lunedì 24 settembre 2012

bucatini alle sarde (con finocchietto selvatico)


L'avevo promesso e preannunciato, no, il "post-salato"? ;)
Beh per non sbagliare ho scelto una ricetta proprio saporita, più che "salata", delle mie preferite, assaggiata per la prima volta qualche tempo fa esattamente come cucinata da un mio amico (collega -studente all'epoca- architetto) di Palermo.
Immaginate la mia faccia quando l'ho visto friggere la mollica di pane!!! Sono quelle scene che ti fanno innamorare di una ricetta, che poi peraltro è stata cucinata e ricucinata da me medesima più e più volte, restando senza colpo ferire ai primi posti delle paste preferite della casa.


Ora, voi non troverete mai su questo blog, la ricetta de la vera *qualcosa*, nel senso che non vi scriverò mai quella che ritengo la vera amatriciana, o la vera carbonara, la vera pasta alla norma o la vera acquacotta...
Forse semplicemente perchè non credo che esistano.
Credo che le ricette legate alla tradizione siano quanto di più simile il nostro territorio abbia prodotto in base alla disponibilità che esso stesso aveva, nel tempo, di ingredienti.
E quindi credo (ed è solo il mio personalissimo parere, badate! ;-)) che, sulla base di una struttura piuttosto stabile di ricetta "tradizionale", poi quest'ultima abbia subito micro (o macro) variazioni da provincia a provincia, da paese a paese, da campanile a campanile, magari anche da tavola a tavola (a seconda della disponibilità della dispensa!) e credo anche che questo sia uno degli aspetti più fascinosi della cucina tradizionale italiana: e quindi mi piace che siano proprio "i campanili" a rivendicare "il vero", mentre sulle pagine di Vaniglia mi piace tramandarvi quello che è più vicino alla mia esperienza di una ricetta, il più delle volte molto vicina a quanto di più tradizionale si possa immaginare... ;)

Ecco quindi la ricetta che si fa a casa mia, grazie anche al mio amico palermitano che me l'ha fatta scoprire, in tempi non sospetti, quando la sottoscritta i blog di cucina non sapeva nemmeno cosa fossero! :D

pasta alle sarde
igredienti per 4 persone
1 cipolla grande
una manciata di pinoli
1 manciata di uvetta
1 manciata di pangrattato
120 gr sardine (nel mio caso in olio d'oliva, in scatola, peso lordo)
200 gr abbondanti di finocchietto selvatico
400gr di bucatini
olio extravergine d'oliva
sale

Pulire le sarde raschiandole delicatamente con un coltello, poi aprirle a libro e staccarne la lisca.
Lavare il finocchietto selvatico e tagliere la parte più dura del gambo.
Cuocere il finocchietto per 15-20’ (regolandosi finchè non si è ammorbidito) in abbondante acqua salata e scolarlo mantenendo l’acqua di cottura che servirà per la pasta.
Tritarlo finemente insieme alla cipolla e far appassire dolcemente il trito in un’ampia padella in un filo d’olio extravergine.
Quando il tutto diventa quasi trasparente unire un paio di filetti di sarde a pezzetti e farli disfare nell’olio caldo, poi aggiungere i pinoli e l’uvetta (fatta prima rinvenire in acqua tiepida).
Aggiungere le restanti sarde lasciandone da parte 1 o 2.
Cuocerle a fuoco vivo per pochi minuti mescolando, poi aggiungere i finocchietti. Far cuocere ancora un paio di minuti a fuoco vivo.
Rosolare in una padella antiaderente una manciata di pangrattato in poco olio.

Portare a ebollizione l’acqua di cottura dei finocchietti e cuocervi i bucatini.
Rosolare le restanti sarde in un padellino, con pochissimo olio.
Scolare i bucatini molto al dente, versarli nella padella con il condimento e farli insaporire per un paio di minuti, e aggiungere il pangrattato mescolando. Distribuire la pasta nei piatti completare con i filetti di sarde rosolati.


