giovedì 30 giugno 2011

quello che le blogger non dicono

(o delle trofie al pomodoro)

... è che a casa loro, come in tutte le altre case, a volte è difficile trovare il tempo per cucinare, che non si mangia sempre gourmand, che il tempo per fotografare a volte viene sottratto al mangiare, o alla preparazione del pasto vero e proprio (quello che sfama... ;-P)
a voi (blogger) quante volte sarà capitato di sentire amiche che dicono "beata te che hai il tempo di fare un blog di cucina"??? inutile spiegare che tre ricette a settimana possono anche essere quelle del pranzo della domenica fotografate di gran corsa (o anche lentamente, ma mentre gli altri mangiano implorandovi di partecipare al pasto), scritte nottetempo (magari invece di guardare la tv! o peggio invece di stirare... ;-P), e postate nell'arco della settimana...

Ovviamente non è SEMPRE così, ma, perlomeno io personalmente, devo ammettere che mentre ci sono dei momenti religiosamente dedicabili alla cucina, il più delle volte risolvere una cena letteralmente al volto è una vera e propria esigenza!


a voi (donne) quante volte sarà capitato di pensare "non ho tempo di cucinare queste cose belle ma impegnative"??? beh devo dire che nella maggior parte dei blog di cucina ci sono ricette molto semplici e veloci, e che a volte ci vuole veramente più a scriverle che a farle!

Ad ogni modo, nonostante non mi piaccia come sapete già) pensare alla cucina come a una procedura iperveloce, ammetto che avere a disposizione quelle due-tre (ma anche dodici-tredici) ricette a prova di bomba e di tempo, sia che servano alle mamme che staccano alle 13.00, passano a prendere a scuola i figli e volano a casa, e se il pranzo non è stato pre-programmato o precucinato, allora so'cavoli, sia che servano a noi foodblogger(s) che mentre stiamo preparando una terrina di fegatini in casa, o delle brioches parisiennes lievitate naturalmente, incrociamo lo sguardo disperato ed affamento dei nostri fortunati e ancor più pazienti familiari cui abbiamo preso in ostaggio la cucina (e magare pure il salotto che stiamo usando come set fotografico!).

Quindi questa non posso fare a meno di tenermela per me.
Trattasi di ricetta di trofie al pomodoro - 8 minuti tutto compreso (intendo preparazione E cottura), tutto in unica pentola (incluso anche l'utilizzo dello scolapasta, che in questo caso non serve... sì avete capito bene, niente scolapasta e niente pentola a parte per il sughetto.... ;-P).
Una roba geniale, secondo me, la mia arma segreta di salvezza!

vado donne, vado con la ricetta con cui probabilmente verrò radiata dall'albo professionale delle food writers! ;-P

trofie al pomodoro in 8 minuti netti
ingredienti x 4 persone
una confezone di 500gr trofie di semola fresche*
1 barattolo (400gr) di polpa di pomodoro a pezzettoni bio**
acqua, sale
(prezzemolo, basilico, parmigiano, peperoncino, quello che volete o avete a disposizione!)

Prendere una padella a bordi alti in acciaio inox (tipo per sauté, o cmq un'ampia pentola capiente), versarvi dentro trofie e pomodoro, poi riempite d'acqua il barattolo che prima conteneva la polpa di pomodoro, usandolo come misurino, e versatela su polpa e trofie (per queste operazioni impiegherete dai trenta ai quaranta secondi). Salare.
Mettere sul fuoco e contare 7-8'.
A quel punto non vi resta che occuparvi delle rifiniture, come lavare e taglizzare il prezzemolo, o il basilico :-P, e, chessò, addirittura apparecchiare la tavola!
Mescolare di tanto in tanto, controllando che la pasta abbia assorbito bene acqua e sugo.
Togliere dal fuoco, aggiungere erbette varie o spezie, un filo d'olio e una grattugiata di parmigiano.

Giuro, sono buonissime!


*una volta acquistate (confezione sigillata) se ne stanno buonine stoccate in frigo per un paio di mesi
**anche non bio, io ce l'ho in genere così;-P potete optare anche per salsa di pomodoro, o quello che in genere usate per i vostri sughi al pomodoro

29 commenti:

  1. Ciao!Bellissimo post!
    a dire la verità anch'io non ho mai tempo per cucinare, fotografare, trascrivere la ricetta, modificare le foto, postarla e commentare i blog altrui!
    Oggi ognuno di noi si applica in tantissime attività e il tempo non è mai abbastanza!Pensa che io ti sto scrivendo dal mio ufficio perchè pranzo sempre fuori e quello che riesco a portarmi è veramente semplice e minimo. Però ci sono quelle sere che anche se manco da casa dalla otto ho voglia di cucinare, sia per me stessa e sia perchè amo il mio blog e faccio quel che si può!

