo zucchero, mescolare e lasciar raffreddare.
Unire infine la panna alla ricotta, mescolare bene e versare nella teglia. Il composto è così liquido che si livellerà da solo.
Far riposare per tutta la notte in frigo.
L'indomani sformare su un piatto, guarnire con le more e servire fredda.


____________________________________
piccolo aggiornamento dell'ultim'ora: ;-P

come si accennava qualche giorno fa, da oggi potete leggere alcune delle mie ricette anche sul magazine online HonestCooking, e questa cheesecake è la prima ricetta ospite!
Io sono superonorata, e voi, se vi va, seguitemi anche lì, c'è pure l'aggeggetto "stampa" su cui si può cliccare e stampare comodamente senza impazzire... da più di tre anni cerco di metterlo senza risultato sui miei post.
Voi vede' che abbiamo risolto? ;)

baci, e fatemi sapere !

65 commenti:

  1. Ho letto tutto d'un fiato....prima cosa siamo due invasati in cucina facciamo mille cose e sembriamo la dea calì!!! seconda cosa le foto sono la cosa più bella che io abbia mai visto!!! e non esagero affatto!!! signora vaniglia lei ha le manine magiche, per tutto!!! Terza cosa io questa torta delle meraviglie non potrò mai farla dato che in famiglia non piace -.- ma sarà mai possibile'!?!?!?!?!?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le foto di more che ti dicevo qualche giorno fa... ;) scattate nel solito minimale angolino di spazio, cin la capoccia 'spetacciata' sul vetro della finestra...
      Grazie davvero (ma tu non dovresti essere in viaggio??? ;))

      Elimina
  2. Una perfezione assoluta, Ross...immagino anche nel sapore e non solo nella forma!!!! Perfettissime anche le foto. Dieci e lode!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohi Fra'... Sai una cosa? A me piace da morire! È esattamente come piacciono a me le torte: poco zucchero, molta frutta, e tutti i sapori che si distinguono benbene... ;)
      Sono sicura che ti piacerebbe tanto!! :)
      Grazie bella, e buona settimana!

      Elimina
  3. Domani ross domani sarò sul mio treno che mi porta a paris!!!!

    RispondiElimina
  4. Rossella!!! Nella mia to do list c'è da sempre la cheese cake! Da sempre, e alla fine non l'ho mai fatta... non so per quale motivo, ma non ho mai provato... e invece credo proprio che prenderò questa tua ricetta e la testerò! proprio ieri stavamo parlando che sarebbe bello fare una passeggiata alla ricerca di more... :) se le trovo, altrimenti le compro, che quest'anno ancora non le ho mangiate! bacino, sere

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia... ho fatto più sospiri leggendo questo post che rimirando il tramonto al mare! Ahahah! Devo provarla devo provarla devo provarla!!!

    RispondiElimina
  6. che meraviglia! le foto fanno venire un'acquolina pazzesca...Aveva proprio ragione la tua mamma, ci sai fare davvero:)

    RispondiElimina
  7. e' semplicemente perfetta!!!! Che meraviglia!

    RispondiElimina
  8. meraviglia... me la immagino con le more raccolte dalle mie sante manine nella campagna tedesca, e magari frullate con un pochino di zucchero, giusto per farne una salsina da versare su tutto quel bianco!
    Le tue foto sono sempre stupende!

    RispondiElimina
  9. La mamma ha sempre ragione!! tua sai fare, eccome se sai fare!
    la cheesecake è perfetta, bellissima .... colgo al volo il tuo suggerimento di farla con i fichi ...
    Un bacio grande!

    RispondiElimina
  10. Ho fatto sempre il cheesecake con il philadelphia, ma con la ricotta ancora mi manca e credo sia senz'altro molto meglio.
    L'aspetto è davvero invitante e lo sfondo scuro dello foto risalta tutta la preprazione. Sono sempre ammaliata dai tuoi post!
    Bacione!

    RispondiElimina
  11. Io adoro le cheesecake fatte in questo modo! E questa a base di ricotta è assolutamente da provare! Ora mi segno la ricetta! Buona giornata, Fede.

