mercoledì 21 marzo 2012

preparativi di primavera #2: torta ai semi di carvi per il tè all'inglese (immaginando che sia all'aperto! ;-P)

Inseguo l'idea di questa torta semplice ed estremamente raffinata da un po' di tempo.
Si tratta di un dolce da tè veloce da realizzare e a dir poco sorprendente, dolce quanto basta, ma non troppo, reso speciale dal sapore dei semi di carvi e con una crosticina leggermente croccante.









Viene dal libro Un tè al Ritz. L'arte e il piacere del tè (Parole in pentola - Guido Tommasi Editore), che, a dirla tutta, ancora non ho, e del quale mi è stata tramandata la ricetta (ed un passo del racconto letterario ad essa associato!) via mail: in compenso ho questo, sempre della stessa collana di Guido Tommasi, che adoro, anche, e forse soprattutto, in questo caso, perchè in genere privi di immagini (fotografiche), al racconto in questi libretti è affidata la forza evocativa della ricetta.


Miss Lavinia e Miss Clarissa partecipavano, a modo loro, della mia gioia. Fu il tè più piacevole del mondo. Miss Clarissa presiedeva; io tagliavo e distribuivo la torta dolce con l'anice (le due piccole sorelle avevano un debole da uccellini per becchettare i semi e le zollette di zucchero); Miss Lavinia assisteva con aria di benevola protezione come se il nostro felice amore fosse tutto opera sua; ed eravamo tutti soddisfattissimi di noi e di tutti gli altri.

Si tratta di un passo del libro David Copperfield di Charles Dickens, che come altri brani di Oscar Wilde e altri illustri intellettuali britannici esaltano attraverso aneddoti l'ora del tè: nel libro i racconti si alternano a 50 ricette a tema tè, tutte rigorosamente british, come le frolle alla fragola alla marmellata di rose, gli scones, i muffin, le focaccine e i panfrutti e a romantiche illustrazioni in stile vittoriano...
Mi piace immaginare una veranda, tavolo e sedie in ferro battuto verniciato di bianco, cappellini e guanti, un tralcio di edera e arietta di primavera, assaggiando un pezzetto di Londra a cavallo tra Ottocento e Novecento.

Ecco la ricetta come si trova nel libro, esattamente come a me è stata trasmessa! :D


ingredienti
4 once (125g) di burro
5 once (150 g) di zucchero
2 uova (medio piccole) sbattute
2 cucchiaini (10 ml) di semi di carvi
5 once (150 g) di farina
1 oncia (25 g) di amido di mais
1/2 cucchiaino (2,5 ml) di lievito inpolvere
1 cucchiaino (5 ml) di cannella inpolvere
1/4 di cucchiaino (1,25 ml) di chiodidi carofano in polvere

Imburrate e infarinate la tortiera.Lavorate a crema il burro con lo zucchero finché non èpiù sabbioso. Unite i semi di carvi. Incorporate le uova, unpo' alla volta. Amalgamate il resto degli ingredienti e poiincorporateli al composto con un cucchiaio di metallo. Versate ilcomposto con attenzione nella tortiera. Infornate per un'ora e unquarto. Lasciate raffreddare la torta nella tortiera per qualcheminuto, poi sformatela delicatamente su una griglia.




forno: 180° C (termostato 4)

tortiera: 15 cm diametro e 7,5 cm di altezza (io ho usato una teglia alta, ma da 20 cm di diametro)


19 commenti:

  1. Quel tocco di semi di carvi le dà carattere e stile! Mi piace!

    RispondiElimina
  2. Evviva le torte di primavera, la brezza fresca e lo spirito leggero che arriva con i primi raggi di sole quasi estivi...un abbraccio Lys
    ps. non ricordo più...dove posso trovare i semi di carvi;))

    RispondiElimina
  3. tu pensa che a me oggi è venuta voglia della torta al limone con semi di papavero.... quasi quasi mi ci impegno. giorno ross!

