mercoledì 8 ottobre 2008

paste di farina gialla

Questo post è un po' parente dell'ultimo, ovvero della famiglia delle ricette di casa, quelle che appartengono alla nostra infanzia.....
Noi a casa li abbiamo sempre chiamati gialletti, questi in realtà sono i diretti concorrenti al concorso interno (sondaggio in famiglia) per partecipare a quell'altro. 
Però in letteratura, si chiamano « paste di farina gialla », mentre i gialletti sono un'altra cosa; per quelli ci vuole lo zibibbo, qui invece basta farina di granoturco, zucchero, uova e burro.
VI PREGO, non fate come la suddetta che ha usato farina bramata (quella va bene per la polenta), e non fioretto di granoturco (piu sottle della prima), con il disastroso risultato di avere un impasto perfetto e molto solidale, che però appena messo in forno si è SCISSO nelle sue componenti, non so se riesco a spiegare la scena allucinante, i solari "gialletti" flottavano allegramente nel burro scisso che faceva loro da allettamento...
paste di farina gialla di Pellegrino Artusi
ingredientigr. 200 farina di granoturco
gr.100 burro
gr.80 zucchero a velo
gr.10 di fiori secchi di sambuco comune (che io non ho messo ;-P)
n. 2 rossi d'uovo.
lavorare gli ingredienti come una pasta frolla, non smaneggiateli troppo!! (io comincio a lavorarli con la forchetta, per non "scaldarli", altrimenti tendono a bruciare) Poi stendeteli con un mattarello più o meno spessi 8mm (che ci volete fare, architetto sono, l'approssimazione a questa scala ha il margine di un millimetro), e tagliateli con un tagliapasta rotondo della grandezza che volete, non meno di 4 cm.
poi in forno a 180°C per 20'.





4 commenti:

  1. alé, ma che belle foto che fai.
    Hai già conquistato un lettore...
    Ti mando dei bacetti...
    AlessandroG

    RispondiElimina
  2. Brava!!! Da oggi la mattina mi pregusto la nuova ricetta sul tuo blog, a mezza giornata mi autoinvito a casa tua (giusto il tempo per farti organizzare ecco) e la sera assaggio!!! E' fantastico, sei contenta?
    Baci e in bocca al lupo.
    Carol

    RispondiElimina
  3. Alessandro, mi emoziono sempre un po' quando mi arriva un commento...ogni tanto vado lì a guardare se qualcuno si è fatto vivo, e se trovo qualcosa di nuovo mi entusiasmo tutta!
    grazie

    RispondiElimina
  4. carolina, mia cara, sono contenta, e sono sempre in cerca di assaggiatori, quindi ormai lo hai detto, sei assoldata....

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...