domenica 9 novembre 2008

Burro fatto in casa

sublime colpo di follia
E' successo questo, ieri.
Sabato pomeriggio piovoso romano. Termosifoni condominiali ancora rigorosamente spenti. Vaniglia intenta a scrivere una recensione di libretto molto interessante che presto vi propinerà. Un po' distratta però. Scivola veloce su un sito amato e molto referenziato, e trova una ricetta moolto beella che le scombina, come spesso accade, il pomeriggio.
La ricetta per ora non ve la anticipo. La concentrazone va tutta su un ingrediente necessario, che Vaniglia non ha: buttermilk.
Cherobbaè? Pensa Vaniglia. La recensione viene scaraventata tra le cose meno urgenti da fare. La ricetta con l'ingrediente segreto passa in pool position e mi massacra la cucinetta tirata a lustro durante la mattinata, adesso vi dico perchè.
Allora, dopo una breve ricerca Vaniglia scopre:
1. Che il buttermilk altro non è che il latticello, ovvero il liquido che rimane dalla lavorazione della panna per ottenere il burro.
2. Che il latticello è molto usato in ricette americane, ma poco diffuso dalle nostre parti (in commercio sembra ce ne sia della Mila, ma a me non risulta di averlo mai notato nei supermercati).
3. Che, dato che è sabato, piove, è freddo, e si ha giusto una confezione di panna fresca in casa, e si ha voglia di sperimentare, quasi quasi burro e latticello converrebbe provare a farli da sè, anche perchè Vaniglia vuole fare la ricetta segreta con l'ingrediente strano, e quando Vanglia si mette in testa una cosa.....
______
allora.
_________
ingredienti
panna fresca
(basta)
__________
Mettere la panna fredda in una ciotola alta (sennò nella fase successiva gli schizzi arriveranno ovunque, come nel mio caso, ;-P) e avviare lo sbattitore. Dopo qualche minuto, ecco la panna (fin qui, classico procedimento per ottenere panna montata). Continuando a sbattere però, comincerà a formarsi il burro. Proseguire. Una volta che questo si sarà trasformato in una palla e si sarà: attaccato alle fruste, smettere di sbattere, scolare il letticello e spostare il burro in un colino spremendo il siero in eccesso. Sciacquare benissimo sotto l'acqua corrente (sino a quando questa non sarà perfettamente limpida, e spremere in modo da scolare più acqua possibile).
Questo burro è buonissino, sa di latte e panna e è perfetto a crudo, o fuso.
Nel sito da cui ho "mutuato" la ricetta c'è scritto che non va bene invece nel caso dei soffritti. Sempre nella stessa pagina web il metodo per farlo senza sbattitore elettrico, ma semplicemente con un barattolo, ancora più alternativo!!!!

Appena formato le due pallette di burro, e dopo aver fatto il casino co' 'sto frullino, sono uscita dalla cucina tutta gasata, e al gatto che mi guardava interrogativo, ho detto: "Gatòo, abbiamo fatto il burro!". A questo punto, è partita la preparazione della seconda ricetta, ma questa è un'altra storia....

18 commenti:

  1. Ti ammiro...io guardo i procedimenti per il burro fatto in casa, il paneer, il labne... mi intrigano un sacco ma poi desisto
    Ok ora sono tutta gasata per la ricetta segreta...mi toccherà aspettare
    Un bacio grande
    Fra

    RispondiElimina
  2. crei davvero cose spettacolari ;)
    complimenti!!!

    RispondiElimina
  3. Bravissima! pure il burro fai...sulle fette di pane, come in foto, dev'essere buonissimo!!
    baci baci

    RispondiElimina
  4. Il burro fatto in casa! altro ricordo d'infanzia!
    ci credi che la mia prof. delle medie di educazione tecnica ci fece fare quest'esperienza insieme al pane fatto nel proprio forno? bei tempi, bei compiti a casa ;)
    bravissima come sempre, deliziose le righe di corredo delle ricette ;)
    wenny

    RispondiElimina
  5. mentre leggo sorrido
    perché mi pare di vederti, ecco...

