lunedì 14 novembre 2011

i candidi biscotti da latte di Ann

ovvero pastarelle lievitate con pasta madre




Mi innamorai di questi biscotti qualche settimana fa, nell'istante esatto in cui li vidi da Annamaria, sul suo sito B per biscotto, pieno di idee interessanti e di ricette raccontate con estrema grazia e delicatezza.
Cercavo da un po' una ricetta per biscotti a lievitazione lenta, e questa è perfetta per svariati motivi: il primo in assoluto è che sono essenziali. Strepitosamente buoni perchè essenziali. Non hanno bisogno di niente, cioccolato, uvetta, nocciole per essere speciali. Eppure, nella loro normalità sono stupefacenti. Semplici biscotti da inzuppo che sanno di latte, che sanno di bianco ad essere precisi, di infanzia, e delle colazioni quotidiane da piccoli.
Il secondo motivo è che sono morbidi, o meglio che sono lievitati lentamente. Insomma fanno parte della categoria "cose panose" pur essendo biscotti. Non frolli, per capirci, ma panosi sotto forma di biscotto. Una cosa sublime, favolosa, geniale ;-P.
Il terzo motivo è che, nella dinamica di calendarizzazione dell''uso di pasta madre, a mio modesto parere lo scoglio più duro di tutta la storia, per chi si dedica a questo tipo di lievito, sono fattibilissimi e comodi da realizzare. Anche in mezzo alla settimana: io in genere lascio queste preparazione per il sabato o la domenica, momenti in cui, stando buona parte della giornata a casa, sono più gestibili le lunghe lievitazioni.
Questi biscotti invece, nonostante e anzi soprattutto grazie alla loro lunga lievitazione, possono essere preparati la sera prima di andare a dormire e cotti la mattina seguente, mente il caffè è sul fuoco, o fate colazione, o vi preparate per la maratona quotidiana.
Per la cottura impiegano infatti 20 minuti o poco più, ragione per cui, se come me impiegate quasi un'ora dal momento in cui mettete il primo piede a terra e a quello in cui mettete il primo piede fuori di casa, fate in tempo anche a sfornarli e metterne un paui in saccoccia da portare in ufficio! ;-P

La ricetta è para-para quella di Ann, eseguita con religioso scrupolo, e senza modificarne una virgola...

ingredienti - per 10 circa biscotti

100g lievito madre
50ml latte tiepido
50g burro morbido
80g zucchero di canna
1 uovo medio a temperatura ambiente
175g farina manitoba
i semi ricavati da un baccello di vaniglia
2 cucchiai miele
1 cucchiaio latte

La sera prima
Sciogliere il lievito madre nel lattetiepido e tenere da parte.
Montare il burro con lo zucchero, poi aggiungere l'uovo e continuando a mescolare per amalgamare bene. Aggiungere il composto al lievito sciolto con il latte e unire la farina precedentemente mescolata alla vaniglia, impastando, poco alla volta (la farina va aggiunta poco alla volta per evitare di asciugaretroppo il composto, in caso non usarla tutta - io ho comunque utilizzato esattamente le dosi di Ann).
Aiutandosi con un cucchiaio distribuireil composto in circa 10 porzioni, distanti almeno 4 cm le une dalle altre, su una teglia foderata di carta da forno.
Lasciar riposare nel forno spento echiuso tutta la notte.

La mattina dopo
(Sui biscotti si sarà formata unaspecie di crosticina molto sottile.)
Riscaldare il forno a 180°C.
Spennellare i biscotti con il miele mescolato al latte e infornare per una ventina di minuti circa o finché hannoassunto un colore leggermente dorato.


Sono buonissimi.
Grazie Annamaria!






34 commenti:

  1. Amica, sono meravigliosi. Anche la foto è bellissima, sembra una foto di Donna Hay!
    Io non ho ancora la pasta madre, non ho ancora osato iniziare l'avventura, ma prima o poi. chissà... :)
    Un abbraccio
    jas

    RispondiElimina
  2. Amica, sono meravigliosi. Anche la foto è bellissima, sembra una foto di Donna Hay!
    Io non ho ancora la pasta madre, non ho ancora osato iniziare l'avventura, ma prima o poi. chissà... :)
    Un abbraccio
    jas

    RispondiElimina
  3. ciao rossella, biscotti da fare, rifare ed interpretare a seconda del capricco. Di biscotti ancora non ne ho sfornati con la PM e questi sembrano senz'altro adatti al primo esperimento, ma la vedo dura nell'infrasettimanale: la mattina riesco a malapena a coordinare il movimento degli arti...
    Buonissima giornata,
    Sissa

    RispondiElimina
  4. Proprio belli (e direi anche deliziosi) questi biscotti e molto carino anche il sito di Annamaria! ... le cose minimal sono sempre le migliori..

    RispondiElimina
  5. che belli! io con la pasta madre ancora non ho il coraggio, ho paura che sia troppo impegnativo! anche se a vedere i risultati, quasi quasi... :)

    RispondiElimina
  6. bellissimi...e che foto Ross...sbavo dall'invidia!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. uffa. io nn ho il lievito madre.... come faccio??????????????
    :)
    giorno dolcezza!

