lunedì 25 giugno 2012

quiche di farro, con pomodori verdi, senape, timo!

Caldo.
Mi stanca, eppure non riesco a stare ferma.
Tutto avviene però lentamente, e quasi con fatica mentale oltre che fisica (sì, appena finisco con l'allergia inizio con la pressione bassa! ;-P).
Per non parlare della pasta madre che diventa appiccicosetta e mi indispettisce...
Eppure da anni a questa parte (ancora prima di iniziare col blog, per intenderci) l'estate non riesco del tutto a tenere il forno spento, e qualche pizza alle verdure, o, quiche, o sformatino, non mancano mai, nonostante mi riproponga ogni volta di farne a meno... :)
Eccone una (superbuona!), tanto per dire... :D



ingredienti
per la pate brisée
250gr farina di farro
150gr burro freddo a pezzetti
1 presa di sale
1 uovo
5 cucchiai di latte
per il ripieno
2 o 3 pomodori verdi oblunghi
un paio di cucchiai di panna acida (o formaggio fresco)
un paio di cucchiaini di senape di Digione
2 cucchiaini di senape in grani
olio EVO, sale, pepe bianco
foglie di timo

Preparare per prima cosa la pasta brisée, in modo che poi questa possa riposare abbastanza in frigo prima della cottura (l'ideale sarebbe tre ore, il minimo mezz'ora: io ho fatto un'ora e mezza! ;-)).
Mescolare prima gli ingredienti secchi (farina e sale) con il burro freddo a pezzettini, con l'impastatrice o con l'aiuto di una forchetta, fino ad ottenere un insieme sabbioso.
A quel punto aggiungere l'uovo precedentemente mescolato con il latte e continuare a mescolare, poi impastare, finchè il composto non sta insieme e risulta alla vista omogeneo.
Formare una palletta un po' schiacciata, avvolgere con un foglio di pellicola (io uso quella senza pvc) e far riposare in frigo minimo mezz'ora (l'ottimale sarebbe tre!)
Tagliare i pomodori a fettine sottili di circa 3 mm ciascuna, e mescolare la panna acida con la senape.
Trascorso il tempo del riposo, accendere il forno a 180°C, e stendere la pasta con il mattarello (io l'ho messa tra due fogli di carta da forno per evitare di infarinarla troppo, dato che mi pareva molto morbida) ad uno spessore di 2-3 mm.
Foderarvi una teglia dal diametro di 28 o 30 cm (se ne avete di più piccole prelevate un pezzo da usare per delle tartellette o cuocete cmq in due teglie separate) precedentemente foderata di carta da forno.
Usare il secondo foglio di carta da forno per la cottura in bianco: praticare dei fori sulla pasta con i rebbi di una forchetta, adagiarvi la carta da forno e ricoprire con pesi da cucina o legumi secchi (io uso piselli secchi in genere). Cuocere per 10 minuti nella parte alta del forno, poi togliere la carta ed i pesi e lasciare asciugare bene il fondo della tarte per altri 5 minuti nel forno acceso.
A questo punto estrarre la torta dal forno (senza spegnerlo) e spalmare il fondo della torta con il composto di panna acida e senape, poi distribuirvi sopra le fette di pomodoro, spennellare con l'olio, poi condire con sale e pepe bianco.
In ultimo distribuirvi i granelli di senape e infornare per altri 25' nella parte mediana del forno.
Quando la torta è cotta, per gligliare leggermente i pomodori, accendere il grill a 220-240°C, proteggere (se vi sembrano già un po' troppo dorati) i bordi di pasta con un bordo di carta stagnola (una specie di "budello" ancorato alla teglia, che copre solo i bordi della pasta e non i pomodori), e alzare la gratella nella parte più alta del forno.
Cuocere per gli ultimi 5', monitorando continuamente (il grill è il mio terrore e varia secondo me sensibilmente da forno a forno... tipo quello di mia madre una volta mi ha carbonizzato una torta elaboratissima in meno di 2 minuti!).

Servire tiepida o fredda accompagnata da un'insalatina.
E' molto buona, e confesso che il fatto che quelle foglioline di timo siano le eroiche testimoni del mio supposto pollice verde nonostante la carenza di spazi all'aperto in casa, me l'ha fatta sembrare superlativa! ;-)

28 commenti:

  1. cara!
    anche io accendo sempre il forno d'estate (questo fine settimana, due sessioni: i dolcetti per colazionare e la tarte del pranzo della domenica).
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Allora il fatto di avere in frigo una torta al cioccolato che riposa non deve inquietarmi vero?

      Elimina
  2. Bellissima verdina così, anche se devi tenere il forno acceso rinfresca solo a guardarla!
    Io i pomodori verdi li ho sempre e soltanto fritti, vedi quante belle idee mi dai di lunedì mattina? e la senape poi, mi piace, stuzzica l'appetito!
    buona settimana amica! x

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh amica, sorella, melfitana cugina! ;)
      Buongiorno e buona settimana!
      (che poi stavo pensando: io il giardino non ce l'ho, ma questa tortina salata mi pare proprio perfetta x una cena in veranda tra amici!!! XD )

      Elimina
  3. Adoro i pomodori verdi dai tempi di "Pomodori verdi fritti alla fermata del treno"... ;)
    Deliziosa questa torta salata: gustosa e fresca allo stesso tempo.
    Buon settimana cara Ross!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a te bellezza (io amo quel libro, e quel film.... Gli ho mezzo dedicato pure un post!!! :))

      Elimina
  4. a prima vista mi sembravano fette d'agrumi ^.^ è una vita che non mangio i pomodori verdi... grazie per questa ricettina fantastica!

