lunedì 24 ottobre 2011

stracciatella agli spinaci

Comfort-food d'autunno... ;-P


A volte mi sembra come di scoprire l'acqua calda. Ma ad ogni modo, e nonostante lo stupore iniziale, mi sento bene x averla scoperta. Meglio tardi che mai insomma.
A dirla tutta questa cosa qua, quando mamma me la preparava da piccola, non mi piaceva affatto: guardavo le uova straccettate galleggiare nel brodo e storcevo il naso (mangiavo però, eccome se mangiavo, a casa nostra non si rifiutava mai nessun piatto!).
Qualche giorno fa invece navigando sono incappata in una versione più "ricca" che mi ha fatto ricordare di questa particolare "zuppa", e, dato il freddo incombente, mi ha fatto venire voglia di mangiarla di nuovo.
Ci è piaciuta così tanto che nell'arco di 4 giorni l'avevo già rifatta: nella prima versione, esattamente come da ricetta lincata, nella seconda, con soli spinaci e con noce moscata aggiunta alle uova.
La "stracciatella" non è altro che una zuppa preparata con uova sbattute versate in un brodo bollente (scegliete voi quello che più vi aggrada, io ho usato un semplice brodo di verdure! ;)), in questo caso oltre alle uova nel brodo ci sono gli spinaci (e i fagioli cannellini nel caso si voglia un piatto ancora più sostanzioso e completo); credo che si possa fare benissimo anche con cavolo nero (che è quasi di stagione!), o pomodori, o altre verdure che vi piace mangiare in zuppa!

ingredienti (x 4 persone)
2-3 cucchiai di olio ExtraVergine di Oliva
2 spicchi di aglio
200gr di spinaci già mondati e tagliati finemente
1 lt circa di brodo vegetale caldo (molto!)
2 uova
50gr parmigiano o pecorino
(1 barattolo di fagioli cannellini scolati, o un paio di etti di cannellini lessati e scolati)
sale q.b
noce moscata

Rosolare gli spicchi d'aglio nell'olio, in un tegame ampio e a fondo spesso (che alla fine conterrà tutta la zuppa: io ho usato una padella per sauté); poi rimuovere l'aglio quando questo comincia a brunire e subito dopo aggiungere gli spinaci tagliati sottilmente, far appassire un minuto rimestando e poi proseguire la cottura con coperchio per altri 2-3 minuti.
A questo punto versare il brodo caldo nella pentola con gli spinaci e cuocere ancora per un paio di minuti (la zuppa deve praticamente bollire).
Nel frattempo sbattere le uova, il parmigiano e la noce moscata in un piatto, e temperare il composto con un piccolo mestolo del brodo di cottura degli spinaci, mescolando per amalgamare.
A questo punto, e quando il brodo agli spinaci è bollente, aggiungere le uova a filo mescolando rapidamente con un cucchiaio di legno. In un attimo si formerà la stracciatella di uova.
(togliere dal fuoco e aggiungere i cannellini continuando a mescolare, oppure lasciare la zuppa "semplice", con i soli spinaci, a seconda dei gusti).

Servire con un paio di fette di pane rustico, tostate.

E' così veloce, e al tempo stesso sano, nutriente, vegetale e brodoso per questi freddi-issimi, che non posso fare a meno di dirvi di provarla, perchè b u o n i s s i m a, e in più, vi risolve veramente la cena in un attimo! XD

22 commenti:

  1. Buona! Una bella cena autunnuale da gustare vedendo un bel film!! Buona settimana *__*

    RispondiElimina
  2. Mia nonna me la preparava sempre, in versione semplice, però...La tua m'ispira tantissimo: proverò!!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao! un bel piatto caldo e ricco per scaldare l'inverno!
    bacioni

    RispondiElimina
  4. La stracciatella agli spinaci! Tu sei un genio mia carissima vany. Ho sempre e solo mangiato la versione semplice, classica...
    Buona settimana e un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. arruolata..la stracciatella!sai che adoro questi piatti dedicare alle cene più confortanti...certo che da bambini sì è proprio dei beati 'ignoranti' nel senso vero del termine...ci intestardiamo a non aprezzare gusti e pietanze che poi da grandi scopriamo di adorare!!!capita anche a me, ancora ora, a trentatrè anni...buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  6. sarò la mia cena di stasera. Grazie.

