mercoledì 9 novembre 2011

fegato + cipolle = preferito fin da piccola

fegato alla veneta, dalla mia tenera età!

Ecco, io a 3 anni circa impazzivo per questo piatto.
Non che non ne vada matta anche adesso, eh?
Ho penato un po' per capire se questa ricetta, che fa parte della tradizione culinaria veneta, fosse da definire come "fegato alla veneziana" o "fegato alla vicentina".
Non volendo scatenare risse, per diplomazia mi sono tenuta sulla definizione "alla veneta".
A questo punto direi che parte la consultazione tra i lettori veneti (Pica dove seeeeei????), che sicuramente sapranno anche dare utili indicazioni affinchè il piatto da me descritto risulti ancora più succulento.
Devo dirvi però, che anche così, è proprio buonissimo. La foto non mi fa impazzire di gioia ma la ricetta meritava, ma tanto tanto, quindi provatela, e tenete i vostri gatati ben alla larga! :)








ingredienti (x 4 persone)
400-500 gr fegato
2 cipolle bianche
40 gr burro (forse anche un pelino di meno)
prezzemolo

Rosolare le due cipolle affettatefinemente con il burro, tenendole coperte e mescolando di tanto intanto con un cucchiaio di legno.
Lasciarle appassire una decina diminuti o poco più, e quando sono imbiondite aggiungere il fegato precedentemente tagliato a striscioline, ecuocerlo facendolo saltare continuamente e facendo attenzione a non farloindurire (per la cottura bastano veramente pochi minuti). A questo punto salare epepare (io ho messo solo un micropizzico di sale), quindi servire conil prezzemolo tritato (direi facoltativo, perchè ionon l'ho messo ma era veramente buonissimo lo stesso).

Ho letto anche delle ricette in cui viene aggiunto un mezzo bicchiere di vino bianco prima della fine della cottura, da far evaporare prima di togliere dal fuoco e aggiungere il prezzemolo.
La prossima volta lo provo, ma posso assicurarvi che anche così era strepitoso! ;-)

25 commenti:

  1. Davvero? Per me é sempre stato il piatto più odiato. Mia mamma me lo propinava spesso da piccola. Diceva che faceva bene.... E io ogni volta lo nascondevo sotto la sedia....dicendo che lo avevo mangiato. Ovviamente mia mamma poi lo trovava e lo doveva buttare ma non me lo ha mai detto se non quando ero già grande. ^__^

    RispondiElimina
  2. *kristel: ma questo????? Con le cipolle??? No perché anche a me non piaceva la versione da bambini, finchè un giorno ho pescato questo dal piatto dello papà... XD

    RispondiElimina
  3. io l'ho sempre chiamato alla veneziana ma non saprei...mamma che buono!

    RispondiElimina
  4. Io in tutti e due i modi, e mi sono posta il problema solo postando.... Vedi? Il blog non sarà mica la nostra coscienza terminologica che vuole avere un riscontro? ;-P ciao bella!

    RispondiElimina
  5. io ho sempre vissuto un conflitto pazzesco con tutte le frattaglie,mi auguro tanto di riuscire ad elaborare la cosa entro il trentennio,come mi seccesso con molti altri piatti in età adulta,credo per ognuno in fondo...il problema è convincere me stessa a sperimentarci su...credo che il trucco potrebbe essere fare un salto da te e fare come hai fatto tu,assaggiare un boccone dal tuo piatto!!prometto che ci continuo a pensare...bacione,Marika

    RispondiElimina
  6. Vabbè, ora che sono vegetariana men che meno, ma il fegato non mi attirava neppure da piccola, quando me lo facevano mangiare a forza...La foto, però, bella!!!!!!!!!!!!!!!!Un bacio Ross

    RispondiElimina
  7. non mi sbilancio perché non so se è di venezia o vicenza, ma so che è buonissimo! il fegato mi piace tanto e fa anche così bene!

    RispondiElimina
  8. Partendo dal presupposto che io odio il fegato, questo piatto stracucinato dalla mia nonna di Bassano mi ha sempre ingolosita per il suo profumo inebriante.E' davvero perfetto.Smack

    RispondiElimina
  9. vani, ecco un link un cui si spiegano le differenze tra vicentino e veneziano: http://lacucinadialbertone.blogspot.com/2009/10/fegato-alla-vicentina.html
    che meraviglia, quanta ricchezza e meravigliosa diversità! baci cara, buona giornata.

    RispondiElimina
  10. Giorno!
    Certo che amare questo piatto da bambina è davvero raro!
    Io non ho tutt'ora un buon rapporto con il fegato :))

    Cosa noto da queste parti? Uno sfondo di legno? Uau! :)

    RispondiElimina
  11. Purtroppo ho una vera e propria diffidenza verso qualsiasi tipo di frattaglie, anche se da quando la mia passione per la cucina si è sviluppata mi sono imposta di provare qualsiasi tipo di piatto...chissà magari un giorno avrò anche il coraggio di sperimentare il temuto fegato :)

    baci
    fra

    RispondiElimina
  12. Eccomi (anche da qui)! La ricetta è perfetta e mi piace l'attenzione alle cipolle bianche (fan grandissima differenza!) e l'uso del burro. Quest'ultimo prezioso ingrediente ultimamente è tanto maltrattato dai più, purtroppo, e specialmente in padella ;-)! Io sono convinta che la vera denominazione sia fegato alla veneziana perchè alla vicentina c'è già il baccalà ;-). Alla veneta va ancor meglio e non scontenti nessuno: lo mangiamo lo stesso!!!
    baci
    Pica da Treviso (tra Venezia e Vicenza)!