    RispondiElimina
  12. E bello!
    Ma non mi piascono le cheesecake, sono troppo grasi e pesenti.
    Mi piascono molto le more <3

    RispondiElimina
  13. Chessecake + more + ricotta = L ♡ V E

    E auguri papà della Vany!

    RispondiElimina
  14. ma cos'è questa perfezione assolutaaaaa!!!!!!

    RispondiElimina
  15. COMPLIMENTI!!!! E' davvero bellissima!!!! Sono rimasta senza parole......
    Ho qualche domanda tecnica: hai usato uno stampo a cerniera? Lo hai rivestito con carta forno sui bordi? Come hai fatto a tirare fuori una torta perfetta dopo la la levi dal frigorifero? Grazieeeee
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Eh sì che qualche ora fa avevo notato di là le foto di questa meraviglia (sai quanto posso adorare la ricotta nei dolci, io??!! be' al di sopra di qualsiasi altra cosa, sì sì, è proprio una passione smodata la mia, a volte penso quasi di esagerare!! =) ) e riesco a passare qui da te solo ora...sempre in tempo però per godermi le tue parole e ancora un po' queste foto, belle Rossella, ispirano moltissimo!! A proposito, secondo te se sostituisco la ricotta di mucca con quella di pecora più soda, ed evito la gelatina...regge lo stesso?? Sennò opto per l'agar agar...il fatto è che io della gelatina ho paura, davvero non riesco a pensare di comprarla..sono poco professional, lo so ... ma per il resto son cuocherella senza paura!! salut a presto Lys

    RispondiElimina
  17. Ho appena postato una ricetta "alternativa" alla cheesecake (cause di forza maggiore), dicendo appunto che voglia pazzesca avessi di una bella cheesecake...e la tua, così perfetta...ho l'acquolina in bocca! la proverò al più presto!

    RispondiElimina
  18. Ciao! le cheesecake sempre così perfette e leggiadre, hanno un che di affascinante! le migliori, secondo noi, sono quelle che prevedono la frutta negli ingredienti!
    delicatissima ed elegante la tua con more e ricotta!
    bravissima!
    bacioni

    RispondiElimina
  19. Ciao cara!
    Io mi sono innamorata delle cheesecake quest'estate ... quando per la prima volta le ho realizzate! ;-))
    Permettimi però di essere super curiosa e di chiederti la stessa cosa di Roberta - Il senso del gusto.
    Come hai fatto ad ottenere un contorno così super liscio??? La carta forno per rivestire la tortiera a cerniera a me immancabilmente si attacca alla torta e crea un pò di righe ... è bella ma sicuramente non perfetta :-((
    Ciao grazie mille
    Monique

    RispondiElimina
  20. E' un connubio perfetto... ricotta e more ... che passione !!!
    Hai fattio un dolce sublime e poi che precisione!!
    Un abbraccio e a presto Carmen

    RispondiElimina
  21. Guarda quanto è bianco.

    Sono rimasta in contemplazione per un po', prima di decidermi a scrivere. Ross, è semplicemente perfetta. E ci credo, che sei rimasta lì ad ammirare gli spigoli delle fette, lo faccio sempre anch'io. La magia della ricotta... ;)

    RispondiElimina
  22. ah, e poi quando si dice creare un sogno con pochi ingredienti...questa torta ne è la conferma!!;) Lys

    RispondiElimina
  23. eccoci!
    le 14 ore di lontananza dal video oggi 3 settembre possono significare solo una cosa: che il rientro lavorativo è stato terrificante.

    sono letteralmente distrutta, ma non potevo fare a meno di passare a salutarvi perchè i vostri commenti di oggi mi hanno non solo fatto compagnia, ma tirato veramente su di morale!

    Sono contenta che vi sia piaciuta, e bentrovati a tutti!