    RispondiElimina
  8. ross, sempre io, ho bisogno di parlarti - scriverti - avere delle info.... come possiamo fare? mi rimandi il tuo indirizzo di posta in mail che nn lo trovo? GRAZIE!

    RispondiElimina
  9. Ecco, quando leggo che hai fatto anche i biscotti con il lievito madre ho voglia di farti un applauso che da qui lo senti fino all'altra parte di roma. Bravissima!

    RispondiElimina
  10. Concordo con Jasmine: la foto è bellissima e perfetta per questi biscotti. Set fotografico azzeccatissimo! :)
    E poi io adoro quelle scatoline...

    RispondiElimina
  11. Quale meraviglia!!! Sembrano proprio deliziosi!!
    Ma il lievito madre è già rinfrescato?
    Complimenti per la foto!
    Un caro saluto
    elisa

    RispondiElimina
  12. Sono un soffio davvero paradisiaci!!!baci,Imma

    RispondiElimina
  13. Grazie a te per le belle parole Rossella <3
    Vedere realizzata una propria ricetta da qualcuno come te, qualcuno che ci mette davvero tanta passione in cucina, è davvero fantastico. Nelle tue foto sembrano pure più buoni =P
    Un abbraccio
    Annamaria.

    RispondiElimina
  14. che bellezza!!! continui a tentarmi con la pasta madre...i risultati sono meravigliosi! ;)

    RispondiElimina
  15. *Jasmine: oddìo. nessuno aveva mai fatto un paragone così ENORME in merito alle mie foto. Ci ho messo 2 ore per riprendermi. Grande iniezione di fiducia! (e vabè: magariii!!! ;-P)

    *la sissa: provali, mi sento proprio di consigliarli a tutti coloro che panificano con PM! Io la mattina non mi scollo dal letto nemmeno a cannonate, ma se ho una cosa in fase "lievitativa", che aspetta di essere cotta, quello funziona più di mille sveglie!

    *francesca: come se dice a roma, "maddeche???" Grazie...

    *babs: te lo fornisco io, te lo fornisco!!! :)

    *kitty-elisa: grazie... vedrai se prima o poi non te l'appioppo pure a te, una palletta di Pm, dato che mi vieni e tiro... XD

    *caro: ma te non sarai troppo caruccia????

    *bucciadilimone: mah, lo avevo rinfrescato 1 o 2 gg prima, aveve un aspetto 2in forma" e quindi l'ho usato così... altrimenti lo avrei rinfrescato un 2-3 ore prima!

    *Imma: grazie mille!!!

    *Ann: macchè!!! dalla tua foto pullulavano di bontà da tutti i pori. Anzi, appena fatti ho pensato che non mi erano venuti belli come i tuoi... Cmq fatti e fotografati con amore, come te! ;)

    *glo83: dammi retta, prova, prova!

    RispondiElimina
  16. perfetti anche per un buon the delle cinque direi!

    RispondiElimina
  17. Questi biscotti mi danno una calma interiore che ha dell'incredibili...ottimi per le calme colazioni di chi vive di corsa!!!
    Flavia

    RispondiElimina
  18. mi stavo giusto chiedendo come sfornare qualcosa di dolce con la pasta madre...questi biscotti devo assolutamente provarli! sei grandiosa! :-)

    RispondiElimina
  19. Sono meravigliosi! Io amo, amo follemente i biscotti da inzuppo e questi inediti m'intrigano assai! Copiata e incollata, zac! Grazie anche per questa chicca, Ross!
    Buona giornata! un bacione.

    (ma quella scatolina?? bellissima!)

    RispondiElimina
  20. ce l'ho, ce l'ho la pasta madre! :D voglio provare a farli... ultimamente mi sono impigrita e uso la PM solo per il pane :P

    RispondiElimina
  21. *sara b: sai una cosa? questi secondo me, per te, son perfetti! io sforno pani in tutte le salse, e deo dire che la pasta madre mi ispira mille volte di più del normale lievito. è più facile, più immediata, più flessibile e tollerante. la sua lentezza viene incontro ai miei tempi un po' frenetici. e mi calma! ;-P

    *agnese: un vecchio regalo, da me poi stuccato e "pittato"! vedi qui: http://vanigliacooking.blogspot.com/2009/12/di-natale-biscotti-e-libere.html
    abbinati ai biscotti regalati! ;)

    *sara: grazie! e, sìììì, provali, e poi fammi sapere! :)

    *flavia: anche ame sai, mi piace quando i cibi possono "curare" l'animo... :)

    RispondiElimina
  22. biscottini fantastici complimenti buon inizio settimana

    RispondiElimina
  23. Hai un blog davvero molto carino e da oggi anche una nuova follower!
    Se ti va di dare un'occhiata al mio piccolo mondo,lo trovi -->QUI<--

