martedì 8 giugno 2010

piccole frolle crescono

frolle ripiene alle visciole
Questa ricetta viene dritta dritta dal libro di Sigrid. Erano secoli che volevo farle, praticamente dal primo momento in cui ho avuto il libro in mano.
Il sapore, la consistenza, la sensazione stessa nel mangiarle mi ricordano tanto i pasticcini di zia Casilde, che soggiogano ormai da anni i palati della mia famiglia... Solo che sono più grandi, o meglio più alte, e la frolla è un po' diversa (non sto a dirvi il mio amore per le frolle fatte con lo strutto al posto del burro, tanto per rimanere leggeri - per queste ho usato uno strutto bio e locale, delle mie parti, ;-P)

ingredienti
300gr farina
150gr zucchero
100gr strutto
1 limone bio (la scorzetta)
1 uovo + 2 tuorli
marmellata di visciole (1 barattolo)

Lavorare velocemente, toccandola il meno possibile con le mani (aiutandosi con una forchetta), la farina con lo zucchero, lo strutto, la scorzetta del limone e le uova, fino ad ottenere un impasto compatto (se risulta secco e difficile da aggregre aggiungere un goccio d'acqua).
Far riposare un ora in frigo (può essere utile dividere l'impasto a metà prima del riposo e formarne due palle schiacciate).
Stendere la prima metà dell'impasto a 3mm di spessore e rivestirne degli stampini monoporzione (io ho usato una teglia da muffin), disporvi un paio di cucchiai di marmellata all'interno, e chiudere le frolle con dei "tappi" dello stesso spessore.
Spennellare la superficie con un po' di latte (Sigrid usa un po' di uovo sbattuto) e infornare a 180°C per circa 20-25', o finchè le frolle non sono dorate.

Ne vengono 14-15.



19 commenti:

  1. E quando crescono dove vanno? ;)

    Hai visto che Sigrid ha proposto proprio oggi (o era ieri?) una raccolta/contest che come tema ha le ricette tratte dal suo libro?
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  2. le avevo fatte anch'io, ma ho messo l'olio nell'impasto anziché lo strutto...
    guarda qui:
    http://kitchenetteconfidential.blogspot.com/2010/02/bocconotti-all-alle-ciliegie_7160.html

    SONO BUONISSIME!
    Castagna

    RispondiElimina
  3. Ti sono venute benissimo. Complimenti

    RispondiElimina
  4. Deliziose.
    LO strutto le rende piu' "leggere"? Non lo uso mai, ma mi ricordo che le mie nonne lo usavano e i loro dolci avevano paradossalmente un gusto piu' soave rispetto al burro...

    RispondiElimina
  5. Ciao! Conosco questa ricetta, ho il libro di Sigrid e la foto delle sue frolle mi ha colpito dall'inizio!
    Brava, sia per le frolle e sia per il blog!
    Chiara

    RispondiElimina
  6. Belle e sfiziosissime queste crostatine: un impasto meno classico ed un ripieno diverso!
    approviamo e vorremmo anche assaggiare eh ;)
    baci baci

    RispondiElimina
  7. Proprio belle e sicuramente golose...le visciole, slurp!!!!!

    RispondiElimina
  8. *Carolina: in pancia! ;)
    sì, ho visto... solo che io questa l'ho presa para-para... dovrò inventarmi qualcosa da "reinterpretare"... oppure, se proprio non mi regge il cuore di stravolgere unacavol-ricetta, provo con una delle tantissime che vorrei fare...

    *castagna: viste!!! le proverò anche io con olio!

    *barbara et acquolina: =D

    *glu.fri: ehum... vediamovediamo: più "leggere" forse no, ma la consistenza della pasta è unica, anche cruda. si stende che è una meraviglia. non saprei come descriverlo, è una questione anche tattile, oltre che di gusto.. con una parola, forse si potrebbe dire "di texture"??? ;)

    *chiaretta: grezie, grazie tanto!

    *manu e silvia: anche le mie colleghe al lavoro hanno fatto un'osservazione del genere!!! ;-)

    *sì, buonissime visciole, marmellata fatta in casa, da mani amichhe (non io, questa volta... bello ricevere tali doni!!!)

    RispondiElimina
  9. Ma sai che non ho mai provato la frolla con lo strutto?! In effetti dovrebbe dare un risultato diverso...da provare!

    RispondiElimina
  10. Anch'io mi chiedevo come Carolina...forse poi viaggiano lontano per deliziare tanti palati? ;-)
    Qui niente strutto ma appena posso devo provare (e assaggiare)
    Bacioni

    RispondiElimina
  11. io oggi mi sono letta tutto il libro...e ho deciso cosa preparare domani:DDD e ora che penso a questo...sono indecisa:D

    RispondiElimina
  12. Davvero belle! Poche volte uso lo strutto in cucina ma la frolla al burro è tutt'altra storia,a differenza di quello che si crede sembra anche più leggera!!! Io uso rigorosamente solo quello fatto in casa!!!

    RispondiElimina
  13. Capisco il tuo amore per le frolle con la sugna,ma credo che quando si ha la fortuna di averne di quella buona,sia meno dannosa perfino del burro.Questi dolcetti sono dei piccoli gioiellini e immagino la golosità!!complimentiper tutto!

    RispondiElimina
  14. ciao Rossella ,
    oggi scopro il tuo bellissimo blog,
    sono molto entusiaata complimentiiii!!!
    Mi iscrivo subito come tua seguitrice!!!
    hugs <3

    Daniela "DREAM SHABBY CHIC" Milano

    RispondiElimina
  15. Sono bellissime e fanno venire l'acquolina in bocca!! Io però niente strutto dato che sono vegetariana, potrei provarle con il "classico" burro :)

    RispondiElimina
  16. uh ma vi sono piaciute tantissimo!!!!
    buon sangue (belga! ;-)) non mente!!!

    *daniela: grandissimo complimento è per me, da una decoratrice...

    *magie dolci: direi che il burro ci va alla grande comunque!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...