    RispondiElimina
  5. vani hai le mani d'oro! e pure il cuore! che bella e che buona e il forno d'estate sì, è decisamente un debole anche per me. buona settimana, io cerco di tenermi su col ginseng, accidentaccio! p.s. sai che oggi preparo il polpettone di fagiolini? ti faccio sapé! ;)

    RispondiElimina
  6. *wagashi: Ahpperò, che bell'idea!!! Pensiamoci va'! ;)

    *vale: ma dovrò provare anche io? Certo che io e te... TROPPO UGUALI!!! (eh, me piacerebbe!)

    RispondiElimina
  7. ross, vorrei avere anche solo un quarto delle tue capacità! per me, te lo dico da sempre, sei una grande fonte di stimolo e miglioramento. e poi il tuo cuore è davvero speciale! mo' basta, sennò sembra che ti faccio il filo! :))

    RispondiElimina
  8. Ogni volta che accendo il forno con questo caldo mi chiedo: Franci perché??? Perchèèèèè???
    Ieri ho provato il polpettone patate e fagiolini, infornato al mattino prima di uscire e mangiato la sera, davanti alla partita... FANTASTICO!

    RispondiElimina
  9. *vale: oggi ho la lacrimuccia facile, mi sa!! ;) (e te sei troppo buona!)

    *franci: aleeeee! Io sono già pronta a mille varianti. E cmq voi, oh donne, mi date un sacco di soddisfazioni sa'? ;)

    RispondiElimina
  10. Secoli orsono ho comprato della farina di farro e poi l'ho usata giusto per fare due tartellette in croce, potrei sfruttarla per la tua quiche =)

    RispondiElimina
  11. Bella la frolla, belli i pomodori verdi e bella l'idea della senape... non si vede che mi piace tutto ma proprio tutto di questo post:-)) Un abbraccio Ross!

    RispondiElimina
  12. Cavolo ho tutti gli ingredienti per farla in casa! Non capita mai. E' un segno del destino :-)

    RispondiElimina
  13. Confesso (erano tutti ingredienti-rimasugli anche per me!!!) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le ricette migliori quelle create per riciclare avanzi improbabili ;-)

      Elimina
  14. ottima già solo a guardarla, compimenti!!! adoro la senape nelle torte salate! da provare assolutamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *maydiremay: io la adoro ma alla fine la uso spesso solo con la carne... E come mi piacerebbe imparare a farmela da sola!!! ;)

      *hetschaap: ;-)

      Elimina
  15. Ciao! anche noi abbiamo imparato ad utilizzare molto più la senape e abbiamo perfino postato da poco una ricetta di quiche in cui la utilizziamo!
    ci piace motlo questa tua torta in verde: originale con i pomodori verdi ed il piccantino di questa salsa!
    bacioni

    RispondiElimina
  16. Ross, per caso è arrivato *quel* pacchettino? Si sa niente?

    RispondiElimina
  17. *caro: nu! :(

    *manuela e silvia: ho visto la ricetta!!! :)

    RispondiElimina
  18. L'ho fatta! Cambiando qualcosina qua e là che sennò poi non mi diverto. La brisée al farro è stupenda! L'unico difetto che ho trovato è nella quantità di senape che, per i miei gusti, è un po' troppa. Però devo dire che non avevo né la panna acida formaggio fresco e, quindi, non li ho messi. Quelli, probabilmente, avrebbero un po' attutito il sapore deciso della senape. Comunque ottima e da riprovare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente: direi che la senape "dritto per dritto" è un po' forte, soprattutto se associata solo a farinacei e/o verdura. Secondo me, nel caso in cui non hai un formaggetto fresco per "stemperare", non va messa affatto ;)
      Sono troppo contenta che ti sia piaciuta!!! :)

      Elimina
  19. Ciao Rossella, a quanto ho capito sei un architetto, ma io voglio un TUO libro di cucina (con le tue foto deliziose e i tuoi spensieri delicati). Dimmi che c'è questa possibilità...
    Patri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patri, questo tuo commento ha per me un valore inestimabile. Perché amo i libri. E poterne fare uno da me sarebbe meraviglioso. E ci metterei veramente tutta l'anima e tutta me stessa (che è poi quella me stessa che compare post dopo post, a volte anche confusa o stanca!). Ma dici che posso osare veramente così in alto? A volte ho così tanto rispetto di alcune cose da non immaginare nemmeno di potermi avvicinare...
      Questo è un potentissimo incoraggiamento però, e sappi che lo metterò in saccoccia, affinché possa zavorrarmi quando i miei pensieri perfezionisti tenteranno di farmi distrarre! ;-P

      Elimina
  20. Come ti capisco Rossella :( ... e' una litigata perenne in estate : prima con mia madre, ora con il mio fidanzato. Uffa! il problema e' che, come te, non riesco a rinunciare al pane fatto in casa, a una torta ogni tanto o a una bella torta salata da mangiare con gli amici. Meno male che questo caldo dura solo un paio di mesi ;) ... buona la crostata : la senape e' davvero un tocco raffinato. Baci

    RispondiElimina
  21. *barbara: grazie, anche a me è piaciuta tanto!
    sai che penso? che ci vorrebbe proprio un bel giardinetto o un bel terrazzo esposto all'ombra e ai venticelli serali, in modo da dirottare tutta la famiglia fuori e rimanere noi a soffrire "in santa pace" nella nostra cucinetta! :D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...