giovedì 7 ottobre 2010

alla Vaniglia non far sapere...

... quant'è buono il cioccolato con le pere!


A volte prima di pensare ad una ricetta faccio ricerche.
O nell'ala est della dimora, ove si trova la biblioteca gourmand, o nello spazio iperuranico del web, ove si trova di tutto e di più però devo confessarlo, anche se credo non dovrei, io amo la carta: le foto delle ricette stampate, le pagine sporche di farina e di schizzetti di albumi montati a neve, le minipile di libri che ritengo siano attinenti a quello che mi passa per la testa in quell'istante, e i foglietti che scrivo saltando da una ricetta all'altra, per costuirne una "nuova".
Non sempre il processo è così difficoltoso. A volte semplicemente frugo nel mio blog, soprattutto adesso che ho aggiunto la stringhetta di ricerca nella colonna di sinistra, giusto sotto l'archivio, e che mi sembra renda tutto più facile e più ordinato (siamo ormai al terzo anno eh? le ricettastre cominciano a prendere il sopravvento...).
Quindi qualche giorno fa ho scritto 'pere', uno dei frutti che preferisco e che amo mangiare (nonchè perfetto per realizzare succhi di frutta in casa!), e non ho trovato NULLA.
Non avevo scritto 'rane', o 'anatra', o 'lumache', o non so cos'altro, ma semplicemente 'pere'.
L'unica cosa comparsa è un articoletto di cui vado fiera e che appartiene proprio agli antichi natali della Vaniglia (ormai faccio la gradassa, un po' come quando alle elementari, a noi del terzo anno ci spostavano dal pianoterra al primo piano, e guardavamo i "piccoli" entrare a scuola, noi, i 'decani'...): si trattava di un libro bellissimo, ovviamente completo di informazioni preziose e ricette, nato a seguito di un progetto di protezione dal rischio di estinzione alcune varietà di mele e di pere coltivate fino a poco tempo fa e che e che rischiano di essere sostituite dalle poche varietà selezionate secondo criteri soprattutto estetico-produttivi: il Melibro.
Dopodichè niente.
Due anni di blog e niente ricette con pere (mi sono anche un po' vergognata).
Però ho riparato in un istante, anche perchè nel frattempo quest'autunno che sembra cominciare a far capolino, mi istigava un po' alla cioccolata, e allora io, per introdurla ma non troppo sfacciatamente, ho pensato alle pere del cassettone bio che avevo a casa e al fatto che questi due ingredienti dovevano essere assolutamente cucinati insieme.
A questi ho aggiunto l'ultimo mio invaghimento (di cui ormai sapete) nel settore ingredienti, e ho combinato il tutto nella forma più autunnale che conosca: il crumble.
Una piccola parte di cruschello d'avena ci sta dadio, lo rende croccante e simile al cruesli, il cioccolato a pezzetti neanche spreco parole a dirvelo.
Credo sia diventato subito dei miei preferiti! ;-P

crumble croccante alle pere e cioccolato
6 o 7 pere
100gr burro
100gr zucchero (magari canna tipo muscovado! :))
100gr cioccolato fondente tagliato grossolanamente
100gr farina
60gr cruschello d'avena*

Tagliare le pere a pezzetti e disporre in una o più teglie (regolatevi ad occhio: se vi piacciono i crumble "spessi" concentrate le pere in poco spazio, altrimenti mettetele in teglie più "comode" considerando che gli starti verranno più sottili).
In una ciotola capiente lavorare velocemente, prima con una forchetta e poi con la punta delle dita, le farine, lo zucchero e il cioccolato, il burro a fiocchetti.
"Pizzicare" con le dita fino ad ottenere briciole (non indugiando troppo nella lavorazione per non "incollare" il crumble).
Disporre lo strato di briciole sulla frutta e cuocere in forno caldo a 180°C per una mezz'oretta abbondante, o finchè lo stato superiore non risulta dorato e croccante.
Vi metto una foto della preparazione prima della cottura: è buono pure crudo!!!!! :)

*si può sostituire con altra farina o farina di mandorle (ovvero mandorle pelate e triturate finemente): in quest'ultimo caso, a voler essere proprio raffinati, diminuire leggermente il burro (di 10 o 20 grammi)...





altri crumble su Vaniglia:

-dolci-

-salati-

18 commenti:

  1. mi hai fatto venite una voglia del tuo crumble

    RispondiElimina
  2. effettivamente neanche una ricetta con le pere... proprio una vergonga! :-)
    quanto mi piace questo tua riverenza nei confronti del cibo!