    RispondiElimina
  4. Con questi libri mi conquisti sempre!Anche con le ricette :)))
    Buona giornata
    Chiara

    RispondiElimina
  5. Stupenda!!!Anch io mi immagino un bel tè all aperto...magari con le amiche a spettegolare mentre fuori il sole comincia a tramontare...hai avuto una bella idea...molto romantica direi!
    Flavia

    RispondiElimina
  6. Che bel post!Mi è proprio sembrato di essere all'aperto :) Grazie per questa squisita torta primaverile, smack!!

    RispondiElimina
  7. Posso catalpultarmi in queto preciso istante nel setting che descrivi?
    Ecco nell'ordine gradirei:
    doppia porzione di torta,
    veranda in stile vittoriano,
    un bel sole,

    ma prima di tutti la tua compagnia insieme a una bella tazza di tè
    e dai e dai...!

    RispondiElimina
  8. Bellissimo! Il librino da cui hai tratto la ricetta mi pare veramente stupendo, ho controllato su amazon e purtroppo non é disponibile ... tra l´altro ho appena acquistato un libro sul té, di cui sono piuttosto appassionata e ho deciso, appunto, di volermi meglio documentare ma purtroppo non é un gran che ...

    RispondiElimina
  9. E poi mi scrivi CERTE cose? Ma cosa hai in quella testolina? Dimmi perché non dovresti provare... Mannaggia a questa Vaniglia! ;D
    Quel libro mi manca. Ma non sai che corte che gli ho fatto!
    Baci,
    Caro

    RispondiElimina
  10. Ma tu dimmi perchè quando leggo Tommasi mi sale un'ansia incredibile???? Perchè??? La torta è una favola... un abbraccio!!

    RispondiElimina
  11. semi di CARVI???? sono l'unica ignorante che nn sa cosa siano...

    RispondiElimina
  12. Non conosco i semi di carvi ma questa torta mi sa di coccole! Da fare :)

    RispondiElimina
  13. *marifra: ????? Perché? Mi persi qualcosa? ;)

    *caro: Sta nella lista dei desideri libreschi di aprile, in effetti...

    *Laura.lau: a me risulta, cliccandoci sopra, che ce ne sia una copia.. Che vorrei tanto tanto ma fino ad aprile devo contenermi. Quello non disponibile invece è Il libro che ho già, che ho lincato x secondo. In effetti non si capisce moltissimo da quale dei due è tratto il racconto. Ho provato a perfezionare il post ma niente, oggi rimango abbastanza incomprensibile! ;)

    *kitty: ma una sessione fotografica da te (che io ho gli insormontabili problemi di luce...) con tea annesso, adesso che vengono le belle giornate, come la vedi???

    *meggy: XD

    *Flavia: io sono un po' così: un giorno un po' greve,il giorno successivo particolarmente romantica... ;)

    *babs: quella sta in lista da secoli, se la fai ti vengo appresso!!!

    *lys: castroni????

    RispondiElimina
  14. e vabbhé allora dillo che lo fai apposta ad usare i semi di carvi anche nel dolce! .... io che li ho conosciuti qui e che non li ho ancora trovati, sono fortemente attratta da questi cosini!!

    La torta e l'immagine d'altri tempi descritta sono favolose!

    RispondiElimina
  15. Ricetta stupenda e foto da urlo...Ross: sei un mito!!

    RispondiElimina
  16. Cara Rossella , io volevo proprio il libro che hai tu!

    RispondiElimina
  17. i libri scritti in questo modo sono sempre bellissimi, rimandano la mente a quelle scene un pò da film in cui si vedono quelle belle signore tutte fiocchi (:

    RispondiElimina
  18. *Laura.lau: ah, io pensavo ti riferissi al libro dal quale invece ho tratto la ricetta di oggi (regalata via mail da un'amica!!!).... È che ho la coscienza sporca di aver scritto un post abbastanza incomprensibile!!! ;-P

    *Silvia: molto rilassante, ve'? ;-)

    RispondiElimina
  19. Rossella, ma cosa dici?!!!!
    Questo post e' così poetico ... Mi e' piaciuto così tanto ... Poi la ricetta così originale, inusuale, e allo stesso tempo semplice ...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...