mercoledì 20 gennaio 2010

uova in cocotte agli champignons

Ricetta perfetta per cavarsi fuori dai guai...



Qualche giorno fa sono andata un pochino in crisi a seguito di un'affermazione di qualcuno di casa sul bloghino....
Lui, il mio fortunato e severo critico gastronomico, nonchè attento osservatore del blog (ovviamente non fa un accesso manco a cannonate, e in fondo a che gli serve, lui vede tutto "dal vivo"?), ha commentato, da bravo maschietto, "troppi dolci" (e non è il primO, sottolineo la -O finale, che osserva questa cosa dato che ho capito che tutti i miei amici e colleghi gradirebbero più carne on line, e infatti di recente mi sono tanto impegnata (qui, qui e qui!), ma che vogliamo fa', io di verdura e pane, sono!)
Cmq a mia discolpa c'è da dire che in questo periodo le venti ricette in coda nella home page "acchiappano" in pratica solo il mese di dicembre e inizio gennaio, di fatto tutto e solo il periodo natalizio, e quindi hai voglia a spiegare dell'atmosfera, dei regali, dei biscotti, del natale, della befana.... il suo giudizio era insindacabile, tanto che è stato anche rafforzatao da una domanda, la seguente: "se io fossi un tuo lettore o una tua lettrice, e dovessi servire una cena ad amici, troverei abbastanza ricette nel tuo blog?".
__
1. Panico iniziale.
__
2. Prima reazione: cucinato due torte, tanto per scaricarsi un po'.
__
3. Ho fatto qualche considerazione:
__
- in effetti il bloghino nasce come ricettario online, con qualche racconticcio attaccato, tanto perchè io so' un pochetto logorroica, e tali "allegati verbali" ci sarebbero scappati (e ci scappano) pure al telefono con mia sorella o mia madre e altri, quando tramando una ricetta. Ovvio, pensavo tra me e me, che quando ci facciamo la bistecca ai ferri, non è che io la posti... Cmq al tempo stesso se ci scappassero due involtini al sugo in più non è che mi dispiacerebbe, tutto sommato (e che dire delle polpette di mia sorella? che darei per farle come lei... magari je rubbo la ricetta e scippo una fotina e via, ve la posto! ;)).
__
- al tempo stesso la gestione della cosa fotografica mi taglia fuori un po' di piatti serali, meno "carboidratici" e più proteici... torte e biscotti invece li puoi fare anche alle 2 di notte e fotografarli la mattina (o qualche giorno) dopo, se è estate (se è inverno...)!
__
- c'è pure da mettere in conto la mia passione per la patisserie, coltivata fin da piccola, ma non me la sento di buttarmi a capofitto su un tema così specialistico (anche per motivi di salute, no? ;))... però al tempo stesso il blog mi rimane sempre un pochino sbilanciato verso le "cose dolci", sì, lo ammetto!
__
Insomma alla fine della fiera ho pensato di fare due cose:
a. cucinare subito delle strepitose ovette in cocotte ispirate ad una ricetta vista sul numero di gennaio-febbraio di Marie Claire idées, e postarle (ecco, ci siamo finalmente, 2.500 battute per introdurre il post è qualcosa che va al di là della logorrea, mi sa... :))
b. cercare di organizzare le ricette in modo che siano meglio consultabili, perchè ci stanno, nel blog, "cose da cena", giuro che ci stanno!!!!
___
Ecco la ricetta, che quasi passa in secondo piano dopo questo sproloquio, ma vi assicuro che rasenta la perfezione: buonissima-velocissima-presentabilissima ad una cena tra amici, tiè!
___
ingredienti (per 4 persone)
4 uova
300 ml (anche qualcosina di più) panna acida*
1 punta di coltello noce moscata grattugiata
200 gr champignons*
3 cucchiai olio d'oliva
1 spicchio di aglio
pancarrè 4-6 fette
sale, pepe
____
Lavare ed asciugare i funghi e tagliarli sottilmente (io ho usato quelli fià fettati del super! :-P).
Rosolarli circa 10' con due cucchiai di olio d'oliva e uno spicchio d'aglio in una padella antiaderente, poi salare e pepare.
Nel frattempo preparare la cottura a bagnomaria al forno, riempendo per metà (attenzione all'altezza che raggiongerà l'acqua una volta inserite le cocotte per la cottura - io ho fatto la prova con le cocottes vuote per regolarmi) una teglia a bordi alti di acqua e inserirla nel forno, da accendere a 180°C.
Mescolare la panna acida con la noce moscata, un pizzico di sale e una spolverata di pepe, poi ripartirla tra le 4 cocottes. Aggiungere, sopra, i funghi ormai cotti, le uova, e passare tutto in forno (inserendo le cocottine nella teglia piena d'acqua - attenzione a mani, occhi, forno, bambini e animali, macchine fotografiche nei dintorni) per circa 10'.
Mentre le uova si cuociono tagliare il pancarrè in listelli di circa un cm, e passarli in un padellino antiaderente con 1 cucchiaio di olio.
Servire le uova calde, con i crostini di pane.
___