    RispondiElimina
  3. Striscio in ginocchio al tuo cospetto per aver dimenticato il secondo compleanno della piccola vaniglia... Potrai mai perdonarmi? ;)
    Però le illustrazioni della tua sorellina sono la fine del mondo! Librino bellino bellino: diventerà un must have!

    Veniamo al magico mondo dei crumble.
    Negli ultimi due pomeriggi ho merendato proprio a suon di crumble. Quello "mio" classico che non richiede troppo impegno, ma che è una certezza cosmica: mele, prugne secche, pinoli e cannella.
    Però adesso vorrei provarne tanti altri...
    Buon fine settimana alla vaniglia dueenne!

    RispondiElimina
  4. mentre leggevo questo post ho pensato a quanto anch'io ami la carta e al fatto che spesso scarico le belle raccolte dei blogger (compresa la tua) e poi finisco per non usarle perché sono al pc. allora ho pensato che le stamperò a colori e le rilegherò con la spirale dell'ufficio per trasformarle in deliziosi libretti.
    mi hai dato un'ottima idea per le pere del gas che ho in frigo, che non sanno di niente e sono pure durette, ma migliorano in cottura (non erano male in una ciambella col cioccolato bianco), grazie!
    ps: grazie per la mail sulle foto grandi, oggi ha funzionato!

    RispondiElimina
  5. aiuto! questo lo DEVO fare!!! che gola...

    RispondiElimina
  6. Serve che dica qualcosa su *pere e cioccolato*? non credo :D
    Hai ragione, il crumble è tipicamente autunnale anche per me, come il clafoutis del resto (tra l'altro ieri sera volevo fare il tuo di melanzane -le ultime dell'orto- poi per motivi di tempo le ho affettate>forno>chips). La casellina del *cerca*, che ho messo pure io, la trovo utilissima, così come i link che hai messo sotto al post. Ben fatto vaniglia!
    Un abbraccio,

    wenny

    RispondiElimina
  7. vaniglia, chettelodico a fare. :)
    e comunque, quando stasera mi trascinerò a comprare il cioccolato, ti penserò.

    RispondiElimina
  8. Ecco, questo sarebbe il mio crumble, quelli classici tipo frutti di bosco sono un po' acidini e la cosa non mi piace un granche! Questo, corposo e vellutato fa il caso mio.
    Auguri in ritardo per il cumpleanno di questo bellissimo blog che ho scoperto da poco e che mi piace tanto. el pidieffino, come lo chiami tu è davvero bello e innovativo, mi piace (ma io sarei vamp???)
    Un abbraccio, Buon WE:)
    Pat

    RispondiElimina
  9. un ottimo modo per gustare le pere e renderle ancora più golose... col cioccolato!

    RispondiElimina
  10. Che buono questo crumble..da urlo..viene perfetto con le farine senza glutine !! Ciao, Simonetta

    RispondiElimina
  11. ma che meraviglia con le pere hai combinato? mi ci tuffo presto presto in questa ricetta!!!!
    p.s. io me lo ricordo benissimo il post sul Melibro
    p.p.s. che cos'è il cruschello d'avena, dove lo trovo???????

    RispondiElimina
  12. mmmm... pere e cioccolato è forse l'abbinamento che preferisco di più in assoluto!!!!!!!!
    Crumble da provare!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. *maia: perfetto, era il mio obiettivo! ;)

    *rosa: grazie, è molto bello quello che pensi, ed è così bello anche il fatto che tu me lo dica! :) (reverenza e a volte devozione, devo essere matta!)

