lunedì 15 marzo 2010

aromaterapia

___
la buccia dei mandarini sul termosifone
__
la pipa di monsieur patou: vaniglia, cherry, miele
___
la lavanda, che da piccole mettevamo insieme a mamma nei sacchettini fatti con i veli delle bomboniere, poi messi nei cassetti
___
la salsa di pomodoro per i vicoli del centro storico di Melfi, le donne, le ciabatte e la vestaglia da casa a fiori
___
il mazzetto di margherite (tante!) posato sul cruscotto della macchina di papà, la domenica da piccole quando le raccoglievamo da portare a mamma che preparava il pranzo: odore di camomilla che pervadeva l'abitacolo fino a nausearci un po', tutti e tre
___
il vin brulè, quando il raffreddore sta per arrivare
__
il burro di cui sembro diventare dopo aver sfogliato la pasta per i croissant fatti in casa. per tutta la casa
__
l'erba tagliata, l'odore del verde
___
l'asfalto bagnato alla prima pioggia della fine dell'estate
___
rosmarino, il cespuglio, da sfregare con le mani quando manca il respiro, quando serve il contatto con la realtà, e di ridere di nulla tra sè e sè
___
i pacchetti di figurine panini, dopo aver pregato "mamma compracele" tutta la mattina, appena aperte, appena incollate all'album
___
tutti i fiori e le erbe officinali dei giardini di Villandry, ad uno ad uno, con gli zii in Francia alcune estati fa
___
il rossetto, che serve a ricordarti donna, qualche volta
___
i libri nuovi, appena sfogliati
___
i libri vecchi, pocopoco ammuffiti
___
il caffè, appena macinato
___
la terra umida, quanto basta per seminare
___
il caramello leggermente bruciacchiato
__
la neve.

Ecco alcuni degli odori che un po' parlano di me.
Forse anche troppo, o sicuramete più del solito, un po' come accennava Wenny nel suo post-invito (http://wennycara.blogspot.com/2010/03/il-giorno-dei-buoni-odori.html), di qualche gorno fa, che mi è piaciuto tanto, che viene dall'invito di the t time (http://alberocasacucinastella.blogspot.com/2010/02/372-il-giorno-dei-buoni-odori.html)....
Ecco, i nostri buoni odori di buon auspicio per l'inizio della primavera (e son due! ;-P)!

:)

17 commenti:

  1. Adoro i "tuoi" profumi e mi riconosco in quasi tutti, la lavanda, il rosmarino, i libri... Più ti leggo più ho voglia di scoprirti :-)
    Bacioni e buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Via via che leggendo un'aria sognante si impossessava del mio volto...
    Mi piacciono i tuoi profumi. Alcuni si mescolano perfettamente ai miei.
    Buon inizio di settimana cara vaniglia.

    RispondiElimina
  3. Questo è un gran regalo che mi fai, sai?
    E' quasi inutile dire che i tuoi buoni odori mi incantano: grazie davvero cara vaniglia :)
    Buona serata,

    wenny

    RispondiElimina
  4. cara vaniglia:
    un particolare ringraziamento per i giardini di "Villandry" e per quello che siete state e stati per noi..
    un saluto particolare dal mio giardinetto...
    buona serata!

    RispondiElimina
  5. sei un mito...hai ricordato pure i pacchetti delle figurine!!

    RispondiElimina
  6. ...e l'odore della neve! finalmente qualcuno che se ne accorge

    RispondiElimina
  7. il mughetto che raccoglievamo tutte insieme quando andavamo a trovare zia Milla; la pelle della sorellina neonata; il pane alle noci che cuoce in forno e che allieta una casa di universitari; le folate di primavera che ogni anno tornano instancabilmente; il basilico che raccogli per fare il pesto.

    RispondiElimina
  8. *anto: già ero sull'orlo del baratro della lacrimetta. adesso mi hai stroncato col colpo di grazia, sorella.

    RispondiElimina
  9. p.s. per impatiens66
    ecco, adesso se vuoi sei invitata anche tu a fare questo gioco sul tuo blog!
    no?
    ;)

    RispondiElimina
  10. "il baratro della lacrimetta"? cammina, vai a pelare le cipolle per qualche buona ricetta :-)

    RispondiElimina
  11. adoro "riconoscere" gli odori, io li trovo sempre così evocatori di ricordi, me li fanno sembrare vivissimi. Molti dei "tuoi" profumi sono anche i miei, o legati a qualcosa o tra i miei preferiti (uno per tutti, l'odore dell'asfalto caldo di sole bagnato dalla pioggia). Sarà il più trascurato dei nostri sensi, l'olfatto, ma è talmente potente se lo si ascolta (beh ...) un po'...
    Grazie, post molto molto coinvolgente, cinzia

    RispondiElimina
  12. *antonella: ora tutti sanno delle terribile sorella perfida di vaniglia!!!! =D

    *cinzia: stavo pensando proprio qualche giorno fa, che forse quello tra i cinque sensi più legato alla memoria...

    RispondiElimina
  13. cara vaniglia, non sono ancora in grado di fare questo magnifico "giochetto" di profumi, odori e sapori, sul mio blog e, se anche ci riuscissi, non sarebbe mai così pregnante, così profumato e fresco come il tuo, ma grazie per l'invito e per il suggerimento...

    RispondiElimina
  14. cara vaniglia, non sono ancora in grado di fare questo magnifico "giochetto" di profumi, odori e sapori, sul mio blog e, se anche ci riuscissi, non sarebbe mai così pregnante, così profumato e fresco come il tuo, ma grazie per l'invito e per il suggerimento...

    RispondiElimina
  15. *anonimo/impatiens: eppure come mi piacerebbe "vederlo" tra i profumi del tuo giardino... ;)

    RispondiElimina
  16. il profumo del caffé macinato è per me il profumo della casa dei nonni, una casa in un vicoletto stretto, da piccola stavo sempre lì l'estate e ogni vvolte che sento questo profumo la mia memria ritorna a quei tempi..
    ciao

    RispondiElimina
  17. *aurora: l'olfatto è veramente potente, rispetto alla memoria, vero? ;-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...