Non vi sto a dire che buonissima, non serve no? ;)

23 commenti:

  1. hanno un aspetto favoloso e adoro la pasta con le sarde
    baci

    RispondiElimina
  2. Davvero niente male come inizio! un piatto tradizionalissimo, ricco di sapore e deciso!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. La pasta con le sarde è una poesia, lasciatelo dire da una coppia di palermitani!
    Siamo appena rientrati da un fine settimana a base di pesce azzurro in uno dei posti più belli della nostra isola, San Vito Lo Capo, e trovare questa ricetta sul tuo blog mi è sembrato un prolungamento del weekend:-) Ed è vero quello che dici: ognuno ha la sua pasta con le sarde. Qualcuno la fa rossa, con un po' di pomodoro, qualcuno bianca come la tua. Ed ognuna ha la sua storia! Buona settimana

    RispondiElimina
  4. di solito le fa mio cognato ma non credevo fosse una ricetta così abbordabile anche per me :-)
    da provare!!

    RispondiElimina
  5. alla faccia della ricetta salata :) Niente da invidiare a quelle dolci! bravissima come sempre :)

    RispondiElimina
  6. ciao Rossella,
    da quando ho scoperto il tuo blog questa estate...non posso fare a meno di passare a dare una occhiata tutti i giorni...

    Capisco la pressione dovuta al nostro lavoro di arch..

    Un abbraccio forte ale

    RispondiElimina
  7. ho dimenticato di dirti che sabato ho provato la tua frolla con crema...spettacolare.. Ale

    RispondiElimina
  8. Posso cambiare il titolo del tuo post in "cosa Agnese vorrebbe mangiare oggi"? :)))
    Ross, la pasta "con le briciole" è la mia preferita. Se poi ci aggiungi la salinità delle sarde, e l'aroma del finocchietto... beh, io ti adoro, ragazza. Ti adoro proprio tanto. :D
    E concordo con te sulla non esistenza dei piatti "originali". Ogni ricetta tradizionale è passata da così tante mani.. e secondo me è proprio quella la sua carta vincente, il fatto che sia stata amata da tutti quei palati.

    Un buonissimo lunedì, Rossella cara.
    :*

    RispondiElimina
  9. Ciauuuu a tutti!
    Stamane mi stavo preoccupando (in autobus mentre venivo al lavoro e sbirciavo il telefono per vedere se ci fossero commenti), dato che non vedevo nessuno fare capolino... Poi in effetti ho pensato che forse le sarde sono TROPPO saporite per essere postate così presto... ;)

    *clara: che meraviglia... allora lasciati dire una cosa, che so che come palermitana apprezzerai: io amo la sicilia, tutta. i suoi paesaggi, la sua cucina, la sua luce. poi mi piace sentir parlare i siciliani. mi piace il modo in cui ti si rivolgono, e ovviamente l'accento. Chissà poi perchè, io son marchigiana, e mezza lucana! ;)

    *sabrina: se lo è per me... ;-P

    *monica: ogni tanto ce vo', no? ;)

    *alessandra: che bello saperti sempre presente, e sapere che mi capisci... quale frolla hai provato? quella ripiena? :D

    RispondiElimina
  10. *agneseeeee: e lo sai qual'è il colmo, oggi? che io non ho il pranzo e che sto morendo di fame! Ma te pare che una posta e poi si fa venir fame da sola???
    Cmq hai ragione, questa pasta è una SUMMA ;)

    RispondiElimina
  11. esatto quella ripiena..il sabato giusto giusto l'ho dedicato al relax tra un pensiero ansioso di prossima consegna (domani) e l'altro...a presto Ale

    RispondiElimina
  12. Ok allora mi toccherà rifarla anche a me!!! Così, come intermezzo curativo tra un pensiero e l'altro!! ;)

    RispondiElimina
  13. Solo una ricetta così può farci iniziare una settimana col sorriso:)

    RispondiElimina
  14. Ross, questa pasta dev'essere spattacolare. Davvero, adoro le sarde, e il finocchietto, deve profumare in maniera pazzesca la pasta! Concordo con te riguardo alle ricette vere, è proprio così, è questo il bello della nostra tradizione culinaria, come dicevi tu. Bravissima come sempre, e la foto, nella sua semplicità perfetta, forse sarai stufa di sentirlo, ma io lo dico lo stesso:sei fantastica! =P

    un bacio grande,
    M.