_____________________________________________

p.s. aggiornamento del 06 ottobre 2010: mi sono accorta di aver scritto 300cl di panna acida invece che 300ml (appena corretto!). Spero che nessuno di voi abbia usato 3 LITRI di panna acida per queste preparazione (mandandomi qualche accidente ;-P)

26 commenti:

  1. Hanno posto anche a me la stessa questione, e ho risposto proprio nel tuo stesso modo. Anche io ogni giorno mi combatto, tra la tentazione di seguire l'istinto e sfornare solo dolci e quella di rendere invece il blog maggiormente utile, denso di spunti. Insomma secondo me dobbiamo cercare di accontentare un po' tutti, ma anche, visto che poi alla fine non ci guadagnamo praticamente niente, cercare di ricordare che lo facciamo più che altro per noi.
    Splendida ricetta.
    un abbracio

    Sara

    RispondiElimina
  2. Ma dai nn ti preoccupare, e pensa qui blog che postano solo e solo docli, alla fine il blog nasce per seguire le nsotre passioni...se hai la passione per i dolci...allora postali no?!
    buonisismie le uova in cocot con gli champignons...una splendida idea!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. Io mi diverto troppo a passare di qua... Se il mio "tiramisù (tanto per rimanere in tema di dolci...) di morale"! :)
    Anche a me gli amici (soprattutto quelli di sesso maschile) e mio cugino hanno detto: "ma un po' di ciccia (carne), no?! Ad esempio, una bella bistecca alla fiorentina...". Ora, va detto che loro non capiscono un fico secco di problemi legati al set fotografico e alla fotogenicità del suddetto pezzo di carne, quindi magari non sono proprio ideali in quanto a consigli...
    Comunque, non mi pare che nel tuo blog manchino "cose da cena"... Io ho fatto ben 3 torte salate pescate dalla vaniglina ed erano una più buona dell'altra!
    E poi, vuoi mettere il divertimento che c'è nel preparare una torta, biscotti, muffins, cakes piuttosto che "spatasciare" in padella un pennuto?! No via, non è proprio la stessa cosa...
    O mamma, come sono stata lunga! Adesso taglio!
    Le cocottine con gli champignons considerale già copiate... Ovviamente per una cena! ;)
    Baci!

    RispondiElimina
  4. la metà delle mie cene le risolvo pescando da te. [va anche detto, però, che io odio gli animali morti (e cioè animali terrestri a 4 zampe; anche se il medico vorrebbe obbligarmi a mangiarmi un quarto di cavallo al giorno...), sopporto i bipedi e amo quasi tutti i nuotatori.] viva le zuppe e i carboidrati!
    :)

    RispondiElimina
  5. Sai, il blog è il nostro spazietto virtuale, dove possiamo dire e fare ciò che ci piace...quindi qual'è il problema?!
    A me piace tantissimo passare di qua, e apprezzo tutto quello che posti!
    Queste cocottine poi sono deliziose...

    RispondiElimina
  6. Oh come ti capisto, fidanzati e amici non capiscono quanto sia coplicato gestire ricette, set, luci e tempi di preparazazione! a me le tue ricette piacciono davvero tanto e queste uova in cocotte con champigno sono davvero una variazione deliziosa!
    Un bacione grandissimo
    fra

    RispondiElimina
  7. tutti fatti con lo stampino! Anche a me dicono sempre "troppi dolci" oppure "ma perché non ci cucini un bell'arrosto?" io ci provo...ma poi fallisco sempre e la lista dei dolci sul mio blog si allunga!

    RispondiElimina
  8. Anche io mi aggiungo alla schiera dei sostenitori di dolci! La verità è che mi dà molta più soddisfazione stare mezz'ora davanti al forno aspettando che l'impasto si gonfi e diventi da una cosa molle e immangiabile una cosa magnifica che profuma tutta la casa di dolce! Poi c'è anche da dire che non sono molto normale, come tutti diciamo che ho delle fisse, la più evidente quando cucino è che se c'è un dolce nel forno sto per tutto (e sottolieno TUTTO) il tempo seduta lì davanti a guardare se va storto qualcosa!
    Ok, hai trovato un'altra logorroica, tutto questo preambolo era per dire che le tue uova in cocotte con i funghetti mi piacciono proprio!!

