mercoledì 25 novembre 2009

millefoglie ai fichi

__
La ricetta viene da un numero della Repubblica delle Donne di un cinque anni fa giusti giusti (giorno più, giorno meno...). Sabato 4 dicembre 2004. Di quelle ricette che le leggi e le tieni in mente, e vai avanti, lenta e inesorabile, finchè un giorno non ti decidi, o meglio finchè non ti senti veramente ispirata, e la fai.
Ci sono giornate da fichi cotti al passito, no? Poi bisogna vedere se hai lì sotto mano il passito, se hai la pasta fillo (trovata da Castroni, tempo fa ho aggiornato la lista della spesa, qui), se hai insoma tutti i pezzi per una ricettina come questa, che non è proprio come fare un ciambellone al volo, eh?
Da questa necessaria concomitanza di ingredienti, e dalla proverbiale mia lentezza nel decidermi a fare alcune delle ricette che stazionano (anche a lungo, abbiamo visto) nel mio cervello dipendono a volte i tempi di realizzazione.
Ma finalmente eccoci qui.

Questo lo svolgimento.
___
ingredienti (per 9-12 millefoglie)
15 fichi secchi
250ml vino dolce passito
1 cucchiaio di zucchero
1 pezzetto di scorza di arancia bio
250 gr panna acida (la ricetta originale prevede caprino)
3-4 fogli di pasta fillo
60-80gr mandorle a lamelle
burro fuso q.b.
miele di castagno q.b.
mandorle a scagliette q.b.
___
Scaldare il vino con un cucchiaio di zucchero e il pezzetto di scorza di arancia in un pentolino alto e stretto. Quando raggiunge il bollore, aggiungere i fichi secchi spezzati a metà, togliere dal fuoco e lasciar marinare un paio d'ore.
Amalgamare la panna acida con 3 cucchiai di miele di castagno.
Stendere un foglio di pasta fillo sulla teglia rivestita di carta da forno e spennellata con il burro fuso, cospargere la pasta con 20gr di mandorle a lamelle, stendervi sopra il secondo foglio di pasta fillo, poi spennellarlo con il burro fuso e cospargerlo di 20gr di mandorle a lamelle, e proseguire così terminando con uno strato di pasta fillo.
Tagliare la pasta in 9 o 12 rettangoli e ricoprire con la metà della crema di panna acida e miele, aggiungere i fichi sgocciolati, irrorare di miele e cospargere di mandorle a scaglie.
Infornare a 170°C per 20-25'.
Servire con la crema rimasta, irrorando con il passito in cui sono stati marinati i fichi.


23 commenti:

  1. complimenti per la costanza di conservare una cosa di 5 anni fa...e per il millefoglie!

    RispondiElimina
  2. rossella..... mi è appena cascata la mandibola per l'esclamazione...... spetta che vado a tirarla su :-DDDD

    RispondiElimina
  3. hai aspettato cos' tanto per mostrarci questa meraviglia?
    non riesco a non pensare al profumo dei fichi cotti nel passito..

    RispondiElimina
  4. Ciao! deliziose, e dolcissime queste mini sfoglie!! ed originalissimo!!!
    proprio un dessert da provare!!
    bacioni

    RispondiElimina
  5. mmm... mi ispira, devo provarla! Mi manca la pasta fillo ma vedo di recuperarla!

    RispondiElimina
  6. le cose buone hanno bisogno di tempo e questa millefoglie che ha riposato a lungo nella stanza dei progetti è uscita una meraviglia. Un dessert davvero raffinato e allo stesso tempo corposo, bravissima
    Un bacio
    fra

    RispondiElimina
  7. Deliziosa questa ricetta, mi hai fato un gran bene a publicarla, mi piacciono molto i fichi secchi più di quelli freschi...sapessi quante volte mi capita di mettere da parte ricettine sfiziose :)))

    Sereno giorno

    RispondiElimina
  8. Tranquilla, succede anche a me...
    Io le vedo, le memorizzo e le posiziono in un non ben identificato angolino della mia testa. Poi un giorno, non ho ancora capito per quale motivo, si riaffacciano e operano come dei piccoli tarli fino a che non decido di ascoltarli... Bada bene, tremendi, eh?!?!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. deliziosa, adoro tutto ciò che è a base di fichi!

