giovedì 8 dicembre 2011

preparativi di natale #3: pandori, come se piovesse!




Se c'è un regalo che mi pare veramente sciccosissimo, quello è il pandoro fatto in casa.
Avete presente quel tipo di regalo prezioso e disinvolto al tempo stesso, che so, perfetto per l'architetto con cui vostro marito lavora e che ogni natale vi manda delle impegnativissime bottiglie di bollicine con cui non avete, per ovvii motivi, nessuna voglia di competere? O per vostro zio, che ha un palato raffinato e a cui non potete presentare un treno di biscotti incappottato con fiorellini e lane intonate? Per l'ufficio, da portare per festeggiare insieme in un momento di rilassamento prenatalizio, o semplicemente per un tea speciale, sotto le feste, con le amiche...
E' impareggiabile, d'effetto, e strepitosamente buono.
Mentre lo prepari da un lato imprechi per i due-tre passaggi che ti tengono inchiodata in casa mentre magari vorresti uscire nel week end (ma che ci frega, si può dire? e soprattutto com'è bello dover dire "sono bloccata in casa dal pandoro", mentre fuori c'è la ressa da shopping natalizio!!! :)), dall'altro ti senti felice per quell'odore di burro che avvolge la casa, dall'altro ancora ti senti una specie di dea nel momento in cui lo sforni, giri lo stampo e lo adagi sul suo piatto.
In quel momento la parte tonda che poi diventerà la base, ma che durante la cottura è una specie di favoloso cuscinone enorme e soffice, si affloscia leggermente sotto il peso del pandoro appena capovolto, e alcune sfoglie, quelle più cotte, più dorate ed esterne, si schiacciano leggermente e emanano tutta la loro fragranza.
E' il momento in assoluto più bello, più esaltante, più romantico.
Poi ve lo mangiate (sì, vabbè, dovreste regalarlo), e penaste che in effetti anche quello, come momento, non è male. Anzi a dirvela tutta a me pandori, panettoni e colombe non fanno impazzire. Però fatti a mano sono assolutamente un'altra cosa. UN'ALTRA COSA... :)

Per quanto riguarda il procedimento, e la natura della lievitazione, quest'anno ho scelto la pasta madre.
Sì, avevo già postato un pandoro con lievito di birra, e, sì, ho letto sul sul libro delle Sorelle Simili , mio massimo riferimento in materia per questi dolci, che il pandoro non è indicato per la lievitazione con pasta madre.
Tzé, FESSERIE!
Questo pandoro è spaziale, tanto che non era nato per essere postato, e pertanto è stato fotografato quasi per caso.
Però ho deciso di fare un post lo stesso, e di consigliarvelo per i vostri regali di natale, impacchettato in un apposito sacchetto di plastica per alimenti ed infiocchettato con un bel nastro del colore che più vi pare.

Potete optare per i due diversi tipo di lievitazione:

  1. Pandoro lievitato con lievito di birra, la ricetta, quella delle Sorelle Simili, la trovate QUI
  2. Pandoro lievitato con lievito madre, façon Vanigliacooking, che troverete di seguito:



il lievitino
160 gr pasta madre
60 gr acqua tiepida
120 gr farina di forza
1 cucchiaio di zucchero
1 tuorlo

Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida. Aggiungere gli altri ingredienti, mescolare bene con una frusta, finchè il composto diventa liscio e ben amalgmato. Coprire e lasciar lievitare in forno spento ma con la lucina accesa per circa 5 ore, o finché il volume iniziale non sia radoppiato. Tenere al caldo.

primo impasto
150 gr farina di forza
40 gr pasta madre
25 gr zucchero
50 gr burro
20gr acqua tiepida
1 uovo
(+ il lievitino)

Sciogliere la pasta madre nell’acqua. Versare il composto sul lievitino, aggiungere gli altri ingredienti, impastare bene con la forchetta, poi a mano (o con il gancio della planetaria). Coprire la ciotola e rimettere il tutto a lievitare per circa 3 ore, o fino al radoppio. Al caldo.

secondo impasto
200 gr farina di forza
100 gr zucchero
2 uova
1 cucchiaino di sale
i semini di un baccello di vaniglia

120gr di burro, per sfogliare


Aggiungere al secondo impasto gli altri ingredienti e impastare il tutto per una decina di minuti.
Se l'impasto risulta troppo colloso da non volersi staccare dalle mani, aggiungere un po' di farina (cercare comunque di tenere l'impasto il più "colloidale" possibile), adagiando la palla di pasta finale in una ciotola unta di burro.
Coprire e lasciar lievitare per circa 4 o 5 ore, fino al radoppio della pasta. Poi passare l’impasto in frigorifero, per 40-45 minuti.

Riprendere l’impasto dal frigo e stenderlo al mattarello in un quadrato di 1 cm di spessore circa (e 30cm x 30 cm circa). Sistemare al centro 120gr di burro a fiocchetti; poi ripiegare gli angoli del quadrato verso il centro, in modo da chiudere il burro "a busta da lettere", formando un secondo rettangolo (come una busta da lettere, appunto) più piccolo. Sigillare bene le pieghe, poi stendere con il mattarello in modo da formare un rettangolo circa 60 x 40 cm (se è più piccolo non succede niente, molto dipende dall'elasticità della pasta...).
Ripiegare il rettangolo in 3, « a portafoglio »: ripiegare un terzo sul centro e l'altro terzo sui due di prima). Avvolgere di pellicola e mettere in frigo per 20 minuti. Ripetere due volte quest'operazione.

