venerdì 20 luglio 2012

branzino al forno al finocchietto selvatico

sempre della serie "mini-corso di cucina del pesce for dummies" ;-)


Alè.
Ancora pesce.
Che se non riusciamo a spegnere il forno, che almeno quest'ultimo contenga qualcosa di molto estivo!
Il branzino al forno, con il finocchietto che lotta tra la vita e la morte ogni giorno sul mio davanzale, è uno dei miei recenti motivi di orgoglio
A Monsieur Patou è piaciuto tanto, a me è sembrato buono, sano e facile da cucinare!
E' andato dritto dritto nella lista delle cucine di pesce facili e automatiche, come la tanto amata orata in crosta di sale...

Ecco la ricetta, in un attimo!

ingredienti per due persone
2 branzini da 350-400gr circa ciascuno
1 bel ciuffo di finocchietto selvatico
1 mazzetto di basilico
olio extravergine d'oliva
sale
pepe in grani
1 limone

Eviscerare il branzino (io l'ho fatto pulire dal pescivendolo dicendogli prima come lo averi cucinato, no arrivo ancora a sapermi pulire il pesce da sola, e forse non ci arriverò mai!), lavarlo accuratamente ed asciugarlo, poi incidergli i ambo i fianchi praticandovi tre tagli obliqui per far cuocere il pesce in modo uniforme e permettere alle erbe e al limone di insaporire al meglio il pesce.
Salare leggermente l'interno del pesce ed inserirvi il limone a fette, e una parte del finocchietto.
Preparare un trito con il finocchietto ed il basilico e mettere da parte.
Rivestire la placca del forno della carta da forno, adagiarvi i due branzini, cospargerli con un filo d'olio, il pepe in grani, il sale e il trito di erbe.
Cuocere a 200°C per una ventina di minuti

21 commenti:

  1. GRANDE VANIGLIA siamo riusciti a scrivere un post estivo ;) brava l'aspetto del tuo branzino è stupendo =))))) bacio

    RispondiElimina
  2. puff, con quel basilico vostro che sa di menta.
    hihihihihi.
    baci!

    RispondiElimina
  3. Lo sai che non ho mai provato a fare una foto con sfondo nero?la tua foto è bellissima!e poi il finocchietto ė uno dei miei ingredienti feticcio ma non l'ho mai provato su un pesce arrosto...mhhh....che buono che deve essere! Buona giornatalaura

    RispondiElimina
  4. Che buono il pesce al forno, il branzino è tra i miei preferiti! Il finochhietto poi è la morte sua, si sa. Brava brava cara, anche se tu dici di essere alle prime armi col pesce sembri già espertissima! hihi=)

    ps. e ancora una volta adoro la foto!=)

    Un bacio grande,
    M.

    RispondiElimina
  5. ti lascio sola qualche giorno e devo correre a recuperare tutti i post persi.... ma è successo qualcosa al blogghiettino? hai cambiato il layout? mi pare ci sia qualcosa di diverso.... oppure io sono talmente distratta che me le invento!
    ciao zia vaniglia! un abbraccio

    RispondiElimina
  6. *mela: ;-P (ecché, non mi conti la mousse gelata all'albicocca???? ;-))

    *lukiz: è bio e pure lui coraggioso e stantatino, perchè lo coltivo io sul davanzale. Giuro che non sa di menta!!!
    piuttosto... è un animale intero, non mi dici niente??? ;-P

    *laura: graaazie!!! quella è la teglia ;) ho fatto i numeri pirotecnici per riuscire ad inquadrarlo in modo che sembrasse "solo" un fondo! ;)

    *martina: sei veramente troppo carina, grazie! alla fine credo che sia vero che il pesce non è difficilissimo da cucinare... devo solo superare, ogni volta, il piccolo blocco iniziale... :D

    *babs: no, è come sempre, credo... però sono contenta di quello che dici, magari mi sto intrinsecamente evolvendo.... mi piacerebbe eh? ;-)

    RispondiElimina
  7. @vaniglia:
    1) il basilico avrà sicuramente le foglie grosse.
    2) è un genere di animale intero che non mi dispiace.

    :)

    RispondiElimina
  8. ahahahaha cavoli hai ragione!!!!! :P che sbadato XD

    RispondiElimina
  9. *lukiz: minuscole, porabbestia. ma forse perchè è stentato... ;)

    RispondiElimina
  10. @vanì: la prossima volta supererò la linea gotica con il basilico di pra.
    :)

    RispondiElimina
  11. Profumatissimo e leggero! cosa volere di più?? Ah si, la prova assaggio :)
    bacioni

    RispondiElimina
  12. *Manuela e Silvia: anche io la rifarei volentieri..,

    *Lukiz: ahahahhhh, ecco, lo sapevo!!! ;)

    RispondiElimina
  13. Sono di nuovo io=) Per le domande sul legno ti ho risposto da me=)

    Buon we, cara! A presto
    M.

    RispondiElimina
  14. grazie cara, recepito tutto! se scopri qualcosa fammi sapere! ;)

    RispondiElimina
  15. bella 'sta ricettina, a me il branzino non piace granchè, ma l'orata al sale l'adoro (:

    RispondiElimina
  16. il branzino al forno è un must, di facile esecuzione, ottimo alla vista e al palato! e quando si torna dal lavoro, è un attimo infornarlo! :) vai avanti su questa strada, vedrai quante soddisfazioni riceverai dal signor Pesce! :) bacino!

    RispondiElimina
  17. Pesce e finocchietto è un' accoppiata perfetta!!! e la foto che gli hai fatto poi è da lode:-)

    RispondiElimina
  18. Pesce e finocchietto è un' accoppiata perfetta!!! e la foto che gli hai fatto poi è da lode:-)

    RispondiElimina
  19. appena in tempo prima che (il finocchietto) diventasse marroncino.... ma è normale? sembra continuare a crescere. chi è esperta di piantine (in vaso)???? ;)

    *nepitella: sono tanto contenta che ti piaccia la foto, perchè una volta tanto va a genio pure a me!, grazie!

    RispondiElimina
  20. oh ma che belle foto! Visto che mi affaccio una volta ogni tanto (sigh!) è come rivedere i nipotini a distanza di mesi...quanto so' cresciuti!!
    brava! mi piacciono davvero e mi piace tutta la "tigna" che ci metti! ;))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michelangelo, ciao!!!!
      Che bello leggerti, e come hai ragione! I nipotini sono cresciuti (un po'), ma soprattutto sono tignosi (tanto).
      A volte penso che avrei dovuto chiamere il blog 'storie di fotografia'. Ogni foto è una peripezia!!! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...