    RispondiElimina
  13. eccomi anche io!

    *francy: veramente grazie per il commento relativo alla foto, sappi che ho tenuto il post nel cassetto e stava per finire nel dimenticatoio perchè non volevo postare a causa della foto! ma la ricetta era veramente troppo speciale per perderla così, aspettando foto migliori, di giorno, di sole, etc! :)

    *marika: prova, e non farti impressionare. io credo che chia abbia per primo associato le c cipolle a questa "carne", tanto ma tanto tempo fa, sia stato veramente un genio...

    *juls, e meggy: io odio in genere le frattaglie, e amo il fegato!!!

    *kitty: dovevano allertarsi subito e portarmi da uno bravo, forse, certe cose, prese in tempo... ;-)
    no, ancora vecchio fondo... vaniglia cerca bianco :-(

    *fra: dovere professionale!!
    prova...

    *pica: brava a comparire, sempre al momento opportuno, e molto interessanti le tue osservazioni.. alcune ricette dicono burro + olio, ma cipolla (secondo me in questo caso) chiama burro... e bianca, sì! e tanta, pure! Più ce n'è, meglio è! Dicevo brava, così al volo ti ho lincato, stamane lo avevo dimenticato!
    un bacio, e grazie!

    RispondiElimina
  14. Credo si sia ingenerato un equivoco:
    mi chiamo Pia e sono la stessa persona che ti ha parlato della pectina....;
    se vuoi altre indicazioni sono anche "lunarossa" conosciuta in altro blog;
    sono lucana
    Non sono Pica e non intervengo sulla ricetta del fegato come tu hai postato, perchè non lo mangio. Con simpatia, Pia

    RispondiElimina
  15. *Pia: infatti mi riferivo a Pica nel post, che ho lincato e che ha commentato giusto qua sopra... Ed è impossibile conforndermi, perchè io e Pica ci siamo conosciute per motivi di studio, mentre tu sei lunarossa della pectina! In comune c'è che i vostri commenti sono in entrambi i casi sempre molto interessanti per me!!! Perchè un equivoco? Ho dimenticato qualche consonante? ;)

    RispondiElimina
  16. L'equivoco è nato nel post precedente, quello dell'olio al peperoncino, dove rispondi a Pica parlando di pectina, forse te ne ha parlato anche lei e quindi sono stata io ad ingenerare confusione, comunque scusami.Pia

    RispondiElimina
  17. il talento per il gusto si scopre subito :-))

    RispondiElimina
  18. Oh il fegato alla veneziana... anche io ne andavo matta da bambina quando me lo cucinava la mamma! Non lo mangio da un secolo perche' ti devi fidare della provenienza dell'animale e qui a Sydney non lo vendono in tutte le macellarie! Grazie comunque per il piacevole ricordo che riporta ai profumi dell'infanzia!

    RispondiElimina
  19. *gunther: ah, mi consolo, allora non era sintomo di mostriciattolo, ma di palato sopraffino.

    *Paola: grazie!!! (immagino, cioè, non conoscendo i luoghi forse no, che ci saranno lì invece ingredienti un po' difficili da trovare qui... Giorni fa si parlava con un'amica, su queste pagine, di glutine, che si trova in polvere, se ho capito bene, da aggiungere alla farina...)

    RispondiElimina
  20. Anch'io lo adoro! E, chissà perchè, non lo preparo mai... forse perchè le mie figlie fuggono dal tavolo alla sola vista e piace solo a me e a mio marito! Comunque col tuo post mi hai fatto venire voglia di prepararlo!
    Anna

    RispondiElimina
  21. Ciao, è un po' che ti leggo ma sul fegato con cipolle veneto non posso non commentare. Lo ricordo come uno dei miei piatti preferiti e medito da un po' di rifarlo, ma dovrò escogitare un espediente per riuscire ad essere sola, quella sera a cena, per evitare di incrociare sguardi di disgusto mentre lo assaporo ;-) Comunque piacere di fare la tua conoscenza. Se ti va di passare da me, sei la benvenuta!

    RispondiElimina
  22. ma... fegato "alla venezia" no, eh?
    :D

    RispondiElimina
  23. *wenny: ahhahahha, tu sei un genietto, sai?

    RispondiElimina
  24. Sai quando da piccola con le amiche si chiacchierava e si finiva a chiedre quale era il piatto preferito? Io dicevo il " Il fegato!", tutte mi guardavano schifate. Giuro che mi paceva tanto con la cipolla che gli dava quel suo sapore un pò dolciastro. Purtroppo a causa della "mucca pazza" la mia mamma a un certo punto ha smesso di cucinarlo e è uscito dalla mia memoria culinaria, e quindi non l'ho mai cucinato ai miei uomini (senior + 2 junior). Quasi quasi le chiedo di cucinarmelo la prossima volta che mi invita a pranzo!

    RispondiElimina
  25. Siiiiiì! Vedi? Raccontarlo è molto più difficile che farlo assaggiare....

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...