    Volevo dire a *rosenoisette che questa versione di cheesecake non è affatto pesante, anzi, forse puoi anche provare a sostituire la panna con il latte, a quel punto diventa proprio superleggera! ;)

    *lys: quando ho fatto la torta a forma di campo da calcio avevo acquistato non so perchè della gelatina (sisamai)... allora ho pensato che non usarla sarebbe stato peccato, e alla fine è stato molto divertente! :) ovviamente mi va anche di provare la stessa ricetta con l'agaragar... ma se la fai prima tu mi dici??? :)

    PER LA QUESTIONE STAMPO:
    *Roberta
    *Monique
    Avete fatto benissimo a chiedermelo! Io infatti ho usato esattamente come ho scritto una teglia a fondo mobile, e siccome non è facile descriverla volevo mettere un link ma mi ero dimenticata. Ora l'ho messo nella ricetta.
    Io ho usato una teglia da 15, (e poi mi sono venuti anche un paio di bicchierini belli abbondanti, ecco perchè secodo me va bene dai 18 in su), non a cerniera.
    Ho foderato solo la base, ritagliando un cerchio di carta da forno uguale a questa, e per il resto ho sformato facendo scorrere in su la base facendo pressione su una ciotola di forma esattamente cilindrica più piccola della base scorrevole della teglia.
    La prima volta invece ho usato un semplice stampo a cerniera, anche in questo caso ritagliando un cerhio esatto di carta da forno e foderando solo la base.
    Fatemi sapere se si capisce quello che ho scritto, mi rendo conto che i miei metodi e il mio modo di spiegarli sono un po' "sui generis"!!! ;)

    RispondiElimina
  24. sublime appaga la vista e il palato e poi... leggera, poco dolce...praticamente perfetta

    RispondiElimina
  25. Questa cheesecake e' veramente perfetta!!! Ne ho diverse versioni, provero' anche questa tua ricetta... thanks 4 sharing! e complimenti per il blog, e' sempre bello passare di qui!!!

    RispondiElimina
  26. Questa cheesecake è sublime! Intanto perché è semplicissima e, sembra, rapidissima. E poi perché dà un'idea di... purezza. Non so bene come spiegarlo. Devo farla assolutissimamente. Sai che abbiamo pure la stessa teglia? Incredibile. Io mi trovo benissimo con le teglie di quella linea. Ho intenzione di comprarne di tutte le forme e dimensioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *hetschaap: hai centrato perfettamente il senso del gusto di questa torta. Quello che dici è quello che ho pensato ancora prima di realizzarla, e così è venuta! A me piace anche x questo!
      Io quella teglia la adoro, e stavo pensando anche io di ampliare il corredino... Senza farmi accorgere da monsieur patou, che è in effetti già abbastanza invaso dalle pentole!! ;-P

      Elimina
  27. Ciao Rossella, scusa ma non mi è chiara una cosa: tu hai usato sia lo stampo a cerniera che lo stampo con il fondo mobile (come quello nel link che hai inserito)e hai foderato solo il fondo con carta da forno.
    Nel primo caso hai aperto la cerniera e nel secondo caso hai spinto sotto il fondo per farlo sfilare dall'alto. Domanda: ma in entrambi i casi non ti è rimasto una parte della crema bianca attaccata alle pareti?
    Ma la cheesecake la tiri fuori dal frigo e la sfili immediatamente oppure lo lascia scaldare per qualche minuto? Alcuni usano il phon lungo i bordi prima di sfilarla dallo stampo.
    E come hai fatto a sollevare e togliere la cheesecake dal fondo dello stampo? Con due palette?
    Grazie e scusami per la raffica di domande (la tua torta è troppo bella per rovinarla). un abbraccio

    RispondiElimina
  28. Ps x *lys: scusa cara ma ieri sera ero proprio fusa, e una volta a letto mi sono resa conto di non averti risposto sulla ricotta... Non so, quella di pecora sbaglio o è un po' più 'saporosa'???
    In questo dolce in cui tutti i sapori si sentono benissimo forse è troppo? Io in genere la uso per dolci agrumati, x esempio, dove il limone o l'arancia riescono a compensare bene....
    Meglio l'agaragat, i forse diminuire i liquidi?
    Se la provo cmq te lo dico.... :)

    RispondiElimina
  29. Bellissima, mi piace che sia così intensamente bianca!! Secondo me ti sei però dimenticata un modo di mangiare le more..direttamente al naturale, appena colte ;)!