Durante questo tempo preparare lo stampo:
- prendere un pezzo quandrato di stagnola, di 33 x 33 cm circa
- con del burro fuso e con l'aiuto di un pennello ungere il fondo delo stampo
- capovolgere lo stampo e con l'alluminio, dall'esterno, far aderire l'alluminio sullo stampo in modo da ricavarne il calco
- girare nuovamente lo stampo e inserire all'interno l'alluminio a forma di stampo, adattadolo bene all'interno
- a questo punto ungere tutto lo stampo sia all'interno dell'alluminio, sia le pareti dello stampo che rimangono « nude ».

Prendere il pacchetto di pasta sfogliata dal frigo e appiattirlo leggermente con il mattarello, poi prendere i 4 angoli richiudendoli, ovvero unendoli a formare un fagottino, una palletta, sistemandola con la chiusura verso il basso, ovvero verso l'interno dello stampo, e lasciar lievitare fino a quando l’impasto inizierà a uscire dallo stampo (impiegherà tra le 8 e le 10-12 ore se a temperatura ambiente).

Far cuocere il pandoro per 15 minuti a 170° poi abbassare la temperatura a 160° e cuocere per 20 minuti, infine altri 5-10 minuti a 150°.

Fare la prova stecchino con uno spiedino in legno: deve uscire asciutto.
Sfornare, capovolgere e sformare appena possibile (dopo 5 minuti va bene).









20 commenti:

  1. fiquissima. e non dico altro.

    RispondiElimina
  2. Strepitoso, bravissima Ros!!! Vuoi mettere godersi la faccia di chi si sente dire "l'ho fatto io!"

    RispondiElimina
  3. ti stimo sorella....non posso dire altro...

    RispondiElimina
  4. Anch'io ho qualche ripensamento quando sono a casa bloccata dalla cottura dei dolci..cavoli, un altro pomeriggio volato via..e va beh, ma se poi sforni un dolce simile...divino... ^_^
    Buonissimo venerdì!

    RispondiElimina
  5. XD, grazie amiche, ci sono delle ricette che mi piacerebbe gustare tutte insieme davanti ad una bella cioccolata fumante... Tipo questa!

    RispondiElimina
  6. Oddio il pandoro! Tu sei un mito:-))) Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Mon dieu, Ross. Sei strepitosa. Sono strepitosi. Leggendo il tuo post mi è venuta una voglia di pandoro che tu non immagini :)
    Grazie per le sensazioni, sono un valore aggiunto all'acquolina ;)
    Un bacione.

    RispondiElimina
  8. Skoc! è il rumore che ha fatto la mia mascella cadendo a terra, questo è un dono da "stra-figurone"!

    RispondiElimina
  9. Cara Rossella, mi lasci senza parole...!
    Ricetta fantastica!!!
    Baci. Carolina

    RispondiElimina
  10. Che meraviglia delle meraviglie Rossella. Leggendo il tuo procedimento mi sono quasi commossa (che scema!!) per la quantità di passione e cura che necessita e l'enorme entusiasmo che scaturisce da una realizzazione simile!! Bellissimo, mi appunto il tutto, assolutamente!! Grazie mille Lys

    RispondiElimina
  11. complimenti ..una ricetta complessa, ma riuscita benissimo.

    RispondiElimina
  12. *Alessia: è veramente incredibile, a me viene quasi spontaneamente.... Secondo me x la passione x i lievitati...;)

    *lys sei proprio tanto dolce!!! Ed è molto bello riuscire a passare le sensazioni, anche attraverso un post, e soprattutto trovare chi possa 'sentirle', tali sensazioni!!!

    *Carolina: XD grazie!

    *marina: ahahahah, mi fai morire dalle risate!!!!

    *Agnese.... ;) cara, non sai veramente quanto vorrei condividerne una fetta!

    *glo83&marifra: ;)

    RispondiElimina
  13. il pandoro! Mi prende male solo a pensarci, mi terrorizza xD brava impavida (:

    RispondiElimina
  14. Buondi! Non ricordo se mi ero già presentata, fatto sta che ti seguo da un pò (con vivissimo interesse). Non appena finirò questo noiosissimo esame inizierò anche io la massiccia produzione di dolci natalizi XD e tra le tante idee c'era anche quid fare il pandoro. Avevo persino trovato la ricettina (quello delle Simili, per l'appunto). Ma ora leggo il tuo post e mi viene una leggera crisi XD Quale mi consigli? Un sorriso e apresto, Noemi

    RispondiElimina
  15. ...e io che mi gasavo per i biscotti...TU SEI UN GENIO! :)

    RispondiElimina
  16. Dopo qualche ora di riflessione ho deciso che lo devo assolutamente fare, quindi domani esco e carco uno stampo! Ma senti, panettone invece? Niente ricetta?

    RispondiElimina
  17. *Noemi: ciao!!! Sissì, ti eri già presentata e bentrovata! Io ho iniziato dalle simili, quindi mi sentirei di consigliarti in primis la loro ricetta... A meno che ru non sia già abbastanza smaliziata con la pasta madre! ;) io ho unito le due cose (pandoro + pm) solo in un secondo momento. Adesso voglio farla solo con pasta madre, ma magari è un processo naturale che verrà proprio da te stessa. Immagino cioè che ti verrà spontaneo passare pianpianino da una ricetta all'altra, se sei già solita utilizzare la pasta madre... ;)

    *chiara-ina: grande!!!! Panettone fatto l'anno scorso (ma non postato).... Il fatto è che quest'anno sto proprio in fissa col pandoro... Ne ho già fatti 3! Per il panettone avevo seguito la ricetta delle simili: buonissimo!

    RispondiElimina
  18. sembra complesso, ma non mi lascio spaventare...

    (bellissimo il tuo blog! passa a trovarmi, ho un neonato blog di cucina desideroso di attenzioni!)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...