    RispondiElimina
  2. Per fortuna che ci sono molte cose che le blogger dicono, come ad esempio questa ricetta spaziale! Non ci avrei mai pensato.... la trovo geniale!
    La provero' quanto prima e credo che avrai la mia riconoscenza eterna (e quella delle mie belve fameliche!)

    Un abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
  3. Fantastica! Quanto mi ritrovo in quello che dici! Ottimo questo modo di cottura, lo provo! Baci :)

    RispondiElimina
  4. Concordo con tutto quello che hai scritto, e per la ricetta io non ti radiere dall'albo dei foodblogger anzi ti darei un premio, ricette come queste sono sempre ben accette da parte mia ciao Luisa

    RispondiElimina
  5. Ebbrava!!!!!!!!!!!!!! concordo su tutto...io cucino solo la domenica, ergo fotografo tutto in un'unica "sessine" che cerco di diluire drante la settimana...se nò dovrei fotografare il gelato di Grom tutti i giorni per pranzo e verdure grigliate con pane/riso/semolino la sera!!!

    RispondiElimina
  6. cavoletti è proprio così, in più mi capita che delle tante idee e progetti a getti e lapilli alcuni restano chissà quanto tempo in sospeso non solo per tempo, ma anche per gruzzoletto...comunque, alla fine, ci salva sempre un piccolo colpo di genio: basta una trofietta semplice e strepitosa a rimettere davvero tutto a posto! :))

    RispondiElimina
  7. ci sono anche io tra quelle che cucinano 4 ricette in un sabato e le fotografano, e poi arrivano al sabato sera con le occhiaie, i tuoi amici ti guardano e ti dicono: ma scusa, che hai fatto oggi?
    e io: ho cucinato e ho fotografato.
    e loro: e sei stanca?

    .....


    eccheccavolo sì! ecco...
    però questa mi piace tantissimo come ricetta, perché a me le ricette veloci servono, piacciono e divertono!

    baci

    RispondiElimina
  8. Ciao! parole e vere e sagge1 ci ritroviamo appieno in quello che dici! Le ricette per noi son quelle che riusciamo a preparare tornate dopo un'intera giornata al lavoro e poi in palestra..o la domenca, quando forse c'è un pò più di tempo (anche se con l'estate la voglia di spignattare è poca).
    insomma..quello che si mangia quotidianamente ;-) Putroppo sacrificando ricette allettanti ma troppo lunghe ed elaborate!
    La tua pasta è fantastica: velocissima e proprio tanto gustosa!! semplice ma che appaga palato e fatiche fisiche ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  9. perfettamente corretto!!! e ora che i week end fuggiamo al mare il lavoro diventa sempre più arduo!
    Ottima idea questa pasta, sarà testata prestissimo!!! ;P
    baci, Valentina

    RispondiElimina
  10. premetto che il tuo blog e molto interessante e la tua ricetta favolosa,ed inoltre che mi farebbe piacere invitarti nel mio blog,rispondo al tuo post dicendo che a me la cosa che mi invidiano e' proprio il saper cucinare non da 4saltiinpadella,ma un po' meglio!

    RispondiElimina
  11. ecco io sono l'esempio vivente di ciò che scrivi..mi piacerebbe avere un blog ma manca sempre il tempo per tutto..figuriamoci per stare al pc..o stare a fotografare...Non è pigrizia,è che sono troppo precisa e se devo aprire un blog per poi non avere il tempo di curarlo come si deve piuttosto non lo apro!:-)Un saluto, Valentina

    RispondiElimina
  12. No no, io lo dico eccome...

    wenny

    RispondiElimina
  13. ciao tutte!!! :)

    commenti sparsi di risposte sparse:

    *valentina: a chi lo dici, io ho "aperto" quasi per caso sai? per un contest di sigrid che mi ha dato la spinta, e giuro che ad ogni foto pubblicata, soprattutto all'inizio, facevo violenza ame stessa e al mio assurdo perfezionismo. però vedevo che c'erano persone che mi seguivano, che attendevano una nuova ricetta, che mi incitavano, quindi ad un certo punto mi sono resa conto che i contenuti contavano più dell'aspetto (certo la cura è importante), e che solo facendo mi sarei (parola grossissima) perfezionata...

