martedì 2 febbraio 2010

mini-tartes aux poireaux

crostatine salate porri e taleggio!

Era da un po' che cercavo una ricetta di tarte au poireau che mi inchiodasse al tavolo.
Perchè dovete sapere che tendo a stare molto più ai fornelli che seduta a tavola, deve essere un riflesso della perfetta educazione impartita dai nostri genitori da bambine ("non ci si alza finchè non si è finito di mangiare!", anche durante lunghi e noiosissimi matrimoni mentre tutti gli altri bambini scorrazzavano come selvaggi per la sala, che invidia! ;-))...
Cmq dicevamo dei porri, e di una tarte, e di qualcosa di buonobuono, che guardacaso, ho trovato da Sigrid. O meglio, come dicevamo tempo fa a proposito delle ricette che si sedimentano in fondo al nostro cervelletto semidormiente, io quella preparazione me la ricordavo, era una di quelle ricette-cavolette che ti si imprimono nella mente a non si sa perchè aspetti tanto a farle, e che finalmente, in presenza di porri bio di cassettone bio, e conseguenti chili e chili varii di verdura da smaltire, ti rivengono in mente all'improvviso, e realizzi tutta soddisfatta!
Non avevo il cumino, altra misteriosa spezia che mentre cerchi in casa nell'apposito reparto, E NON TI SERVE, fa capolino in continuazione, ma quando sembra indispensabile, si è andata a ficcare nei meandri della cucina e non sbuca manco a cannonate.
Comunque pure senza cumino, una bomba, sorprendentemente buona e sorprendentemente facile, quasi che la prossima volta la rifaccio identica.
La ricetta (rispetto a sigrid ho sostituito il timo al cumino, e il latte alla panna, dimezzandolo):

ingredienti
pasta sfoglia o brisée pronta
2 porri
200gr taleggio
1dl latte
2 uova
sale
pepe
timo

Stendere la pasta sfoglia e rivestirne degli stampini di circa 12 cm di diametro (o uno stampo grande). Lavare e tagliare il porro a pezzi di 1-2cm e farlo ammorbidire in una padella antiaderente con una noce di burro e qualche fogliolina di timo. Dividere il porro nelle crostatine, aggiungere in ciascuna una fettina di taleggio tagliata a pezzettini e infine il latte leggermente sbattuto con le uova, il sale e il pepe.
Cuocere a 180° per circa 20 minuti (più di mezz’ora nel caso della torta grande), o finché la superficie delle crostatine sia dorata.
___

28 commenti:

  1. Eccola la mia vaniglia!!!
    Ti immagino sopraffatta dal lavoro e mi sa che non mi sbaglio, eh!?...
    Anche a me viene costantemente rinfacciato di non stare seduta con gli ospiti, ma di fare in su e giù sala-cucina... Abbiamo rimediato mangiando in cucina (ma solo con amici strettissimi)!
    Buona giornata cara e un bacio.

    RispondiElimina
  2. buono il porro...ma spesso ce l'ho in frigo e non mi viene mai un'idea per prepararlo...questa mi pare buona (madò che incubo i matrimoni in cui gli altri bambini scorazzano in giro e tu sei costretto a restare seduto...eh eh)

    RispondiElimina
  3. Che bello rileggerti!
    Questi tortini hanno un'aria davveo molto invitante e soprattutto sembrano davvero molto delicati.
    Un bacione e buona giornata
    fra

    RispondiElimina
  4. Queste sono fantastiche! Infatti le avevo viste da sigrid e anche allora mi era venuta l'acquolina...mi sa che tu mi hai convinta a provarle! Baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  5. Che belle queste tortine!!Sei sempre bravissima!!Complimenti!!Baci!!

    RispondiElimina
  6. idea: se utilizzassi la teglia da muffin e, sempre utilizzando la pasta sfoglia facessi dei piccolo "pies"? secondo te il tutto si cuoce bene?

    RispondiElimina
  7. Molto interessante questo cavoletto revival. Dovrei proprio provare, alla prima occasione sarà mia!

    RispondiElimina
  8. che bell'abbinamento dev'essere, lo voglio provare al più presto!

    RispondiElimina
  9. buonissimi!!! adoro il porro in ogni modo in cui viene cucinato :-) ciao Ely

    RispondiElimina
  10. Buone, buone,,buone!!!
    Queste terrebbero inchiodata a tavola pure a me!!!!

    RispondiElimina
  11. Quanto sono carine :)
    Una domanda: hai mai provato a preparare la sfoglia tu stessa? Io volevo cominciare, proprio come la brisè: ho provato la pate à quiche di Felder, manco a dirlo un successo, comodissima da porzionare e surgelare. Che ne dici della sfoglia?
    Un abbraccio,

    wenny

    RispondiElimina
  12. che belle, anch'io adoro i porri!
    Lo sai che ho provato la tua bevanda ayurvedica e non poso più farne a meno? me la faccio ogni sera... =D

    RispondiElimina
  13. PS: sì, ho lo stesso problema con lo stare seduta a tavola, e gli stessi ricordi...

    RispondiElimina
  14. buonissime queste tortine, golose!
    Ciao da Francesca

    RispondiElimina
  15. ciao!!!!!!

    eccomi qua, cavolo era praticamente una settimana che non postavo! che bello però vedere che tutti stavate "appostati" a vedere che succedeva....