    RispondiElimina
  10. Ciaaaao!
    eh sì, quando il tarlo, l'ideuzza, l'acquolina si impossessano di te, la cosa può andare avanti per secoli e secoli, finchè non li assecondi!
    L'idea che mi è piaciuta di più della ricetta, fin dall'inizio, è la cottura dei fichi secchi nel vino... mi sembrava di sentirne l'aroma anche solo leggendo, e mi sono portata appresso l'odore in testa per 5 anni! Bello, no?
    La testolina, come potete immaginare e forse come capita anche a voi, rimane cmq ingolfata da altre tantissime ricette "inevase", che piano-piano....
    Bacetti, e grazie!

    RispondiElimina
  11. anche io oggi sono andata di millefoglie :-D la tua è ottima!!!
    Lisa

    RispondiElimina
  12. beh, è valsa la pena aspettare, è una ricetta a dir poco favolosa! non c'è una cosa che cambierei, mi sembra perfetta per i miei gusti

    RispondiElimina
  13. Mi unisco a tutte le altre, sembra veramente ottima! Io non sono una grande mangiatrice di frutta fresca, cioè non adoro mangiarla da sola, preferisco usarla per altre preparazioni... e questa è invitantissima!! gnamgnam!!
    fra

    RispondiElimina
  14. Ti capisco, il mio approccio a certe ricette è lo stesso... l'importante è tenere a mente e, un lontano giorno, tirar fuori questi piccoli capolavori.
    Un bacio,
    m.

    RispondiElimina
  15. Ma ciaoooo!!! Hai visto la lumachina!!!!hihihihi!!!
    Spero anch'io di rivederti presto!! Per ora mi limito a sbavare sulla tua millefoglie!!

    RispondiElimina
  16. un'altra ricetta da impazzire solo a vedere quella stupenda foto... e sarà stupendo anche prepararla e gustarla! grazie Vaniglia

    RispondiElimina
  17. Interessantissimo e mi piacciono molto gli ingredienti! Mi consoli anch'io lascio "maturare" (diciamo marcire ;-) le ricette anni prima di farle :-)

    RispondiElimina
  18. Queste sfoglie sono favolose, vera,mente deliziose!!!!

    RispondiElimina
  19. grassie, sono molto contenta, perchè ero tutta agitata a non far seccare e spaccare la fillo, e soprattutto avevo un diavolo per capello mentre la preparavo, perchè intorno a me era GIORNO MA BUIO, quindi io stavo lì a penare le pene dell'inferno e immaginavo la mia foto dark...

    RispondiElimina
  20. eccolo! pardon... mi era sfuggito, tornando al vecchio post. Ti dico sinceramente, l'idea è buona, ma la pasta fillo uhhhmm...ci vedrei meglio la frolla, quella sì, e niente panna nè burro. A farne tipo fagottini o crostatine, hai presente?

    RispondiElimina
  21. Ciao cara, buongiorno!
    Innanzitutto complimenti, paiono davvero ottime queste millefoglie...
    Ho una domanda da farti, giacchè non conosco affatto la phillo (è davvero introvabile qui da me): che consistenza ha? Com'è prodotta? C'è verso di farsela in proprio?
    Oooh scusa, ho esagerato con le domande :P
    buona giornata,

    wenny

    RispondiElimina
  22. *michelangelo: ??????
    quale vecchio post?
    se ti riferisci a quello che dicevo sui fichi (da te? o su questi schermi?), non mi sembra che alludessi a QUESTA ricetta... hihihi, ma ad un'altra!
    solo che per ora non è postabile, secondo me. le foto non mi aggradano.
    ma non te preoccupa', ci sto lavorando... :)

    *wenny: sììììì!!!! sepoffà, solo che io sto in una fase un po' stanchina, e l'altezza del mio tavolo a roma arriva veramente troppo sopra l'ombelico, per potermi arrischiare a tirare la pasta a 0,06 mm, con tutto quel bendiddio di fichi e passito in cantiere....

    RispondiElimina
  23. Non c'entra niente ma grazie per quel che hai scritto ieri, mi hai emozionata. Te l'hanno già detto che sei adorabile, si'? :-)
    Buon fine settimana

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...