    *Juls: ommamma come ti capisco. penso a quando , appunto per uscire, mi faccio i calcoli delle lievitazioni o delle ore di luce e cerco di incastrarmi...

    cmq pensavo a quella cosa che ho scritto dello stirare. io il ferro da siro nemmeno ce l'ho! però la KA sì... vedi che mondo alla rovescia il nostro??? ;)

    *wenny: Je sais ;)

    *TUTTE: fatela, sembra un trucco di magia! =)

    RispondiElimina
  14. io ti amo ogni giorno di più.... spero che il fidanzato, amico, marito non se la prenda a male :)))) rosss!!! ma è una genialata che ogni tanto faccio pure io, non ho mai usato le trofie, ma tagliatellie, taglierini, raviolini impalpabili si!
    funziona donne, funziona davvero!
    un bacio grande ;)
    b

    RispondiElimina
  15. ... e questa è solo la prima parte vero? :)))

    RispondiElimina
  16. Rosella, non potevi spiegare meglio la situazione!!
    Ottima e furba la tua pasta, faccio qualcosa di simile anch'io nei momenti drammatici...
    Baci :)
    pat

    RispondiElimina
  17. *babs e patricia: visto???? armi segrete, ragazze!!!
    ;-)

    *carlottaD: uh, non ho capito...

    RispondiElimina
  18. ahahah!!! verissimo tutto quel che scrivi :)))
    queste trofie ottime, davvero a prova di bomba!

    RispondiElimina
  19. Bello questo post, lo apprezzo tanto. Ci sono molti miti da sfatare riguardo il food-blogging... ed è vero, a volte sono equilibri delicatissimi quelli che fanno in modo che tutto s'incastri con la tua vita ;)
    Buon we cara!
    Agnese

    RispondiElimina
  20. ehi che bello il tuo blog! capito qui per la prima volta e mi piace moltissimo! delicato, raffinato e che foto :)

    RispondiElimina
  21. mi trovi d'accordo in tutto ciò che hai detto...la cucina è una passione, ma anche un'esigenza...l'ideale è concxiliare le due cose (tenendo conto anche del tempo!)
    per quanto riguarda la pasta è un'ottima soluzione, io la chiamo "pasta risottata" e nel bimby la faccio spesso (proprio perchè il tempo corre!) ;)

    RispondiElimina
  22. bellissimo blog e condivido a piedo1 io generalmente le ricette dolciarie le faccio il fine settimana perchè durante la settimana, appunto, con il lavoro è tutto un affanno ed una corsa

    RispondiElimina
  23. *pips: benvenuta! e grazie per il complimento sulle foto. mi sembrano sempre il mio tallone di achille! :) cioè, le vorrei sempre un po' meglio. vabè, pianpianino! ;)

    *glo83: anche io ("pasta-risotto")!!! questa è stupenda, ma comunque un po' più elaborata delle trofie-fast... (qui: http://vanigliacooking.blogspot.com/2009/02/pastarisotto-alla-zucca.html)

    RispondiElimina
  24. geniaccio! ché d'estate si sa che il tempo stringe e la voglia di lavare le stoviglie scarseggia ;-)

    RispondiElimina
  25. *rosa: sisssì, visto quanto bello è???? unicissima pentola, 3 gesti compreso il mangiare! :)

    RispondiElimina
  26. Ma quante risate mi sono fatta con questo post! E' proprio la sacrosanta verità...mi segno questa mitica super ricetta...A proposito,mi chiamo Marika,piacere di conoscerti!Facevo un giretto da Daniela di Calme et cacao e ti ho trovato..e per fortuna direi!Sei proprio in gamba,spiritosa e geniale nelle giuste dosi...credo proprio che passerò spesso...a presto,Marika

    RispondiElimina
  27. ahahhaah!! che ricetta geniale!! per quanto riguarda il post,abbasso il viso paonazzo....

    RispondiElimina
  28. Ciao Vaniglia,
    seguo in silenzio il blog..mi piace davvero molto come scrivi e le ricette che proponi! si vede quanto amore hai verso questo "hobby"! oltre ad altre ricette, ieri ho provato questa ma il risutltato (mea culpa) è stato penoso, una roba quasi da mensa delle elementari!!! mon dieu!
    ci riproverò!
    a presto,
    OuiOui

    RispondiElimina
  29. non ci posso credere!
    ma questa devo provarla ASSOLUTAMENTE!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...