    RispondiElimina
  30. *roberta: felicissima di risponderti!!! :D
    Allora hai capito bene. Sformate appena uscite. Senza aspettare o scaldare (certo che col caldo della scorsa settimana anche 30" facevano la parte loro!)...
    Nel caso della teglia lincata tutto perfetto (bisogna però procedere lenti e inesorabili! ;)), con la teglia a cerniera invece si è creata una microscopica crepa su in lato, poi ricompattata... Considera però che in questo secondo caso lo strato di crema alla ricota era molto + sottile). Credo che alla elasticità del composto contribuisca non poco la gelatina...
    Qualsiasi altra domanda (anche se sono stata sibillina) io son qui!!! XD

    RispondiElimina
  31. *la cucina spontanea: ha proprio ragione!!!!
    (io intendevo come accostamento di sapore, in realtà, ma non mi sono mica espressa benissimo sai???)
    Baci, e buone more di rovo!!!

    RispondiElimina
  32. Foto meravigliose..come al solito!!!=)

    RispondiElimina
  33. guardo e riguardo...non so decidermi se sto sbavando per la c.cake o la foto....diciamo che la perfezione ti si è incollata su..

    RispondiElimina
  34. Mamma mia, è la perfezione fatta a torta! E quella fetta è impeccabile, non c'è scusa che tenga :)) Bellissimo davvero. Soprattutto perchè non è uno di quei cheesecake in cui si vede una carrellata di formaggi molli, ma è come lo penserei io. Bravissima :*

    RispondiElimina
  35. grazie bellezze, non sapete quanti mi tirano su questi vostri commenti in questi giorni stressantini ed uggiosi!

    mi sono ricordata di un altro PS

    *Roberta | il senso del gusto: sì, con due palette, e se fai quella più compatta devo dire che viene piuttosto resistente... io confesso di averla travasata un paio di volte qua e là prima di trovare un piatto che mi placasse... ;)

    RispondiElimina
  36. Grazie Ross, figurati, sei stata già così velocissima=)) Allora, ricapitolando, se riesco provo con agar agar e ti informo subito del risultato!! ;)...Per quanto riguarda il sapore della ricotta di pecora forse varia un po' da caso a caso...o da qualità o sicuramente dalla stagione (cioè dal tipo cibo fresco o secco che mangiano le pecore stesse?? sono tutte domande, queste, non mie certezze ;) ) Anche io ricordavo, appunto, il sapore forte della ricotta di pecora rispetto a quella di mucca, ed invece quella da me usata freschissima la settimana scorsa sulla sfoglia croccante in occasione del primo compleanno del blog si è rivelata piacevolissima e per nulla pesante... E' anche vero che l'ho mischiata con la confettura di fichi d'india...per cui nel caso di questa tua opera bellissima è proprio meglio usare l'agar agar...Tanti baci e ancora mille grazie per tutto =) Lys

    RispondiElimina
  37. *vani, scusami se arrivo così tardi, ma ieri ho deciso di fare grandi pulizie a casa ed eravamo tutti arrampicati su finestre e armadi, con kina che scodinzolava con molta discrezione per non alzar polvere...e in tutto ciò ho pure fatto le brioches col tuppo, rivetta vaniglia cooking naturalmente! così buone che abbiamo organizzato un dopo cena coi vicini con tanto di gelato e granita per imbottire le creaturine! tu sei una garanzia, sai fare, sai fare! e questa torta è davvero la torta perfetta. non ho ancora mai fatto una cheesecake in vita mia e, studiando il caso prima di decidere a chi accordare la mia fiducia e quali modifiche matematico-geometrico-cabalistiche apportare [tu mi capisci, vero?:)], avevo letto dei due schieramenti philadelphia/ricotta. ma ora ho abbandonato ogni dubbio. ho smesso di cercare. ti adorooo!!!
    p.s. ti auguro una giornata in ufficio buona veloce e leggera come questa torta.

