lunedì 6 giugno 2011

mia sorella, Jamie e gli spiedini fatti in casa


Da un pochino facevo la corte alla mia sorella (media) per questi spiedini, di cui mi aveva parlato qualche tempo fa, e che provengono da uno degli ultimi libri di Jamie Oliver, jamie's ministry of food, tradotto in Italia da TEA con il titolo La mia scuola di cucina.
L'intento del libro è dichiaratamente Jamiano, ovvero insegnare a cucinare in modo rapido (e sano!), a chi non lo ha mai fatto in vita sua (e che quindi mangia cucinato da altri o precotto e/o preconfezionato).

L’ispirazione per questo libro mi è venuta incontrando un sacco di gente convinta di non saper cucinare e di non essere in grado di imparare. È chiaro che idee del genere hanno su di me lo stesso effetto di un panno rosso sventolato davanti a un toro.

In realtà non è un libro per chi non sa cucinare, o meglio, oltre ad esserlo, è anche semplicemente una raccolta di ricette piuttosto gustose scelte per dimostrare quanto possa essere semplice ed immediato prepararsi piatti di grande soddisfazione (ed è bellissimo leggervi le espressioni stupite e orgogliose delle persone che grazie a Jamie hanno avuto modo di scoprire questa dimensione a loro finora sconosciuta)...

La ricetta è ovviamente passo-passo, come una "scuola di cucina che si rispetti", e quelle belle manine che mi preparano da mangiare (perchè poi ce li siamo pappati, gli spiedini che vedete!) sono di mia sorella!

Ecco la ricetta:

ingredienti (per 2, abbondanti però)
400gr di filetto di maiale*
16 funghi piccoli
1 cipolla rossa media
1 mazzetto di rosmarino fresco
2 limoni bio
1 cucchiaino di cumino in polvere
sale marino e pepe nero appena macinato
olio d'oliva

[Durante la preparazione del piatto, immergere gli spiedini nell'acqua almeno 30' (se sono di legno e nel caso si intenda cuocerli poi alla piastra, per non farli bruciare)].




1. Lavare e mondare il rosmarino

2. Lavare i limoni, asciugarli bene e prelevarne la scorza con un pelapatate

3. Tritare finemente la scorza dei limoni e il rosmarino e mettere da parte

4. Pulire i funghi (spellandoli e togliendone i gambi)




5. Tagliare la carne a pezzetti di circa 2 cm, pulire e tagliare la cipolla, prima a metà e poi in quarti ogni metà (il trucco sta nel rendere insomma grandi uguali tutti i pezzi, ovvero funghi, carne e cipolla)

6. In un recipiente reccogliere la carne, il trito aromatico di rosmarino e limone, il cumino e una buona presa di sale e pepe

7. Spruzzare con olio d'oliva mescolando bene tutti gli ingredienti

8. Infilzare negli spiedini tutto il cibo alternando gli ingredienti senza "ammassarli" tra loro in modo che poco spazio tra gli uni e gli altri permettano una cottura migliore e maggiormente uniforme. Condire con sale e pepe e irrorare con olio d'oliva


Per la cottura Jamie suggerisce la piastra, ma si possono cuocere anche su una teglia nel forno, o alla griglia, condendo poi alla fine con il loro stesso sughino, o con il succo dei limoni, accompagnati da salse e salsine varie, o panna acida, insalata, riso, etc....


*Jamie suggerisce anche di variare la carne e/o la verdura, inserendo anche zucchine o peperoni (sempre però con l'accortezza di uniformare le dimensioni!). Mia sorella, che li ha provati sia nella versione con carne di maiale che in quella di con carne di manzo (ovvero quella fotografata), preferisce la prima, in quanto la carne di maiale risulta più morbida in cottura... :)


12 commenti:

  1. anche io ho questo libro di j.o (anche gli altri veramente...) mi piace molto la sua cucina proprio perchè semplice, a volte leggendo mi abbatto perchè i procedimenti mi sembrano lunghi o difficili ma in realtà non lo sono praticamente mai!!! io sto corteggiando la fettina di tonno con il sughetto ai pomodorini secchi.. l'unico problema è il mio pescivendolo che non mi taglia le fette come si deve -.-"

    RispondiElimina
  2. Mhmhhhhhhhhhhhhhhhh…che bella ricettina.
    E poi: finalmente qualcosa di fotogenico questa sorella ce l’ha, no? Guarda che mani interessanti, da donna de casa che sa il fatto suo…. :-)
    Almeno sta zitta e non si lamenta e non comincia ad annoiarti con le sue mille fotofobie.
    Evviva gli spiedini evviva. (danno un sacco di soddisfazione, fidatevi)

    RispondiElimina
  3. Anche la tua interpretazione "passo passo" è carinissima! Brava!

    Sabrine

    RispondiElimina
  4. Non sapevo come cucinare il filetto di maiale... prima dei tuoi splendidi involtini! Grazie a te, a tua sorella per il bel passo-passo e... a Jamie!

    RispondiElimina
  5. assolutamente ottimi questi spiedini e poi a me piaccioo le idee di Jamie.ho visto sotto una fantastica marmellata di fragole, con le rose è una ottima aggiunta.anche io ho marmellato oggi!

    RispondiElimina
  6. *lucy: sìssì, favolosa e da ora la farò sempre così (la marmellata di fragole... ;-P)

    *maia: sì, di quelle che magari da sola non avrei nemmeno adocchiato, ma raccontata, e poi preparata da mia sorella, è stata una vera scoperta!!

    *barbara: io volevo provarlo anche per un arrosto, che dici???


    *sabrine: cara che sei! grazie...

    *anto: tu ti devi fidare quando scatto io, damme retta tunè!!! ;)

    *lukik, non ci posso credere che mi hai approvato la ricetta! ;)

    *eres: anche io, anche gli altri, ma non saremo tutte 'namurate???? ;)

    RispondiElimina
  7. il libro mi manca, ma questa ricetta mi incuriosisce davvero tanto.. segnata! ;D buona giornata, Valentina

    RispondiElimina
  8. *valentina: mi hai rammentato di segnarmi un altro paio di ricettuzze dal libro anche io (ne ho due suoi ma non questo, scippato alla sorellina, come il pasto allegato d'altronde!)
    ciao!

    RispondiElimina
  9. Ciao! splendidi questi spiedini e molto ricercati nel sapore! ci interessa anche il libretto: particolare ed adatto a chi si approccia alla cucina!
    baci baci

    RispondiElimina
  10. Io ce l'ho ed è riuscito a far cucinare il mio dolce doppio! Quindi intento riuscitissimo!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...