    RispondiElimina
  6. ciao a tutti!!!!
    è stato proprio bello fare il burro a casa (io adoro burro e connessi, e soprattutto tutte le ricette che ne contengono in abbondanza, preparatevi). Mi sono così esaltata da pensare "chissà come si fa il formaggio?"
    *fra: ma cos'è il labne, e il paneer?
    *wenny: bellissimo il burro a scuola! lo voglio fare anche io!
    *sabrina: che bello vederti!
    *tutti: mi faranno mica male, tutti 'sti complimenti?
    ciao!

    RispondiElimina
  7. un mesetto fa circa mi sn lanciata in qst avventuriella del burro fatto in casa, che è ben + semplice dello stupore che leva in chi ascolta e che soddisfazione!
    pazzesco pensare che quel che fino a 50 anni fa veniva fatto quasi di default oggi rappresenti un'operazione stravagante. però bene così! poi il latticello che si recupera è incredibile nella resa delle torte. tu trovi anche del latticello tout court in qualche negozio in italia? ops! dimenticavo, complimenti per il tuo blog!
    ciao!
    ps. per il formaggio consiglio la lettura del blog il ilpranzodibabette in cui si racconta di qualche esperimento in materia!

    RispondiElimina
  8. ciao Vaniglia, seguo da un po' il tuo blog, complimenti! Questa cosa di fare il burro in casa mi intriga molto, chissà se la mia frusta elettrica reggerà ma semmai provo con il barattolo... una curiosità, quanto burro e quanto latticello vengono fuori, per esempio, con 500 ml di panna? Grazie, ciao!
    p.s. ti ho inserito tra i preferiti del mio blog ;)

    RispondiElimina
  9. Sai che non avevo ancora capito che il latticello fosse questo liquido avanzato dalla produzione del burro! E pensare che quando l'ho fatto [a mano perché non avevo le fruste, che sbattone!!!], il liquido l'ho buttato...mannaggia.
    Post molto interessante (anche se io arrivo tardi, lo so :))

    RispondiElimina
  10. @fiordilatte: non temere! meglio tardi che mai (eheheh, visto che ho fatto bene a rompervi le scatole col latticello a desta e manca!!).
    Pensa che per me è accaduto il contrario: cercavo disperatamente la ricetta del latticello e sono "inciampata" in quella del burro homemade...
    e mentre lo facevo pensavo proprio alle persone eroiche (come te!) che si cimentavano senza fruste elettriche!
    com'è che si dice?
    chapeau!
    ;)

    RispondiElimina
  11. Effettivamente è stato un attimo di follia. Ero in montagna [=nessun elettrodomestico in dotazione], avevo della panna avanzata e mi stavo annoiando. Per portare a termine il lavoro ci siamo alternati a sbattere a mano in due... fatica!

    Parlando di burro, so che quello homemade dura circa una settimana. Eppure mia mamma mi racconta che mia nonna lo faceva cuocere in padella e poi si conservava per lungo tempo in frigo...mai sentita questa cosa? Purtroppo mia nonna nega questo fatto...ah la vecchiaia ^__^ eppure mia mammma e i suoi fratelli se lo ricordano! E con questo passaggio forse si ovvierebbe al problema soffritto...

    RispondiElimina
  12. *fiodilatte: anche io sapevo che dura poco... però avevo anche letto, da qualche parte, che non è adatto alle alte temperature, ovvero per soffritti... che intendi con "farlo cuocere"??
    a questo punto mi viene un'enorme curiosità.

    RispondiElimina
  13. *fior: ero io, eh?
    solo che soffro di sdoppiamento della prsonalità (;-P)

    RispondiElimina
  14. Eh sai cosa ti dico???domani lo faccio pure io!!!

    RispondiElimina
  15. *pentole di cristallo: mi sembra che sia benuto bene, no?
    :)

    RispondiElimina
  16. Bau!
    Devo assolutamente dire ai miei padroncini di provare a fare il burro in casa!!
    Tanto sono sicura che poi non me lo faranno nemmeno assaggiare... =(

    RispondiElimina
  17. Ciao, volevo segnalarti che a Roma il latticello o latte fermentato lo trovi presso i Todis! Non ho avuto la pazienza di leggere tutti i commenti, e non so se ti è già stato indicato...
    Io mi ci diverto molto, fa lievitare qualunque cosa...
    Complimenti per le iniziative, ciao!
    Paola

    RispondiElimina
  18. Grazie mille Paola!!!!
    Lo trovo (quando non lo faccio! ;)) nei negozi bio, ma sapere che si trova anche al todis è una vera svolta! ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...