    RispondiElimina
  38. *lys, bellezza, sì, hai proprio ragione... ma io, fifona, non mi azzardo in alcune ricette più "diafane", come questa, vado di mucca (ma ti confesso che al banco sono stata tentata di prendere la pecora, sa'?)

    *vale: macchè fai, ti scusi?? tu? ed io che sono così incostante nei mei commenti, e "volatile"? certo, avere il tuo commento è per me ogni volta di grande conforto, per esempio oggi, con quel tuo augurio finale... queste sono giornate veramente "difficili" e "condensate", ma cercherò di alleggerirle e condirle con un po' di frutti di bosco lo stesso!
    Come sono felice che le brioches ti siano piaciute. Io, appena fatte,ne ero così entusiasta che ne ho congelate 4 appena freddate... 2 ne abbiamo mangiate stamane, così buone che stavo già pensando di rifarle! ;)

    RispondiElimina
  39. complimenti è magnifica ti seguiremo

    RispondiElimina
  40. grazie Rossella! :-) Casomai ti scrivo mentre sono con la paletta in mano! :-P

    RispondiElimina
  41. ma è fantastica!!!complimenti, perfetta!

    RispondiElimina
  42. cavoli, apparte la perfezione di quella cheesecake che la invidierebbe anche il miglior pasticcere, mi incanta il contrasto tra il bianco e le more.
    Ma mi incanta ancora di più immaginarmi il sapore di questa cheesecake.
    il tuo papà sarà stato felicissimo!
    anche io amo mangiare le more come hai detto tu ;) pensa che ci ho fatto anche una creme brulè

    RispondiElimina
  43. *erica: buonaaa la crema catalana!!! ma con la fiammella?

    *carlotta: grazie!

    *roberta: guarda fosse per me farei una specie di "guida in linea", se non fosse per le 8 ore di ufficio... ;)

    *carmine: ci conto!

    RispondiElimina
  44. Me lo sono letto con calma questo post, bello, interessante e sembra davvero facile. Questa chhesecake è bellissima con quel bianco troneggiante e le more sopra, devo assolutamente provare! Baci

    RispondiElimina
  45. ma è davvero perfetta! invitante e scommetto super gustosa! bravissima!

    ho appena scoprto il tuo blog casualmente, ora vado a sbirciarmi altre ricette e nel frattempo mi aggiungo ai lettori fissi! :)
    passa anche da me se ti va ;)

    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
  46. *michela: grazie! certo che passo da te, anzi, confesso che l'ho già fatto!
    ci vedremo presto allora, alla prossima ricetta! ;)

    *Ely: ok, allora mi farai sapere vero?

    RispondiElimina
  47. Mio. Dio. Questa sì che è la cheesecake perfetta! Bellissima e sicuramente anche buonissima..mai provata con la ricotta, me la segno ;)
    Mi aggrego anch'io al coro sostenitore del taglio perfetto! :D

    Ti commento sempre da anonima, ma a breve apro un blog anch'io!Spero che mi seguirai ;)
    Un bacio, Marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come no? Anzi, ti aspetto. Grazie Marta, fammi sapere se fai la tirtina... ;)

      Elimina
  48. Riccardo Rossetti14 settembre 2012 10:52

    Provata ieri sera...SUPERLATIVA!
    Altro che philadelphia ;-)

    RispondiElimina
  49. *riccardo: alèèèèè!!!!! ;) sono troppo contenta. Grazie per avermelo fatto sapere!