    RispondiElimina
  9. io ho il divieto di cucinare dolci. Mio marito comincia ad avere seriamente FAME.
    Il problema è che io mi scarico e mi ricarico solo cucinando dolci ed impastando.
    Io la carne e i secondi proprio non li voglio fare!!!
    bellissime queste cocottine!

    RispondiElimina
  10. non ti preoccupare da me per esempio si posta di tutto :-) per settimane ricamo e cucito e poi solo pane e poi quello che mi piace :-) questa ricetta mi piace moltissimo e la presentazione è fantastica! da vero chef :-) baci Ely

    RispondiElimina
  11. le coccottes, che belline non le mangio da quand'ero piccina...

    Lo sai che la metà le cucina sempre così le uova (è la sua idea di colazione...) e io brontolo sull'aggiunta della noce moscata "non ti intendi di nulla, bla bla bla"? Ora non sono più autorizzata =D

    La cosa fotografica è una bella complicazione, però val la pena di assaggiare le polpette di tua sorella se le descrivi così, postacele presto!

    RispondiElimina
  12. ciao vaniglia!!!1 come stai? tutto bene? penso di si, visto che ti leggo quasi ogni giorno, a proposito la ricetta con le banane è pronta da sperimentare! e queste cocottine..... fantastiche!
    un bacio grande

    b

    RispondiElimina
  13. Anch'io non trovo che manchino cose da cena e per di più sono invitanti, semplici, poco da lamentarsi ;-))
    Mi piacciono sempre le tue introduzioni, i dialoghi interiori...
    Ah il problema della carne meno fotogenica in assoluto ma soprattutto è un piatto caldo, ti devi organizzare un mese prima praticamente e questi gli amici non lo sanno.
    Comunque queste cocotte sono perfette per tutte le cene.
    Baci e buona serata

    RispondiElimina
  14. toh...con quanta grazia sveli il lato tormentato del foodblogger! :))

    però è vero pure che di biscottini e dolciumi se ne può leggere ad ogni ora... ma, sai, le quagliette al mattino presto sono un po' indigeste!

    RispondiElimina
  15. da quando ho scoperto le uova in cocotte le cucino a più non posso da quanto sono buone! però non avevo ancora provato con la panna acida!

    RispondiElimina
  16. ...questa è telepatia culinaria:anch'io ho preparato le uova in cocotte e sono pronte da postare :):)direi che questo per cena è proprio ottimo e, per quanto mi riguarda, continua pure a postare tuuuuutti i dolci che vuoi...sei bravissima e leggerti è un piacere!! :)

    RispondiElimina
  17. se posso permettermi credo che sia un falso problema, non senso i blog nascono dalla passione di condividere qualcosa con qualcuno, si mettono le cose che ci piacciono di più, che magari ci riescono meglio, sopratutto quando abbiamo il tempo di fare, perchè nella vita facciamo altro. Mentre invece ci sono blogger che sono giornalisti professionisti utilizzano i blogger come un giornale per la loro attività lavorativa, ricette tutti i giorni, ogni volta un servizio di piatti diverso, un ambientazione diversa, ovvio che sono più completi, detto questo apprezzo molto le uova ma sono un fan dei tuoi dolci da sempre,posta quello che ti piace di più

    RispondiElimina
  18. Ciao!Ti scopro grazie a Marzia passando dal suo blog!Sai che ho il tuo stesso problema?!!!Ti capisco perfettamente e (questo di non fare solo dolci) è stato uno dei miei buoni propositi per l'anno nuovo...però è difficile rispettarlo, un pò per il tempo che manca durante la settimana e un pò è la passione maggiore che si ha proprio per i dolci!!!Credo abbiano ragione gli altri che si tratta di un blog e ognuno mette quello che più piace senza troppi problemi, poi c'è gente che ci lavora e questa è un'altra storia!Ho dato una velocissima sbirciata (tornerò con più calma!)il tuo blog è fantastico!!!! Non farti troppi problemi continua così!!!Mi metterò fra i tuoi lettori con mooolto piacere!!!!UN ABBRACCIO e a presto!

