venerdì 1 luglio 2011

3+4+18+4 ore di lievitazione

ovvero come la foddblogger moderna riesce a combinare vita, lavoro, cucina (e del perchè servono le trofie-otto-minuti-netti)


Sembra il titolo di una follìa, e di fatto lo è.
Ma è anche semplicemente un esperimento-remake della mia adorata brioche parisienne, fatta con pasta madre però. E devo dire che non è venuta malaccio (anzi no è proprio andata alla grande, considerando lo slalom tra gli orari lavorativi, le corse a casa per rompere l'impasto prima di catapultarmi in piscina, la miracolosa lievitazione e la cottura!).
Siccome a noi Vaniglie piacciono gli estremi, oggi si passa dalla ricetta superfast alle quasi 30 ore di lievitazione... Sì, un po' matta sono! =D
Il procedimento è identico a quello indicato QUI, con qualche modifica di tempo e dosi....

ingredienti
230gr burro morbido a pezzetti
150gr pasta madre
20gr latte
300gr farina 0 + 200gr di manitoba
50gr zucchero
1/2 cucchiaino scarso di sale
4 uova + 1 rosso per dorare

I-II giorno
Diluire la pasta madre nel latte appena tiepido. In una terrina mescolare la farina con lo zuccero e il sale, formare una cavità al centro in cui versare le uova, poi il latte con il lievito. mescolare finchè la pasta si stacca dalle pareti del recipiente. A questo punto aggiungere il burro e continuare a impastare finchè questa non diventa elastica ed omogenea.
Ricoprire con un telo pulito e far riposre in un luogo tiepido per 3 ore.
A questo punto rompere la pasta, reimpastandola, e poi riporre in frigo per 4 ore.
Poi rompere di nuovo la pasta reimpastandola. Ricoprire con la pellicola e riporre in frigo a riposare per 18 ore (una notte, breve, + una giornata lavorativa!).

III giorno
Imburrare o rivestire di carta da forno uno stampo da cake lung 28cm, impastare per qualche minuto la pasta per renderla omogeneae dividerla in 4 palle da disporre affiancate nello stampo.
Far lievitare 4 ore.
Cuocere per 35' in forno caldo a 170°C, dopo aver spenellato con il rosso d'uovo leggermente sbattuto.

 XD

17 commenti:

  1. che pazienza...piacerebbe anche a me curare e coccolare l'impasto, deve dare un'incredibile soddisfazione...dovrei decidermi a fare qualcosa di slow! ;)
    bravissime!

    RispondiElimina
  2. volevo dire bravissima! (avevo già incluso chiunque fosse paziente e costante come te!!!)

    RispondiElimina
  3. I mie complimenti per la pazienza e per la capacità acrobatica di creare tali meraviglie avendo una vita super impegnata ^_^ hai tutta la mia ammirazione, ora posso assaggiare?
    Buon we

    RispondiElimina
  4. Caspita che grinta ragazza!! Lasciatelo dire sei stata bravissima, sia per l'ottimo risultato e sia per la capacità organizzativa!!!!!!!!!!!! Un abbraccio e buon fine settimana Rossella!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Saranno occorse anche 30 ore ma vuoi mettere la soddisfazione?!?!?

    RispondiElimina
  6. hihihi che bello avere voi che mi spalleggiate... :)

    RispondiElimina
  7. Ciao, lasciatelo dire: complimenti! Con tutto questo tempo di lievitazione per noi è quasi impossibile una preparazione simile, ma certo il risultato dev'essere ottimo!
    baci baci

    RispondiElimina
  8. E non parliamo della soddisfazione dopo un'attesa del genere? ;)
    Sarò matta anche io ma mi piacciono le lievitazioni lunghe... quasi quanto questa :D
    Complimenti davvero

    RispondiElimina
  9. ok, siamo tutte fulminate!
    bene, domani rinfresco pm e vediamo cosa farne poi!
    grazie a tutte :)

    RispondiElimina
  10. Ciao,
    ho appena aperto un blog, se ti va vieni a darci un occhiata :)))
    http://ursswithlove.blogspot.com/

    RispondiElimina
  11. A me ricordano tanto le briochine ai fiorni d'arancio {miii quanto tempo!!!}

    wenny

    RispondiElimina
  12. Complimenti!! Io curo il LM ma poi mi concedo qualche preparazione solo al weekend.
    Quando dici spezzare l'impasto, vuol dire sgonfiarlo e rimpastarlo?
    Grazie Ciao Fede

    RispondiElimina
  13. *federica: sì, a seconda di come mi gira, perchè mica ho capito benissimo come si fa. quindi o lo sbatacchio, sgonfio e reimpasto, oppure, a seconda dell'umore appunto, lo stiracchio e reimpasto. Mgari vale tutte e due! :)

    *wenny: uhmmamma ;) piccole donne crescono, no?

    *eka: son passata, ma perchè non riuscivo a commentare???? :-(

    RispondiElimina
  14. a parte la pazienza - che io non ho - ma come fai ad accendere il forno con questo caldo? io ho promesso dei muffin da giorni per colazione, ma temporeggio...
    ;)
    m.

    RispondiElimina
  15. *mamiA: uh... non so, molto dipende dall'umore. a volte è freddissimo e non riesco ad accenderlo lo stesso ;-P

    RispondiElimina
  16. hai ragione. ieri sera ad esempio il mio mr b. si è messo a friggere peperoni verdi ('ché quelli si fanno solo fritti' dice) con 30 gradi fuori...
    ;)
    m.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...