    RispondiElimina
  50. Che buonaaaaa solo a guardarla ti viene fame !!! xD complimenti per il blog è stupendo ^-^

    ciaoo a presto

    http://i-dolci-di-vale.blogspot.it

    RispondiElimina
  51. ciao Ross, ho preparato la cheesecake seguendo la tua ricetta. Alcune annotazioni: 1)non sono riuscita a taglierne una sola fetta intera :-( 2) ho dovuto usare il phon per staccarla dallo stampo (mi riferisco ai contorni) altrimenti si rompeva.
    Però confermo che è BUONISSIMA e poco dolce. Da rifare.
    Bacioni

    RispondiElimina
  52. *roberta: uhm. Io l'ho fatta due volte esattamente come descritto e niente problemi di distacchi o di rottura... e dire che l'ho provata con due teglie diverse, sia come formato (quindi come sottigliezza della base) che come tipo di anello (uno con gancio ed uno "intero").
    Ho avuto riscontro da almeno altre 3 persone, e tutti mi hanno detto che è andato tutto ok!!!
    Ma posso chiederti che biscotti hai usato? (si può dire? ;))magari se non sono tanto "grassi" va aggiunto un po' di burro per "compattare" meglio? Considera che una delle cose che a me hanno dato maggiore soddisfazione (oltre al sapore!) è stato proprio il fatto di ottenere fette perfette!!! Fammi sapere se riesci a "ottimizzarne" la produzione :)
    ciao!

    RispondiElimina
  53. Ross, ben volentieri, ho usato i Digestive seguendo le tue istruzioni. Il bianco è venuto benissimo ma ovviamente raffreddandosi si è attaccato ai bordi ma con un giro di phon ho staccato tutto.
    Il sapore però è BUONISSIMO e la rifarò magari con un pochino più di burro.
    Grazie per i consigli :-)

    RispondiElimina
  54. *roberta: ok, no, i biscotti so' quelli (;-)) questa cosa del phon mi incuriosisce (se mi metto col phon in cuina io è la volta buona che mio marito mi caccia di casa, ahahh!)... In sostanza senza phon non ti si sarebbe staccata?
    quando ho fatto la prima in effetti avevo pensato che si fosse staccata per pure fortuna, ma poi al secondo tentativo (quello del post) mi sono proprio convinta delle favolose proprietà elastiche della gelatina... Che poi, aspetta, non tre, quattro persone, dato che l'ha fatta anche mia sorella con l'agar agar. Dosi date da me "all'impronta", ma ovviamente dimenticate da entrambe, e quindi per scrupolo non le misi nel post, per una eventuale versione alternativa...

    RispondiElimina
  55. che finezza!! devo procurarmi la colla di pesce (ke in casa mia nn c'è xkè nn l'ho mai usata) ma devo farla!! ...e con i mirtilli??

    RispondiElimina
  56. *Anonimo: alloooora!!!! Mia sorella l'ha fatta proprio con i mirtilli (buoooonaaaa!), e ti dirò di più, con l'agar-agar al posto della colla di pesce... Le proporzioni? Gliele ho date io, facendomi i calcoli su due piedi.. Erano funzionanti! Peccato che né io né lei ci siamo segnate le quantità... Però se sei poco-poco pratico/a di colla di pesce, agar agar e queste cose, forse ti tegoli facilmente anche tu!
    Fammi sapere eh? ;)

    RispondiElimina
  57. ciao! Ma che bella questa cheesecake! cercavo giusto una ricetta da poter fare per un invito a pranzo. Volevo però chiederti una cosa: ma la proporzione tra burro e biscotti è giusta? non c'è poco burro? Non c'è il rischio che la base si sbricioli una volta tagliata e non aderisca alla crema? Grazie ancora per le tue ricette...

    RispondiElimina
  58. Ciao Luisella: sì, la proporzione (a parer mio! ;)) è giusta: i Digestive sono molto burrosi loro stessi e soprattutto se utilizzi uno stampo non troppo grande non dovresti correre rischi... Ovviamente però se non ti senti sicura puoi provare ad aggiungere poco burro. (io comunque l'ho fatta sia nello stampo stretto che in quello da 24 cm di diametro sempre con le stesse proporzioni e non ho avuto problemi... :))
    ah, ps. il fondo della tortiere deve essere mobile!
    mi raccomando fammi sapere...

    RispondiElimina
  59. Scusami ma la crema diventa abbastanza solida?

    RispondiElimina
  60. Scusami, ma vedo solo ora il commento... Certo che sì! Non si vede dalla foto con la fetta? ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...