    RispondiElimina
  19. ciao a tutti!!!

    che dire, sono stati due giorni veramente devastanti e non ho avuto il tempo nemmeno di commentare...

    nel frettempo però, ogni tanto davo una sbirciatina, e leggevo i vostri commenti, e quasi mi commuovo.

    inoltre mi sono sbellicata dalle risate, quasi mi pareva di sentire la voce fiorentina di carolina che diceva "... non capiscono un fico secco....", e mi immaginavo la faccia di lukiz mentre "sopporta i bipedi" (anche il mio dottore mi farebbe mangiare 1/4 di cavallo al giorno, e confesso che in un periodo piuttosto recente della mia vita, per motivi di salute, ho dovuto farlo!)...

    poi sara di meringhe ha fatto quel commento così equilibrato che era la pace dell'anima leggerlo (m'ha rimesso a posto con il mondo!), e dada, che ogni volta che mi fa un complimento mi sciolgo tutta perchè il suo blog è una vera poesia...

    e poi non avevo mica pensato che effettivamente potesse essere un (falso) problema (come dice gunther - grazie gunther, anche tu sempre lucido ed equilibrato, concordo pienamente, e soprattutto avevamo così bisogno di un riscontro maschile!) di tutte: fra, fiordilatte e le altre (marifra, betrovata! anche per me vale quel proposito sai?).

    e poi, ala fine della fiera, come dite tutti, il blog è una specie di specchio dei desideri, di diario, di finestra tra il mondo e la nostra cucina... quindi benvengano le cose colorate, croccanti, dolci e spiritose (e magari anche un po' utili, aggiungo io - e pure alem se ho capito bene)

    michelangelo: m'è venuto un colpo e sono andata a controllare a che ora avessi postato le quaglie, sai? primo pomeriggio.... sempre meglio che all'ora del cappuccino...:)

    onigirina: ecco, stessa patologia culinaria, solo che io lo faccio anche con le stampe al plotter di alcuni disegni. mi incollo e non mi schiodo da lì, a vedere che succede (poi magari mi distraggo quando e ora di sfornare, e rischio di bruciare tutto, ma questa è un'altra storia!)

    babs: che dire, tu sei il perfetto esempio di blog utile e bello, con le ricette che SFAMANO la famiglia e accontantano i golosi al tempo stesso.... grazie, visto che carine le cocottine? sono pure superbuone e superveloci, io le rifarei anche subito! bacibaci


    ad ogni modo grazie a tutti, non sapete che bello ricevere questi commenti lunghi.....

    RispondiElimina
  20. ciao, ho provato a fare la tua ricetta ma con modesti risultati. Non ho potuto utilizzare la panna acida ed al suo posto ho usato panna comune. Per cercare di farla raddensare ho cotto troppo gli ingredienti per cui le uoa sono diventate dure e la panna é rimasta pressocché liquida.
    Ti chiedo -volendo rifare la ricetta- a) quando devo mettere le uova (la ricetta non lo dice es io l'ho aggiunte dopo la panna) b) quanto tempo devono cuocere (piú o meno). Grazie in anticipo, Mario

    RispondiElimina
  21. *mario: le uova vanno messe insieme al resto degli ingredienti, cioè sopra la panna e insieme ai fungi (i funghi da una parte, le uova dall'altra, come in foto). va cotto tutto insieme a bagnomaria tranne il pane tostato, da aggiungere prima di portare a tavola.
    Per la panna ti consiglio di non usare quella da cucina, veramente troppo liquida... Io in commercio trovo questa (http://www.bayernland.it/it/prodotti/panna-cucina-0-2-l-con-ferm-lattici/7-661.html), al supermercato.
    Al limite puoi sostituire con un formaggio fresco, di capra, o quelli che vengono chiamati "caprini" anche se sono fatti con latte di mucca (sono bianchi a forma di salametto, banco frigo)
    fammi sapere se il secondo round viene meglio....
    ciao!

    RispondiElimina
  22. *p.s. mario: ho provato a scriverlo un po' meglio, il passaggio delle uova nella ricetta.. ;)

    RispondiElimina
  23. Grazie per le indicazioni e per le alternative alla panna. Ci riproveró! Trovandomi in Argentina cerceró un succedaneo che sia all'altezza della situazione. Caio e grazie ancora. Mario

    RispondiElimina
  24. *mario: ah, dimenticavo, alla fine 5 minuti in forno già caldo...
    per la panna sai che faccio, adesso chiedo alla mia "parte di famiglia argentina"... magari c'è qualcosa di somigliante da usare...
    Ciao!

    RispondiElimina
  25. p.s. anzi, facciamo 10', la ricetta originale ne prevede 5, io le ho tenute un po' di più in forno... diciamo dipende dai gusti! :)

    RispondiElimina
  26. Grazie per gli ulteriori suggerimenti. Cerceró un formaggio fresco che possa sostituire la panna. Ti faró sapere. Ciao, Mario

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...