    *carolina: CIAU! immaginavi benissimo... pensa che non riesco a ricordare se questo finesettimana, appena passato, ho cucinato qualcosa o no... cioè sì, un due-tre cosette, ma svogliatamente - ero proprio stanca - non le solite sessioni finesettimanali di cucina!

    *antonella + antonellabis: ;-)
    anto se non ti prepari la vichyssoise (http://vanigliacooking.blogspot.com/2009/02/vichyssoise.html) prima di subito ti impedisco di fare queste stupefacenti tortine!!!!
    è l'abc del porro, la sublime scicchissima semplicità delle cose assolute, la ricetta francese (sì, beh, una delle...) per eccellenza, il più del più... io la metterei nella top ten delle preferite, è una soupe-manifesto!!!
    e a quel punto sì, che puoi fare questa cosa stupenda dei usare gli stampi da muffin, cacchio, perchè non c'ho pensato io? secondo me è ancora meglio!!!
    (la sfoglia è quella bio che mi ha fatto prendere tu.. buonissima!)

    *fra: carina che sei, non sai che bello per me sapere che mi aspettate "al varco", anche quando sono sotto un treno e vi trascuro un po'.... le crostatine sono buonissime, al primo morso (e al primo bada, non all'ultimo!) ho pensato che VOLEVO RIFARLE SUBITO!
    delicate, ma con quella nota decisa del taleggio... bbone, bbone, bbone!

    *silvia: falle, falle! sono sorprendentemente semplici e sorperndentemenet buone...

    *sofy: ciao! grazie... :)

    RispondiElimina
  16. *cianfresca: eheheh, 'sti giorni sto cucinando "tuttosigrid", ogni tanto me prendono, 'sti periodi! :)

    *micaela: sì, esatto, l'accostamento è ottimo....

    *ely: sono d'accordissimo con te, e dire che li hi scoperti relativamente tardi.... ;-P

    *wenny: ciao! sì, l'ho provata (e forse c'è qualcosa pubblicato? o no..) e la brisè ne faccio una che a me piace tanto... ma sai una cosa? VERGOGNA.... :-/ io non ho mai fatto niende di felder, e DEVO provare una delle sue paste... !!!

    *cavoliamerenda: hai visto che buona? in questi giorni freddifreddi e così invernali, questi giorni "da limone e miele e zenzero" è perfetta... così depurativa e confortante!

    *acquolina: sìììì!!!! ciao!

    RispondiElimina
  17. Ciao! Sfiziose e delicate queste tartellette! Il docle dei porri con il saporito del taleggio è perfetto per questa sfoglia!
    baci baci

    RispondiElimina
  18. I classici bocconcini del prete! Specialissimi; decisamente li preferisco in versione mignon.

    RispondiElimina
  19. anche io barbara! anzi, come consigliava antonella, io la prossima volta li farei direttamente nello stampo da muffin.... ancora + piccoli!

    RispondiElimina
  20. un'ultima indicazione: per le dosi che hai indicato è sufficiente un solo rotolo di sfoglia? (e farò anche la vichissoise - o come se chiama - promesso ;-)

    RispondiElimina
  21. Mamma mia che invitanti che sono!! Me ne spedisci una per pranzo?? Io i porri li ho sempre usati per fare delle zuppette ma questa idea mi sa che è anche meglio!!

    RispondiElimina
  22. Hanno l'aria di essere tremendamente deliziose...
    Compplimenti per la ricetta, per le foto e peril tuo blog sempre invitante e molto curato!
    Baci

    RispondiElimina
  23. sì... :)
    sono tremende, tanto sono buone!!!

    x anto: vai tranquilla con un rotolo solo, a me è avanzato pure qualche ritaglietto.... fatto fuori subito però!

    RispondiElimina
  24. fatta! mini tarte a me! buona buona..con quel taleggio che ti resta nelle dita... :) grazie per la ricettina veloce e gustosa! e soprattutto finalmente ho dato fondo a quei due porri biologici che giacevano da 2 settimane nel mio frigo.. te li ricordi? ;) smack!

    RispondiElimina
  25. Fatte fatte, merci merci!
    Ovviamente negli stampi per muffin, per sentirmi accanto almeno a due delle meravigliose sorelle Venezia :)

    Davvero buonissimi e dire che a me il porro piace tanto, ma lo guardo sempre un po' stranita.
    Che poi il porro non esiste, è un nome così brutto, molto meglio "a cipuddetta" come si dice dalle parti mie.
    Ma sui nomi dei frutti e ortaggi ci sarebbe da scrivere un'enciclopedia, chiedi a tua sorella...
    Per dirne una, quella che al mercato romao romano indicano come cavoletti siciliani, in verità è il molto più simpatico SPARACEDDU :)

    RispondiElimina
  26. confondo sempre poireau con poivron... pensavo fosse una cosa ai peperoni! Invece queste mini tarte capitano a fagiuolo, dato che per un errore del GAS ho tonnellate di porri. Molto sfiziose. Ne farò un po' e le metterò anche in freezer per i pasti al volo. Grazie!

    RispondiElimina
  27. *piera: j'adore, i porri bio che stanziano per due settimane!!!
    ;)

    *fillesurlepont: secondo me negli stampi da muffin vengono ancora meglio (fa molto "DonnaHay", nè?)!!!

    *catobleppa: ed io i poireaux con il poivre! insomma, meglio te!!! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...