    RispondiElimina
  24. Oggi in pausa pranzo toccava da impastare il pane, ma questa ricetta mi ronzava "fastidiosa" e così ho tralasciato l'incombente per fare questi biscotti!
    Presa dall'entusiasmo del tuo racconto, ho raddoppiato la dose cosa che non faccio MAI quando "sperimento" qualche ricetta. Sono rimasta un pò perplessa per il fatto che l'impasto non fosse da impastare quella decina di minuti come un normale lievitato... però non c'era scritto nella ricetta, ho controllato e ricontrollato e quindi ho mescolato bene con mestolo di legno... con la dose doppia si faceva un pò fatica a rimestare! Alla fine ho formato i biscotti e mi pareva un bell'impasto e quindi ora giacciono in forno a riposare. Stasera dopo cena, in piena facoltà delle mie capacità psico fisiche, inforno! Poi ti aggiorno... Incrocio le dita.
    Ciao e grazie,
    Sissa

    RispondiElimina
  25. *la sissa: fammi sapere!!! io non specifico mai il tempo di impasto, che può variare dall'impasto a macchina, a quello a mano. ed io comunque mi regolo sempre "a vista", ovvero guardandolo e vedendo se e quando mi piace di più. il mio istinto finora non mi ha mai lasciato a piedi... attendo nuova, ciao!

    RispondiElimina
  26. devono essere troppo buoni.. e fai delle presentazioni davvero incantevoli, brava!!
    a presto
    Luisa
    ghiottodisalute.blogspot.com

    RispondiElimina
  27. Biscotti, biscotti e ancora biscotti! Mi piacciono da vedere, da fare e persino da mangiare (come se avessi detto che mi piace stare a dieta ferrea giorno e notte..). Insomma: PROMOSSA E COPIATA :)

    RispondiElimina
  28. cara vaniglia, di quello che proponi tutto mi piace :dai candidi biscotti ai fegatini con pancetta ,alle zuppe ed ai centrini su cui sapientemente disponi le tue realizzazioni culinarie , alle tue foto paesaggistiche legate ad emozioni intensamente vissute.
    Tutto di te mi piace!!!

    RispondiElimina
  29. Eccomi Rossella.. Per fare questi biscotti non ho usato la farina Manitoba che non compero più da un pezzo. Non la uso nemmeno per panificare, per intenderci. Ho usato una farina semi integrale tipo 1 e quindi ero consapevole che la sofficità ne sarebbe stata compromessa. Non sapendo cosa aspettarmi ho pazientato (si fa per dire.....) fino alla sfornatura. In effetti.. son proprio pastarelle!! Una consistenza nuova. Più simile al biscotto, ma senza la sua tipica fragranza. Non soffici come una brioche ma che sanno di 'pane'. Strane ecco! la mia prossima colazione -domattina- le vedrà protagoniste di una diversa esperienza: tagliate a metà e farcite con un velo di miele di castagno! Gnam!! Grazie Rossella, mi piace sperimentare nuove ricette!
    Notte e a presto!
    Sissa

    RispondiElimina
  30. *la sissa: me li figuro anche io "strani" senza Manitoba e con farina integrale ;)
    Non so, forse si potrebbe aumentare la quantità di lievito madre. E se non ti va di usare la "Manitoba" cercare una farina di forza prodotta in qualche mulino locale. E/o magari aggiungere un filino di burro, per compensare l'integrale. Me li immaginino un po' secchetti. Forse anche un pochino diversi? ;-P

    RispondiElimina
  31. La ricetta è molto semplice. Io non ho messo la vaniglia perchè non ce l'avevo e ho fuso il burro perchè avevo paura che non legasse con lo zucchero (non sono capace!). Per il resto le dosi sono state quelle dette da te.
    Per il mio forno elettrico 20 minuti mi sa che sono un pò troppi e mentre mi preparavo per andare a lavoro questa mattina non ho potuto controllare il colore dei biscotti. Mi sono diventati un pò troppo colorati e quindi con la crosta un pò duretta ma per il resto sono buoni! Li rifarò sicuramente magari il sabato mattina così li posso controllare mentre cuociono. Ora vorrei provare i biscotti di pastafrolla, c'è una ricetta nel blog?

    RispondiElimina
  32. *ale: ciau!!!!!
    allora li ho rifatti stamane, econ una madre un più "fiacca" (congelata quest'estate e "disibernata" una settimana f... :)).
    avevo provato a mettere 15 minuti ma poi ne ho docuti aggiungere altri 5, monitorando e togliendo il tuppo dopo 4! Buoni, troppo buoni, me li sto finendo tutti, mi sa che alla prossima faccio doppia dose, ancora meglio, soprattutto quando serve consumare la pasta madre!!!! :)
    prova a tirar fuori il burro e non fonderlo... chissà, il calore (alto) potrebbe non farli lievitare abbastanza? - ma non credo eh? sai quante livitazioni ho fatto con pm con burro fuso?!)

    fammi sapere bella

    RispondiElimina
  33. sono bellissimi!!^;*li provo:)
    cercavo proprio una ricetta per biscotti da latte,utilizzando il lievito madre..grazie e lieta di conoscerti,io sono Elisabetta.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...