    RispondiElimina
  7. Questa delizia semplice mi hai fatto tornare in mente una minestra che non mangio da un sacco i tempo... è l'occasione per rispolverarla, buona settimana

    RispondiElimina
  8. Quanti ricordi!! Quando ero piccola la preparava mia madre, spesso, però la versione classica! Un abbraccio e buona settimana

    RispondiElimina
  9. anche io ho sempre mangiato la versione classica!!! così, consverdura, è varamente favolosa.
    Come altro potrei costringervi a provarla????

    hihihi!

    RispondiElimina
  10. Gnaaaaaaaaaam squisita!Non la conoscevo quindi per me è un'"acqua calda" ricchissima, grazie per l'idea!!Smack

    RispondiElimina
  11. Sì, mi sa proprio di comfort food. Non la conoscevo, non l'ho mai assaggiata, ma mi sa che presto diventerà un must, è quel genere di cose che ti risistemano la giornata ;) E poi puoi variare gli ingredienti davvero senza limiti! Sei sempre un'ispirazione, Ross, grazie! :)

    RispondiElimina
  12. Agnese, grazie a te x i tuoi commenti sempre caolorosi e pieni di incoraggiamenti!
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  13. Grazie Rossella per l'idea, casca veramente a pennello dato che sono intenzionata in questo periodo a cenare a base di zuppe e questa zuppa risolve anche il problema di assicurare un apporto proteico.
    Scusa, posso chiederti come fai tu il brodo vegetale? Io in realtà non lo faccio mai o quasi e andrei un po' a casaccio, se mi dessi un suggerimento da esperta mi faresti felice ... Laura

    RispondiElimina
  14. Oh, quanto mi piacciono le minestrine di questi tempi!!

    RispondiElimina
  15. *laura.lau: molto a caso anche io, con carote, sedano cipolle, patata e un pomodoretto, o cmq quello che c'è (anche zucca o zucchine a pezzetti, per esempio!). quando va male anche dado vegetale biologico (oorore! ;-P)
    [non mi dimentico, sai, del post a "tema lanoso", eh?]

    RispondiElimina
  16. nel senso che mi ci potrebbe andare adesso a metà mattina... ho reso il concetto?
    a me piace questo ritorno alle basi, alle cose semplici.. perché i macaron son bellissimi, ma quando c'è freddo e vuoi qualcosa che 'ti scaldi lo stomachino' (mamma dixit) ecco, io mi rivolgo più a queste cosino brodosine calde semplici!

    RispondiElimina
  17. anche io odiavo la stracciatella da piccola e invece la gradisco da grande, ancor di più mi piace l'uovo gettato nel brodo bollente, che diventa una specie di uovo in camicia al quale è meraviglioso rompere il tuorlo (e cosa c'è di più gustoso di un tuorlo d'uovo fresco?)
    complimenti, hai un bellissimo blog, ci piace assai!

    RispondiElimina
  18. Rossella, sei molto gentile, come al solito; la mia sciarpa l´ho giá dovuta rifare e ricominciare perché mi sono resa conto che stavo facendo praticamente un plaid ...

    RispondiElimina
  19. *laura.lau: succede sempre anche a meeee!!!!!! :) ho grandi programmi lanistici, ma sempre troppo poco tempo! non vedo l'ora di raccontarvi!

    *cannella: forse son cibi che ci "confortano" proprio perchè ci riportano indietro!!

    *juls: sai cosa? amo più di tutti postare 'il normale', il cibo democratico, quello che può essere di tutti, cercando io stessa di imparare a guardarlo con un occhio 'speciale'... e poi lo chic, o quello che è ricercato, diventa un piatto prezioso da spolverare ogni tanto! :) mi va tanto!

    RispondiElimina
  20. Grazie... mi hai salvato! Nonostante sia primavera qui a Sydney le sere sono state freddine e la scorsa settimana la tua meravigliosa ricetta ci ha scaldati facendomi sentire a "casa"!

    RispondiElimina
  21. *paola: grazie per avermelo scritto, quando provate le ricette e vi piacciono è il momento più bello!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...