    RispondiElimina
  15. buona buona, al solo vederla dice e mi ricorda un sacco di cose bellissime...di quelle che solo in Sicilia!! Intanto belle le foto degli ultimi post, è stato un piacere vederti quasi dal "vivo" (le foto parlano, no??) e i cuoricini di frolla sono romanticissimi!! buon martedì...a presto Lys

    RispondiElimina
  16. buona giornata Ross,
    ieri ho impastato le tagliatelle con farina di castagne...gisto per rilassarmi prima che cominci questa giornata di fuoco tra stampe, plotter, files, testi ecc ecc ecc.

    Aiutoooooo

    Baci...poi ti dirò...quando le avrò cucinate.

    Ale

    RispondiElimina
  17. sembra ottima!
    se ti va passa da me, ultimo post sulla clinique!
    viviconvivi.blogspot.it

    RispondiElimina
  18. *valerita: grazie, per certi lunedì, servono determinate ricette!!! ;)

    *martina: grazie!!! No, non sono affatto stanca di sentirlo, anzi, direi quasi che ne ho bisogno!!! Poi da te valgono doppio, triplo, quadruplo, per quanto mi piacciono le tue foto, sia come stile che come tecnica; quindi, grazie di cuore!

    *lys: sì, è vero, sono "quasi dal vivo".... Grazie di cuore... Ma condividiamo anche la passione per la Sicilia??? ;)

    *ale: uhm, quante similitudini vedo... Ma mi cucini tutte ricette "vecchie"???? Fammi sapere come va, va' ;) che più si allontanano più mi pare di perderne il controllo (sì, psicopatica fino al midollo! ;)

    *viviconvivi: arrivo! ;)

    RispondiElimina
  19. per una volta niente acquolina in bocca per me... non mi piacciono le sarde!

    vieni a prenderti questo premio sul mio blog

    http://avventuragravidanza.blogspot.it/2012/09/premio-dautunno.html

    RispondiElimina
  20. Brava Ross hai perfettamente ragione!! Effettivamente di vero non esiste proprio nulla, se mai esisterà qualcosa di 'originale' (es: cacio e pepe magari la fanno anche a Milano ma resterà una ricetta romana così come il panettone resterà un dolce milanese e ci sarà una ricetta 'originale' ma valla anche a trovare però :-)).
    Come al solito riesci sempre a farmi venire fame, indipendentemente dall'ora :-) Ti mando un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Hai ragione Rossella: le ricette della tradizione sono affascinanti, le mie preferite. E sono ancora più belle se adattate al territorio di provenienza, o alle case delle persone. Quando sento dire "Ma è la ricetta originale?", mi domando sempre cosa rispondere: sarà la ricetta originale? Ma poi poco importa, d'altronde di fronte ad un piatto bello come il tuo, chi non lo mangerebbe qualora non fosse l'originale?? bacino, sere

    RispondiElimina
  22. Sono capitata nel tuo blog e davvero, è bellissimo.. questa ricettina poi, io sono veneziana e adoro la pasta col pesce, è davvero un piatto invitante!! Non tarderò a provarle!
    Dal mio piccolo blog neonato, ti seguo!
    un bacio
    Vanessa

    RispondiElimina
  23. adoro il tuo blog!!!! è veramente bello ... fantastiche fotografie e questo primo piatto sembra davvero invitante!!! se ti va vieni a visitare anche il mio blog appena nato : http://tecioccolato.blogspot.it/

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...