mercoledì 15 febbraio 2012

I compitini della buona volontà: medaglioni di maiale con impanatura ai semi di carvi


I compitini della buona volontà (se mia sorella sa che racconto aneddoti sulla sua infanzia qui mi gonfia ;-P) sono dei compiti facoltativi che alle elementari la maestra di mia sorella dava ai suoi scolari. Erano degli ulteriori compiti, come quantitativo forse a volte anche più di quelli "minimo sindacale", tra i quali se ne potevano scegliere alcuni (ecco perchè erano di più) tra le materia preferite, da aggiungere agli altri. Mia sorella li faceva tutti. Ogni pomeriggio. Io, la filosofa, passavo metà dei suddetti pomeriggi a cercare di dissuadere lei (l'assennata), perchè la filosofa voleva giocare a barbie mentre l'assennata (che pure avrebbe voluto) pensava fosse più saggio adempiere prima a tutti i suoi doveri scolastici.

Ora (e da un po', come sapete), anche su questo blog la filosofa cerca di essere anche un po' assennata, e fa lo sforzo fi postare (quindi cucinare e fotografare) piatti a base di carne, quando avrebbe tanta voglia di fare cose più facili (non tanto da cucinare perchè giuro co' sto giochetto mentale ho scoperto che cucinare la carne non è poi così difficile e soprattutto ci vuole un attimo, cioè, meno che lievitare con pasta madre una colomba sicuramente!).

Mi sono quasi abituata a questo appuntamento con il mio piatto «difficile».
In modo abitudinario, appunto, sempre con lo stesso piatto (che mi fa simpatia), e con il libro che ormai è deputato ad essere il mio breviario nell'avvicendamento di piatti semplici e veloci e presentabili a base di proteina animale.

Continuo allora con Martha Stewart: carne di maiale impanata con semi di carvi e servita con cavolo rosso e mele ripassati in padella con pancetta affumicata. I sapori secondo il mio parere si sposano perfettamente, ed io, non ve lo sto nemmeno a dire, sono rimasta folgorata dai semi di carvi, che mani misericordiose hanno penasto bene di farmi avere dopo il mio disperato appello nell'ultimo post appunto dedicato alla carne.
Dunque andiamo avanti con questa "cura", io continuo ad andare dal mio macellaio di fiducia, che appena entro (si vede che fiuta il panico) inizia a prendermi bonariamente in giro (ma sapesse come viene buona la carnetta che ogni volta l'ignorantella si accinge a cucinare ;-P), e, appunto, come da abitudine, vi lascio qui la ricetta

per 4 persone
medaglioni di maiale con impanatura ai semi di carvi
circa un etto di mollica di pane
2 cucchiai di semi di carvi
sale e pepe macinati freschi
1 uovo, leggermente sbattuto
500gr di lonza di maiale tagliata in medaglioni spessi 1-1,5 ciascuno*
olio
cavolo rosso e mele
2 fette di oancetta affumicata, tagliate a striscioline di 1,5 cm ciascuna
1 cipolla affettata sottile
½ cavolo rosso tagliato in 2 quarti e affettato sottile
1 o 2 mele verdi tagliate in quarti, poi a fettine sottili
sale e pepe macinati al momento

Cuocere la pancetta a fuoco medio per 5-10 minuti in un'ampia padella, fnchè sarà abbrustolita, aggiungere la cipolla e proseguire la cottura per 5 minuti o finchè quest'ultima non sarà tenera.
Aggiungere cavolo, mela  e mezzo bicchiere d'acqua, cuocere 5 minuti, finchè il cavolo non sarà appassito, poi condire.
A questo punto coprire e completare la cottura per un'altra mezz'oretta, mescolando con un cucchiaio di legno, fino ad ottenere la consistenza desiderata (se si attacca al fondo aggiungere acqua).

Mentre il cavolo cuoce, mescolate in un piatto capiente il pangrattati, il sale, il pepe e i semi di carvi, poi salare e pepare i medaglioni.
Passare questi ultimi prima nell'uovo, poi nell'impanatura, e trasferirli manmano in un piatto.
In una capace padella antiaderente far scaldare un cuccchiaio di olio d'oliva, e farvi cuocere i medaglioni.
Io personalmente ho uato un po' più olio. Forse la mia panatura era troopo «robusta», ma con un solo cucchiaio di olio non mi pareva si cuocessero bene.


* io ho detto al mio amico macellaio "centrale", intendendo proprio il medaglione, e lui ha commentato "se vuole glielo vado a parendere a Piazza di Spagna". Ve l'avevo detto che fiuta la paura dell'ignoranza. E quindi alla fine della fiera la forma rotonda l'ho fatta io, e poi cotto  i "ritaglietti" nello stesso identico modo. E' sfacciato, il mio macellaio, ma deve essere bravissimo, perchè questi medaglioni, ed anche questa carne qui, e poi questa, erano proprio favolose... ;-P

12 commenti:

lukiz ha detto...

non vedo il tofu. :)

Valentina ha detto...

e daje co' sta carne...mamma mia che acquolina mi fai venire! solo che da quando il tonino è diventato vegetariano, io al massimo mi faccio una fettina in padella con olio aglio e limone...perchè il disonesto in realtà rosica da morire di non mangiarla più...come faccio a presentarmi con cotante leccornie proibite? spero in un suo soggiorno fuori porta, ecco, che almeno mi rifaccio!

breakfast at lizzy's ha detto...

ma tu con questi semi di carvi mi stai facendo incuriosire non poco! vado a studiarmeli...
questi medaglioni sono a dir poco appettitosi!

marika ha detto...

ma pensa te...io l'appelo pro semi me l'ero perso...altrimenti provvedevo...mio marito (che capirai è il mio fornitore di fiducia;-P) vende spezie...quindi te ne avrei spediti a palate!!!ora che lo sai,la prossima volta ,se serve sono a tua disposizione!!!E visto che non mancano i semi ... non ci faremo mancare nemmeno questa ciccia!!!un abbraccio,Marika

rossella ha detto...

*Valentina: aspettavo l'esclamazione "E daje co'sta carne" da tre anni. Non sai come mi sento una scolaretta soddisfatta...

*Marika: no, ma pensa che bello!!! Carina che sei. ;)

*breakfast: sono buonissimi!!! (un mio vecchio tarlo, ora ve li propino in tutte le salse ahah(

*Lukiz: ahaha, mannò, guarda bene!!!

°Glo83° ha detto...

hanno un aspetto invitantissimo!!! e complimenti per la diligenza della sorella!!! ;)

Anonimo ha detto...

Buona la ciccia! sei brava a compitare ;) buona serata

Marina ha detto...

Quella sopra sono io...

Angelica ha detto...

questo piatto sembra decisamente perfetto!

due bionde in cucina ha detto...

non conosco i semi di carvi e ora voglio proprio trovarli.
La lonza di maiale mi piace molto, ma non mi viene mai in mente di comperarla....me la segno
ciao
sabina

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao, vedi che brava la sorella che diligentemente faceva tutti i compiti?! Bè a qualcosa ti è servito seguire la sua diligenza, la carne non è poi così diffiicle da preparare....
Ottima e ricercata questa ricetta, ma con un'impanatura così è tutta da provare!
baci baci

antonella ha detto...

non ho parole...ma la mia faccia è violacea...e tu sai perchè.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...