    *caro: ma scherzi??? sai le cose che mi dimentico io? tanto poi sei sempre da queste parti e il pdf lo hai visto lo stesso no??? :)
    crumble mon amour, soprattutto adesso... come lo hai fatto tu ancora mai provato, ma da quallo che hai potuto vedere, qui a fare crumbles non ci stanchiamo mai (e nemmeno scones, guarda che ti tengo d'occio!), quindi uno dei prossimi sarà il tuo!

    *lise: io ho usato pere morbide e succose (perchè avevo quelle!), ma devo ammettere che in cottura le pere dure vanno quasi meglio, proprio come dici tu!
    vista la tua foto grande... che bello vero?

    *magie: sì, è così facile e veloce (si mangia anche veloce... ;))

    *wenny: chips??? como se fa?
    casellina ricerca: sai che oggi non mi funzionava con la parola "rape"? ed io che ho almeno un paio di ricette sull'argomento di cui vado fiera come una rapa mi sono così turbata.... :)

    RispondiElimina
  14. *lukiz: trascinatati? pensatami? XD

    *patricia: come devo fare con voi argentini?? dunque non solo ti chiami come il mio principe (vabbè te sei una femmina lui è un maschio ma questi so' dettagli) e siete nati nello stesso stupendo posto, ma avete pure gusti uguali? vabene, il dulce manco a dirlo, ma la pera? uno dei suoi frutti preferiti? pensa che quando faccio i crumble alle prugne lui si mangia prima tutto il sotto "per togliersi il pensiero", e poi le briciole croccanti. con le pere ovviamente questo non succede.
    hai visto lucia nel suo blog "ci" ha risposto sulla temperatura delle madeleines???
    io ti ci vedo vamp, però... =D

    *acquolina: sì, in questi giorni non mi pare vero, le cuicnerei con tutto!

    *glu: tu cosa usi, per il crumble... mais? riso? entrambe? altro?

    *anto: tu hai appena vinto il premio "lettrice affezionata" e quindi una cospicua fornitura di tale deliziosa preparazione... MA nel caso volessi farlo da te, il crumble, lo cruschello lo trovi dal nostro fido Ecor.... e in molto altri negozietti bio. Si tratta in sostanza della parte che rimane dalla macinazione della farina di avena. Fa molto bene pare alle diete per dimagrire... ovviamente io qui ho pensato bene di ammortizzare il rischio di dimagrimento aggiungendo qualcosina qua e là. Sai, noi amiamo gli ossimori! :)

    *marifra: sì... fa tanto autunno, non trovi????

    RispondiElimina
  15. @rossella: banale. Tagli la melanzana sottile sottile (io non l'ho, ma se puoi utilizza la mandolina), spennelli ogni fetta con poco olio, spolveri col sale, disponi su teglia ricoperta di carta da forno o, meglio, le appoggi direttamente sulla griglia. A 180°C finchè non ti sembrano croccanti. Io me le sono dimenticate (stavo facendo un risotto e ho realizzato all'ultimo che mi mancava un ingrediente: panico!) e si sono abbrustolite un pò parecchio, ma erano comunque ottime!
    Ciò non toglie che, siccome l'orto del quasigenero è generoso e io ho ancora 2 melanzanine in frigo, questo fine settimana faccia il tuo benedetto clafoutis!

    wenny

    RispondiElimina
  16. @rossella: dimenticavo, per la casellina: la metà me lo spiegò, perchè anche a me successe e caddi in bambola, ma chiaramente io non me lo ricordo. Appena vedo chiedo riferisco.
    Bacibaci

    wenny

    RispondiElimina
  17. *wenny: ecco, è che a me me mancano proprio le basi, me mancano! e sulla stringa, chi prima scopre l'arcano prima chiama!
    ciau!

    RispondiElimina
  18. ciao!!! è la rpima volta che ti scrivo....complimenti!!!io adoro pere e cioccolato!!!! ;-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...